Home / Recensione libri / Recensione:”Brent” Serie Boys of Winter #1 di S.R.Grey

Recensione:”Brent” Serie Boys of Winter #1 di S.R.Grey

 

Brent Oliver, superstar dell’hockey, ha proprio tutto: bellezza, carisma, dozzine di contratti pubblicitari e una carriera spettacolare.Un attimo. Cancellate l’ultima voce.Brent ha il talento e le abilità necessarie per ottenere un posto nel firmamento dell’hockey. Ma qualcosa non va. Ha perso il suo tocco magico e non riesce più a ritrovarlo.Ed ecco a voi Aubrey Shelburne, life coach delle star.Aubrey ha lavorato con diverse celebrità problematiche, ma non ha mai incontrato nessuno come Brent Oliver.Oppure sì?A quanto pare, una notte di bagordi e festeggiamenti, che si conclude con il risveglio di Aubrey nel letto di uno sconosciuto sta per presentarle un conto salato, fregandola alla grande. Sempre che non lo faccia prima Brent.

Nel tentativo di tenere a bada un’attrazione senza precedenti, Aubrey e Brent devono imparare a lavorare insieme. Ma non è un’impresa facile quando tra loro la tensione è sempre altissima e sono continuamente ai ferri corti.Questa relazione è un disastro preannunciato?O è scritta nel destino?

 

 

Buongiorno fenici, oggi vi voglio parlare di questo splendido libro. Voi non potete immaginare quanto mi sia divertita nel leggerlo, non mi è piaciuto solo il fatto che fosse una storia romantica, sebbene sia molto intensa grazie alle scene piccanti tra i due protagonisti, e ammetto di esserne rimasta coinvolta, mi ha fatto ridere tanto. Veniamo ai due protagonisti, lui, Brent Oliver non è solo un gran figo, come tutti i personaggi maschili che ho letto ma anche un campione di hockey, purtroppo nel momento di maggiore prestazione, improvvisamente, ha un calo e ciò gli comporta dei seri problemi.Praticamente qualcosa non va, è proprio lui il nemico di se stesso perché la sua carriera rischia di risentire del suo comportamento. Sente che gli manca qualcosa e non capisce cosa. Poi a fine campionato comincia a partecipare e organizzare una festa dietro l’altra, si dedica all’alcool, ok non è alcolizzato, non è questo il problema ma si sta lasciando andare, e la sua società non se lo può permettere. Quindi a questo punto gli intimano di seguire i consigli di una life coach. Qui entra in scena Aubrey. Lei ha un grande dono, mettere in riga i suoi problematici clienti, e ne vede di cotte e di crude, infatti, per rimetterli in carreggiata passa con loro quasi 24 ore al giorno. Ha un carattere forte, è un peperino che non si fa mettere i piedi in testa, questo l’aiuta con il suo lavoro, altrimenti come potrebbe farsi rispettare dalle star piene di sé e abituate ad avere tutto dalla vita.

Il loro primo incontro però avviene durante una delle feste di Brent, lei infatti, è stata convinta a partecipare dalla sorella, la quale la accusa sempre di essere troppo seria e che non si rilassa mai. Beh, diciamo che in quella festa non si è rilassata, anche se tra i due non è successo niente. Una forte attrazione questo sì ma… nient’altro. Poi però hanno occasione di rivedersi all’incontro di presentazione del suo incarico come life coach. È uno shock per entrambi incontrarsi lì, perché l’attrazione tra loro è ancora forte, ma la nuova situazione non è certamente delle migliori. È bello vedere come i due si punzecchiano all’inizio e come non riescono a stare lontano, sebbene non sia la situazione ideale, poiché lei lavora per la società di Brent, e di conseguenza le interazioni di natura sentimentale sono da escludersi a causa del contratto che la lega al suo lavoro. Nonostante tutto, non possono far altro che capitolare, e lo farei anche io sinceramente.

Vedremo come questo nuovo sviluppo si intersecherà nel loro sentimento e, credetemi, non sarà facile per i due. Una bella storia d’amore non c’è che dire, vi farà emozionare come la sottoscritta. Veniamo alle parti divertenti, ho riso come una pazza, avevo le lacrime agli occhi e mi tenevo la pancia. Non ce la facevo neanche a leggere tanto mi stavo sbellicando e ancora adesso che sto scrivendo questa recensione, se ci penso, non posso trattenermi. Non per fare spoiler, ma vi consiglio di prepararvi per due episodi: quello di “Area 51” e di “Al” perché sono tra i più esilaranti.

Vi consiglio di leggere questo libro perché ha tutto quello che potete chiedere a un romance: amore, sensualità e divertimento. È scritto molto bene, è coinvolgente e non ti stanca nella lettura, anzi ho passato ore piacevoli con questo romanzo e spero che anche voi possiate farlo.

Alla prossima.

 

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Borrowing Blue – Serie: Made Marian #1” di Lucy Lennox

Blue: Quando il mio ex entra nel bar ...