Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Una serata al cinema: Frozen II – Il segreto di Arendelle

Una serata al cinema: Frozen II – Il segreto di Arendelle

 

Lingua originale: Inglese

Produzione: USA

Anno: 2019

Genere: Animazione, Avventura, Fantasy, Musicale, Commedia

Regia: Chris Buck, Jennifer Lee

Casa di Produzione: Walt Disney Pictures

Durata: 103 min.

Doppiatori Italiani: 

Elsa: Serena Autieri

Elsa bambina: Anita Sala

Anna: Serena Rossi

Anna bambina: Sara Ciocca

Kristoff: Paolo De Santis

Olaf: Enrico Brignano

Mattias: Massimo Bitossi

 

 

Ora che Arendelle e la sua famiglia vivono in armonia, Elsa non vorrebbe per nessun motivo turbare la quiete di entrambe, ma sente una voce, che nessun altro ode, che le mostra frammenti del suo passato e le promette risposte riguardo alla sua identità. Per seguire questo richiamo e trovare una spiegazione ai suoi poteri, decide di viaggiare attraverso la foresta incantata di cui le parlava il padre, nonostante questo significhi dover dominare gli spiriti dell’Aria, dell’Acqua, del Fuoco e della Terra. Anna la segue, determinata a proteggere la sorella, e naturalmente Kristoff, Sven e Olaf si uniscono all’impresa. (Fonte: Mymovies).

 

Dopo il successo del primo capitolo del film d’animazione Frozen, la Disney non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione di un sequel che approfondisse la storia di Arendelle e delle due sorelle più amate del cinema: Anna e Elsa. Ecco allora arrivato il 58° classico Disney: Frozen II – Il segreto di Arendelle.

In questo secondo capitolo ritroviamo l’algida Elsa, la romantica Anna, l’impacciato Kristoff, la renna Sven e Olaf, il pupazzo che ama i caldi abbracci… pronti per affrontare una nuova avventura che li porterà a scoprire la verità sui poteri di Elsa e su un passato che ha radici profonde. In questo film il passato, il presente e il futuro si intrecciano mostrandoci una storia più matura rispetto alla precedente.

Elsa e Anna vivono in pace ad Arendelle insieme alla loro famiglia, tutto procede bene…ma una voce del passato inizia a “perseguitare” Elsa, che decide di seguirla per trovare la verità sui suoi poteri.

Ovviamente a questa avventura parteciperanno tutti… in fondo in famiglia ci si aiuta nei momenti di bisogno.

Tutti partono verso la Foresta Incantata dove gli spiriti di Acqua, Terra, Fuoco e Aria si sono svegliati e hanno chiamato a gran voce Elsa che finalmente troverà il suo posto nel mondo…lei non è nata per essere regina, ma per essere libera nella foresta, luogo d’origine di sua madre.

Sarà Anna ad essere la “giusta” regina di Arendelle; le due sorelle in questo viaggio capiranno che il loro legame rimarrà indissolubile, ma quando si diventa adulti ognuno di noi deve prendere la propria strada, anche se questo significa separarsi.

 

Ci sono delle cose che non mi hanno fatto apprezzare appieno la storia: prima di tutto le canzoni, in questo film si canta in continuazione.

Ci sono sette canzoni, ma ne ho apprezzate solo tre, alcune le ho trovate superflue e fastidiose: in particolare quella di Kristoff (la messa in scena era inguardabile, sembrava un cantante di una band anni 90, a mio avviso una scena che si poteva evitare).

 

Mi sono piaciute invece: “Il Fiume del Passato”, “Nell’Ignoto (Into the Unknow)” e “Mostrati”.

La canzone “Nell’Ignoto” ha un ottimo ritornello ed è stata pensata per essere il nuovo tormentone da cantare, ma per me non potrà mai superare il successo di “All’alba sorgerò (Let it Go)”.

Mostrati” invece l ho trovata la più bella e significativa: segna la crescita di Elsa, ha una forza e una bellezza che non si possono ignorare ed è accompagnata dal consueto cambio di look (nuovo abito e nuova acconciatura) per la biondissima Elsa

Oltre alle canzoni un pò fastidiose sono rimasta delusa anche dal poco approfondimento sul popolo della Foresta Incantata… ci viene detto qualcosa ma in maniera superficiale.

Nonostante queste cose che non mi hanno entusiasmata, il film funziona grazie alle due protagoniste: Elsa e Anna. Sono due eroine a tutti gli effetti, che affronteranno con grazia e tenacia le sfide che si presenteranno loro, diventando due donne mature più consapevoli…Elsa ha i suoi poteri che la rendono forte, ma anche Anna, senza poteri, dimostrerà forza e saggezza liberando il Popolo della Foresta e la sua amata Arendelle (Girl Power, potentissimo!).

Per quanto riguarda gli altri personaggi: Olaf si rivela un’ottima spalla comica, la scena più divertente è quella dove riassume i fatti accaduti nel film precedente…abbiamo riso tutti in sala. Kristoff resta il ragazzo dolce e goffo di sempre, innamorato di Anna… per tutto il film cerca il momento giusto per farle la proposta di matrimonio. Ci sono due personaggi che mi è piaciuto rivedere: i genitori di Elsa e Anna, perché è proprio grazie al passato e alla loro storia che le due finalmente riescono a proiettarsi verso il futuro.

 

Vi chiederete…ti è piaciuto questo sequel sì o no?

Mi è piaciuto, ma se avessero curato di più la trama e tolto qualche canzone di troppo sarebbe stato perfetto. Le immagini e l’animazione sono spettacolari, lasciano senza fiato. Quindi, nonostante qualche pecca, il film è un ottimo seguito del primo. Siete ancora qui? Alzatevi e andate a vederlo, così poi mi direte la vostra.

Vi saluto…alla prossima!

 

 

Eve

Eve

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione Serie Tv: Council of dads – 1×01 – “Pilot”

Ciao a tutti, amanti delle serie TV! E’ ...