Da non perdere
Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Una Serata al Cinema: JURASSICK WORLD – IL REGNO DISTRUTTO

Una Serata al Cinema: JURASSICK WORLD – IL REGNO DISTRUTTO

Danny è andata a vedere Jurassick World – il Regno Distrutto e ci racconta le sue sensazioni!

 

 

DATA USCITA: 07 giugno 2018

GENERE: Azione, Avventura, Fantasy

ANNO: 2018

REGIA: Juan Antonio Bayona

ATTORI: Chris Pratt, Bryce Dallas Howard, Ted Levine, Toby Jones, Rafe Spall, Daniella Pineda, Justice Smith, Jeff Goldblum, B.D. Wong, James Cromwell, Geraldine Chaplin, Peter Jason, Michael Papajohn, Robert Emms, Faith Fay

PAESE: USA

DURATA: 128 Min

FORMATO: 2D, 3D e IMAX

DISTRIBUZIONE: Universal Pictures

 

Jurassick World ritorna dopo due anni con un film bellissimo che mantiene tutte le promesse che ci aveva fatto. Da vedere assolutamente. Il film segue la scia del secondo capitolo della saga Jurassick Park, sia per la caratterizzazione di alcuni personaggi, la ripresa di altri e l’ambientazione svoltasi tra giungla e città. A questo proposito rivediamo un vecchio amico, il Dott. Ian Malcolm, sempre pronto a delinearci futuri nefasti. Purtroppo Isla Nublar, dove vivono i dinosauri, sta per essere spazzata via dall’eruzione di un vulcano e la gente si domanda: “salviamo i dinosauri o no?” Ian e il Governo sono per il no. Anche io sono per il no, insomma mi immagino già fare una splendida e romantica passeggiata sulla spiaggia con il mio ragazzo quando un paio di velociraptor sbucano fuori e ci attaccano. No Grazie!!! Claire, la rossa del precedente film, non è d’accordo e anzi ha fondato il Dinosaur Protection Group, dove collabora con una paleontologa veterinaria, Zia, e un ex tecnico del parco, Franklin. Insomma Claire vuole salvare le bestiacce (immagino che la sorella e i nipotini non le mandino neanche gli auguri di Natale dopo codesta scelta), quindi quando Sir Lockwood, ex collaboratore di John Ammond, le propone una missione di salvataggio per prelevare e quindi salvare 11 specie da morte certa e inserirle in una zona protetta, Claire ci si butta come un topo nel formaggio senza porsi qualche domandina, e anzi trascina con sé l’ex fidanzato Owen. Owen invece le domandine se le pone e non ne è proprio convintissimo però non vuole far morire Blue, quindi che il salvataggio abbia inizio.

Senza riportarvi la trama per filo e per segno sappiate che il povero Sir Lockwood è anziano, malato e stanco e il suo collaboratore Eli è totalmente fuori controllo, (notare la somiglianza con il personaggio Peter Ludlow del Mondo Perduto) difatti collabora con lo scienziato che ha creato i dinosauri, Henry Wu, e ha pure mandato una squadra a recuperare un frammento di osso dell’Indomitus Rex. Che infame! Sta di fatto che tutti i mercenari sembrano degli idioti patentati perché quelli mandati a prelevare l’osso, dato che stava in fondo al mare, dopo essere stati attaccati da un T-Rez lasciano le barriere aperte permettendo al Mesosauro di farsi un bel giretto fuori, che sarà mai la presenza di un bestione gigantesco e carnivoro a Miami Beach. Che geni!!!!

Insomma Claire, Zia, Franklin (ragazzo pauroso fino al midollo osseo, il che mi sorge spontaneo chiedermi perché cavolo va su quell’isola!) e il super gnocco Owen raggiungono le squadre speciali a Isla Nublar. Fin da subito il capo dei mercenari Ken Wheatley, che di Ken amore di Barbie non ha un tubo, dimostra poco spirito collaborativo (tranquilli fa una fine tremenda). Subito appare chiaro che Ken abbia tutto sotto controllo ma l’unica cosa che desidera è localizzare e recuperare Blue. Nessuno si domanda il perché. Raggiunto il centro di controllo, Franklin avvia il sistema informatico del parco e Claire, con le sue impronte digitali, attiva il localizzatore di Blue. Una squadra capitanata da Ken e Owen, con l’aggiunta di Zia, parte per scovare e catturare Blue. Fin da subito Owen è l’unico che riesce a trovarla e a non farsi attaccare, ma per paura uno dei mercenari spara al velociraptor causando danni seri che solo Zia sa di poter curare. Owen, invece, si becca un dardo paralizzante e viene abbandonato in mezzo alla giungla. Zia viene portata via insieme a Blue. Claire e Franklin vengono anch’essi abbandonati nel centro, mentre colate di lava cadono dall’alto e un dinosauro curiosone e pieno di denti decide di concedersi un bel pranzetto.  Senza togliervi il gusto di vedere e godervi il film evito di raccontarvi come fanno a scappare, vi dico solo che ho distrutto una delle mie splendide unghie mentre guardavo le scene! Insomma Claire, Franklin e Owen riescono a salire sulla nave senza farsi riconoscere (questo la dice lunga sul livello di preparazione dei mercenari!). In lontananza si vede l’isola divorata dalle fiamme e i dinosauri che muoiono tra atroci sofferenze. Grazie Spielberg per aver alimentato i miei incubi! È una scena molto emozionante, che eviterei di far vedere ai vostri giovani pargoletti.

