Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Rewind, un tuffo nel passato!: Dawson’s Creek

Rewind, un tuffo nel passato!: Dawson’s Creek

Chi della “nostra” generazione non ha mai sentito parlare di Dawson’s Creek batta un colpo! Ero talmente affascinata e invaghita dalle storie di questo gruppo di amici, da riuscire a immedesimarmi in ogni singolo amore, ribellione, tragedia greca, risata e battuta.

La serie è andata in onda tra il 1998 e il 2003 negli Stati Uniti, ma arrivò ben presto anche in Italia scatenando l’entusiasmo degli adolescenti per ben sei stagioni, e mi vien da dire, una meglio dell’altra!

Ci troviamo a Capeside, Massachussetts, dove un adolescente romantico cerca di seguire le orme del suo mito: Steven Spielberg, sognando di diventare “da grande” un regista. Dawson Leery, proprio colui che regala il nome alla serie televisiva, insieme a lui ci sarà Joey Potter, l’amica d’infanzia e sua futura anima gemella. I loro tira e molla sono rimasti nella storia, prima lei innamorata di lui, poi lui innamorato di lei. Gelosa lei, geloso lui. Durante alcune puntate la voglia di gridargli: “Ma insomma! Vi date una mossa!” era incontrollabile. A lui, Pacey Witter, ho invece lasciato un frammento del mio cuore, è il miglior amico di Dawson, incompreso dalla famiglia e da una società che lo tratta fin dall’inizio come un fallito, nonostante rappresenti il cuore della serie e la speranza che tutto in fondo si può realizzare. Che ne fossi decisamente infatuata si capisce?!

Saranno proprio loro i protagonisti del triangolo amoroso che si sussegue nelle diverse puntate, e parte del successo che ne è derivato si deve a loro.

Già nella prima stagione una bella e sfrontata biondina, Jen Lindley, trasferitasi da poco a Capeside per cambiare vita, ruberà il cuore del nostro Dawson, la prima cotta, i primi baci, le prime lacrime e tanto altro.

Nella seconda stagione entreranno in ballo nuovi personaggi: Andy McPhee, ragazza solare con una stabilità psicologica vacillante che farà riemergere Pacey dalle ceneri aiutandolo a riscattarsi in ambito scolastico e amoroso; e Jack McPhee suo fratello, grazie al quale l’omosessualità e l’omofobia saranno magistralmente rappresentati e portati sul piccolo schermo dal regista della serie Kevin Williamson. Sullo sfondo la storia speciale tra Dawson e Joey … sferza verso l’alto.

Nella terza stagione il triangolo amoroso Dawson, Joey e Pacey esplode! L’amicizia si sgretola e saranno scintille, non solo elettriche tra i due maschietti ma anche quelle passionali… che proseguiranno anche nella quarta stagione, dove finalmente avremo il tanto atteso amplesso. Chi? Joey e Pacey ovviamente, non aspettavo altro. Quanto ho odiato la fine di quest’ultima stagione non lo immaginate nemmeno, o forse sì, lacrime a non finire! Una tempesta tra pioggia, fulmini e lampi. Tutti alla festa di diploma e mentre Pacey prende la via del mare… sì, va bene, alla fine il diploma l’ha preso, però… ha perso molto altro.

Nella quinta stagione gli adolescenti crescono, si separano e iniziano una vita fuori da Capeside, chi l’università, chi entra addirittura in una confraternita (un ragazzo gay in una confraternita, non si bada a clichè), chi inizia a crearsi un futuro lavorativo! Nuove esperienze, nuove avventure, ma le vecchie amicizie rimangono, come quella tra Jen e Jack che si consolida sempre più arrivando a essere un mix tra un’amore platonico e una fratellanza. Oltre a ciò come dimenticare la famosa notte bollente tra Dawson e Joey!

L’ultima stagione, la sesta: li ritroviamo insieme. Vale la pena spendere due parole su Eddie, la fiamma che scalderà Joey per non poche puntate, bello e scalpestrato, l’uomo sbagliato da amare e da lasciare.

L’ultima puntata che deciderà la fine della serie è fantastica, tutti attorno a Jen, un lutto che riunirà tutti, questo farà comprendere che alla fine, qualsiasi cosa succeda e ovunque si vada, si torna sempre a casa, e casa è tra le braccia di chi ci ama.

Ciò che più mi è piaciuto di questa serie è la facilità di immedesimarsi nei personaggi, ragazzi normali che vivono problemi quotidiani alla portata di tutti. I temi trattati erano attuali allora e lo sono anche oggi: l’amicizia, l’amore, la rabbia del sentirsi incompreso o diverso, il divorzio, il sogno di potersi realizzare nella vita, l’omosessualità, la malattia e persino la morte. Oltre a ciò, per ultimo, ma non a livello d’importanza vi dico: la colonna sonora era magistrale, canzoni che incorniciavano i momenti più emozionanti rendendo il quadro complessivo una vera opera d’arte.

Vi ricordate come è finita?

La nostra Joey ha scelto Dawson o Pacey?

La tentazione di lasciarvi andare a cercare l’ultima puntata è grandissima ma… non sono così perfida!

Dawson rimarrà per Joey l’anima gemella, il suo miglior amico, mentre Pacey era, è, e sarà … l’Amore.

Lucilla

Lucilla
x

Check Also

Fear and Loathing on the Planet of Kitson

Recensione Serie Tv: Recensione Serie TV: Agents of Shield 6×08 “Rotta di collisione (1° parte)” – 6×09 “Rotta di collisione (2° parte)”

Salve, Fenici! Eccomi qua! Le avventure degli agenti ...