Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Scribacchina per passione : “Voglio scrivere un libro, da dove comincio?”

Scribacchina per passione : “Voglio scrivere un libro, da dove comincio?”


Quanti di voi si sono fatti questa domanda? Quanti pensavano che scrivere un romanzo sarebbe stato un gioco da ragazzi? Beh credetemi che non lo è.
Occorrono ricerche approfondite in special modo se volete ambientare la vostra storia in determinati periodi.
Per scrivere una storia di solito mi faccio alcune domande.

– Che genere di racconto voglio scrivere?

In questa seconda puntata di Scribacchina per Passione parleremo dei vari generi di romanzi che possono essere scritti.
Ci sono parecchi generi da valutare.
Oggi parleremo di quei generi che sono da ritenersi “fantastici”: fantasy, urban fantasy, paranormal romance e distopico.
L’ Urban Fantasy è un sottogenere del fantasy, ma si distingue da esso perché ambientato nel mondo reale (urbano, dal nome).
Questo in contrapposizione al Fantasy che è ambientato in luoghi immaginari e quindi in un certo senso hai più libertà nello scrivere.
Le trame di entrambi si possono svolgere in mondi chiusi (nei quali facoltà magiche, eventi e creature soprannaturali sono celati all’uomo) oppure in mondi aperti (nei quali viene accettato quanto detto prima).
Il Paranormal Romance, è anch’esso un sottogenere del fantasy e va di pari passo con l’Urban Fantasy, quindi spazio a vampiri, licantropi, mutaforma, streghe, angeli e demoni. Tuttavia in esso verrà prestata maggiore attenzione alla storia d’amore, filo conduttore di tutto il romanzo.
Il Distopico invece è quel genere in cui viene descritta una società indesiderabile (al contrario di utopia in cui tutto è come dovrebbe essere) in un futuro prossimo dove un regime totalitarista ha preso il comando o in uno scenario post-apocalittico. Su questo genere mi soffermerò un po’ perché ci sono molte caratteristiche da esporre. Nel caso in cui si voglia parlare di un mondo governato dal totalitarismo, queste sono le caratteristiche principali:
# Il “popolo” è suddiviso in classi sociali ben distinte fra di loro (vi ricordate i distretti di Hunger Games?!)
# L’individualismo viene visto come qualcosa di negativo e il regime punisce sempre i sovversivi
# Al di fuori dello stato totalitarista c’è un mondo sconfinato ricco di pericoli e la gente ha paura di questo (vi rammento Divergent)
# Lo Stato viene rappresentato da un presidente o leader carismatico (il presidente Snow di Hunger Games ne è un esempio)
Per quanto riguarda invece lo scenario post-apocalittico:
# Gli umani sono decimati, pochi infatti sono riusciti a sopravvivere al disastro
# Non c’è più alcun tipo di società ma ognuno pensa alla propria sopravvivenza
# Possono essere presenti esseri che in seguito alla tragedia apocalittica, sono in qualche modo mutati geneticamente
# La vegetazione è ridotta al minimo e la maggior parte delle volte contaminata a causa delle radiazioni.
Queste sono le tante caratteristiche che può avere il genere Distopico.

Ora non vi resta altro da fare che rimboccarvi le maniche e cominciare a scegliere uno di questi generi, per quanto riguarda ovviamente la narrativa “fantastica”, e di emozionarvi, scrivendo le storie di quei personaggi che alla fine resteranno sempre con voi, occupando una parte del vostro cuore.
Diletta

 

 

Scribacchina per passione : “Voglio scrivere un libro, da dove comincio?”
4.6 su 10 voti

baby.ladykira

Oltre ad essere l' Admin founder del Sito di Romanticamente Fantasy, sono una libraia ed adoro tutti i libri in genere, dai cartacei ai digitali. Oltre alla passione dei libri, sono una telefilm e film dipendente ^_^

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Tra le tue braccia, di Elena Russiello (Warriors #1)

    L’amore ha bisogno della fiducia, talvolta è insopportabile, si fa ...

error: Contenuti di proprietà di RFS