Tornando a noi, so che l’unica cosa che vi frega è il destino di Blue, difatti si potrebbe dire che senza Blue il film perderebbe parecchio spessore, soprattutto perché è un velociraptor addomesticato, o meglio sembra capace di sentimenti umani, come la compassione e l’amore. No, non ne vorrei uno a casa con me. La povera Blue sta male e ha bisogno urgente di una trasfusione di sangue possibilmente di un carnivoro con tre artigli. L’unico che si trova sulla nave e corrisponde all’identikit è il T- Rex. Quindi Owen e Claire (riunitosi insieme a Franklin a Zia) devono andare a prelevarlo, senza farsi beccare e magari sbranare. La scena è eccezionale, pensate di trovarvi in una stanzetta minuscola con dentro un T- Rex addormentato e voi muniti di una sacca in mano e una siringa bella lunga. Io non l’avrei fatto, neanche per Blue. Sta di fatto che il narcotico dato all’animale non è minimamente sufficiente perché si risveglia, proprio con Claire sulle spalle. (L’incompetenza di questi mercenari è sbalorditiva) Vi lascio immaginare il seguito, morte, sangue, pezzi di carne ovunque, emm, stavo scherzando! Si salvano tutti, e prelevano pure il sangue. Difatti Blue si salva.

Arrivati alla magione Lockwood facciamo la conoscenza di Maisie (i denominatori comuni in tutta la saga sembrano essere dinosauri e bambini!) la “nipotina” di Sir Lockwood e grazie a lei scopriamo anche perchè il nonnino ha litigato con il suo vecchio socio. La bambina è il clone della figlia di Lockwood, morta prematuramente. Ovviamente la povera ragazzina non ne ha idea e scopre tutto a causa di quell’idiota di Eli, che la rende orfana. Il piano malvagio di Eli è quello di vendere i dinosauri prelevati dall’isola ad un’asta e nel clou della serata presentare il superbo (vi prego cercate di contenere le risate) Indoraptor, chiamato così per dei segni dorati. Questa ulteriore bestiaccia, più letale dell’Indomitus, nasce appunto dal DNA di quest’ultimo combinato con Blue, è stato addestrato per la guerra e risponde a determinati comandi, studiati in seguito alla ricerca di Owen con i suoi velociraptor.

L’asta ha inizio e tra gli invitati troviamo tutti pezzi grossi tra cui criminali, ricconi e manager di grandi imprese anche farmaceutiche, addirittura c’è un papà che vuole un tenero cucciolo di Brontosauro per il suo figliolo (i cani non vanno più di moda??). Il resto ve lo lascio assaporare guardando il film, sappiate però che seguono forti scene a base di denti, sangue, denti e ancora sangue! Mi pare ci dovrebbe essere anche un bacio da qualche parte … Comunque sia l’unica e vera star è solo Blue, sempre e solo lei!

Giunti al finale ci troviamo di fronte al dilemma iniziale “Salvare i dinosauri o no?”. Nella struttura sotterranea della magione, piena di gabbie ospitanti i dinosauri salvatisi dall’asta, a causa di un guasto che ha fatto fuoriuscire un gas mortale, tutti gli animali rischiano la morte, ma c’è un bottone rosso in sala di controllo che al solo tocco farebbe uscire gli animali.  Vita o morte? Claire si trova nella posizione di poter premere quel bottone ed è tentata, molto tentata. Ma non sarà lei a premerlo, bensì qualcun altro con ottime argomentazioni dalla sua. Vi lascio scoprire chi è e perché! Una volta usciti dal palazzo, Owen vede Blue che lo sta aspettando. L’idea sarebbe quella di catturarla e portarla via in un luogo sicuro, ma l’animale alla vista della gabbia guarda il suo amico con uno sguardo che sembra dire: “attaccati al tram idiota” e se ne va per il bosco.

Le ultime scene sono abbastanza profetiche per quello che sarà sicuramente un terzo capitolo eccezionale, sono accompagnate dalla voce del Dott. Ian Malcolm che in un certo senso, già dal primissimo film, aveva previso questi fatti.

Insomma che dire?! Voi cos’avreste fatto? Avreste premuto il pulsante o no? La mia opinione già la conoscete, ora vorrei conoscere le vostre!

Come film mi ha sbalordito parecchio, tra tutti i denti, le urla e il sangue ha posto un quesito molto importante, se ci pensate bene non è facile dare una risposta: gli uomini hanno creato i dinosauri quindi hanno diritto o no al loro sterminio? Vorrei rispondervi con le parole della dottoressa paleobotanica Ellie Sattler del primo Jurassick Park: “Dio crea l’uomo, l’uomo distrugge Dio, crea i dinosauri, i dinosauri uccidono l’uomo e la donna eredita la terra”. Facile no??!

Con queste parole vi saluto e vi auguro buon film!

 

 

 

Snow White

x

Check Also

Skyscraper

Una serata al cinema: Skyscraper Regia Rawson Marshall Thurber

Genere: Thriller, azione Anno: 2018 Regia: Rawson Marshall Thurber Produttore: Dwayne Johnson ...

error: Contenuti di proprietà di RFS