Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Una Serata al Cinema: The Aeronauts

Una Serata al Cinema: The Aeronauts

Progetto grafico a cura di Marina Alesse

Regista: Tom Harper
Anno: 2019
Durata: 101 min
Distribuzione: Lucky Red

 

Il film è ambientato nel 1862, quando Amelia Wren e James Glaisher, lei spericolata pilota di palloni aerostatici e lui scienziato specializzato in meteorologia, affrontano una serie di pericolose ascensioni in una mongolfiera, dal nome Mammoth, per sviluppare gli studi delle previsioni meteorologiche nonostante l’ambiente scientifico dell’epoca disapprovasse l’impresa. Anzi, si riteneva impossibile arrivare a formulare dei metodi in grado di anticipare gli sviluppi del tempo. Da soli tra le nuvole sfidando il cielo, i due rischiano la vita per realizzare un sogno che sembra impossibile. Tratto da una storia vera: il 5 settembre 1862, la mongolfiera Mammoth salì all’altezza di quasi 39.000 piedi facendo segnare un record di altitudine che è resistito per 45 anni. L’impresa di James Glaisher e del suo compagno di avventura Henry Coxwell è ancora più straordinaria se si pensa che non furono aiutati né dalle bombole di ossigeno né da moderne tecnologie.

(Fonte Wikipedia)

Favori e sfavori per questo film da cui probabilmente molti critici si aspettavano troppo e che io, invece, senza nulla conoscere, ho trovato delizioso.

Partiamo dall’inizio: i due attori principali, Felicity Jones (“La teoria del tutto”) e Eddie Redmayne (“La teoria del tutto” e “Animali fantastici e dove trovarli”) sono sempre più bravi. L’esperienza di aver già lavorato in coppia li aiuta nell’esprimere l’affiatamento che, man mano che il film si dipana, nasce fra i due protagonisti Amelia Wren e James Glaisher.

La fotografia toglie il fiato, con i campi lunghi che rendono perfettamente l’idea dell’immensità e il silenzio che riempie non solo lo schermo, ma anche il cuore dello spettatore. I flashback della vita di entrambi sono un po’ caotici e spezzano il ritmo, ma non tanto da rovinarne l’andamento.

Veniamo ora i lati negativi di cui è accusato il film.

Il punto di partenza è la vera storia di James Glaisher, lo scienziato pioniere della moderna meteorologia, e della sua impresa epica sulla mongolfiera Mammoth. Fin qui tutto bene, il film ricalca perfettamente la realtà storica, ma si lascia trasportare dalla fantasia attribuendo alla pilota Amelia capacità, doti e acrobazie che non ha mai compiuto, sostituendola in toto allo scienziato Henry Coxwell, vero autore delle stesse, scatenando, ovviamente, le proteste della Royal Society.

Sulle polemiche riguardo allo spessore dei personaggi, anche qui mi trovo in leggero disaccordo perché quello che manca nella sceneggiatura viene perfettamente recuperato e salvato dalla maestria degli attori che con sguardi, sorrisi o cenni d’intesa ben riescono a trasmettere emozioni e stati d’animo.

 

 

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Under the Skin

Recensione Serie Tv: Criminal Minds – 15×5 – “Ghost”

Mettetevi al riparo, Fenici, che stavolta abbiamo a ...