Home / Recensione libri / Recensione:”Aiutarmi a Dirti Addio” di Mauro Grignolo

Recensione:”Aiutarmi a Dirti Addio” di Mauro Grignolo

 

 

 

 

Titolo: Aiutami a dirti addio
Autore:mauro Grignolo
Editore:Self
Genere:Romance Young Adult

 

 

Quanto dura per sempre?
Come sopravvive un cuore quando il destino, implacabile, si abbatte contro, lasciando solo caos e lacrime?
“ Ci sono amori che durano per tutta la vita. E poi ci siamo noi, destinati a durare molto di più. “

Adalind e Damien si amano da sempre. Prima amici, poi giovani innamorati. Un amore graffiante il loro, appassionato, senza limiti. Pensavano di avere tutta la vita davanti per poter coronare i loro sogni e formare una famiglia. Ma a volte la vita non ti chiede il permesso prima di bussare alla porta e distruggere ogni cosa.
Entrato in ospedale per una banale influenza, Damien ne esce con una sentenza inappellabile. Sei mesi di vita. Stordito e arrabbiato, ma per nulla deciso ad arrendersi. fa una promessa ad Adalind: non mi importa cosa dicono i medici, io sconfiggerò questo mostro.
Ed è di coraggio e determinazione di cui si arma per affrontare le sedute di chemioterapia e le lacrime nascoste della sua fidanzata.
Inseguendo un miracolo in cui crede con tutto se stesso, giorno dopo giorno, senza mai arrendersi a quello che sembra un destino inevitabile, Damien combatte con la gioia di vivere nel cuore.
“ Questo mostro non mi porterà via da te senza lottare. Forse non vincerò, ma vivrò fino all’ultimo con il sorriso. Per questo la malattia non vincerà mai. “
Incapace di accettare il destino che li ha improvvisamente traditi, Adalind si ritrova impreparata ad affrontare la battaglia più dura delle loro vite. Una battaglia fatta di pianti e liti furiose. Perché lei sa che se quell’addio dovesse arrivare, ucciderà entrambi, anche se in modo diverso.
“Cosa ne sarà di me…. dopo? Cosa sarò io senza di lui? Qualcosa di rotto, un involucro a pezzi che però sarebbe sempre stato lì a ricordarmi cosa avevo avuto e cosa mi era stato strappato senza neanche una spiegazione. Non esiste futuro per me. Morirò insieme a lui, perché la mia vita smetterà di avere un senso non appena lui chiuderà gli occhi per sempre. “
Persi, smarriti, senza più niente se non un terribile conto alla rovescia che va sempre più veloce, possono solo vivere il loro tempo con passione e coraggio, senza limiti e senza rimpianti, alla ricerca di quel lieto fine che giorno dopo giorno sembra diventare sempre più labile.
E se le cose non dovessero andare come ha previsto, per ogni giorno fino all’ultimo, per non lasciarla sola in quel dopo che fa così tanta paura, Damien si impegna nella cosa più difficile della sua vita: ricorderà ad Adalind quanto la vita sia bella, facendo in modo che la sua malattia non uccida anche lei.
Fino al momento in cui dovranno guardarsi negli occhi e pronunciare quella parola. Addio.
“ Lei è il mio mondo. Lo sarà sempre. Finché avrò vita. E anche dopo. “

Un romanzo toccante, doloroso, dove si respira dolore e si espira speranza. Una storia che parla di perdita ma soprattutto della forza dell’amore.

 

 

 

 Sorrido ripensando alle tante volte che siamo rincorsi, ridendo come matti, alle litigate con tanto di porte sbattute e cuscini pieni di lacrime, ai momenti in cui, seduti sul tappeto del salotto, pensavamo che nomi dare ai nostri figli.

 

 

 

Questo è uno di quei libri che almeno una volta nella vita vanno letti, perché spacca il cuore. La storia parla di due ragazzi che si amano e vivono la loro relazione godendosi ogni momento e comprando la loro casa dei sogni per vivere il loro futuro insieme.

Damien è un avvocato di enorme successo, mentre Adalind è una professoressa di letteratura.

La loro vita procede a gonfie vele, sono felici e il loro amore lo vedi e lo senti attraverso i reciproci gesti e sguardi.

Un giorno però tutto cambia: Damien si ammala, una brutta influenza, e viene portato in ospedale; la diagnosi sarà devastante per entrambi in quanto i medici gli comunicano che ha un cancro e solo sei mesi di vita…

Da questo momento in poi entri proprio nel clou della vicenda come se fossi tu a vivere realmente quello che viene scritto riga dopo riga: provi le loro emozioni, le loro paure, la rabbia e la voglia di sconfiggere il brutto male.

In tutto questo c’è il loro meraviglioso amore che li farà lottare fino alla fine senza mollare mai.

Damien ha un carattere bellissimo, forte e tenace, lo fa per sua moglie al fine di infonderle forza per vivere anche quando lui non ci sarà più, per amare e fare tutte le cose che insieme non hanno potuto realizzare.

Anche se sono perfettamente consapevoli che la fine di Dam è vicina, loro non smetteranno di sperare e di trascorrere ogni giorno come se fosse l’ultimo.

 

Mi concentrai solo sul suo odore, sul suo respiro, sulle sue mani che mi toccano.

 

 

L’autrice ha fatto un ottimo lavoro con questo romanzo: parlare di una malattia non è mai facile, si sa, soprattutto nei libri, ma lei ci è riuscita con tatto e senza esagerare nella narrazione. Un libro che mi ha fatta commuovere praticamente dalla prima pagina proprio per il suo essere intenso e pieno di sentimento, amore e sofferenza. Ho apprezzato i due protagonisti soprattutto per il fatto di aver cercato di reagire senza mai piangersi addosso, ed è una qualità ammirevole.

Si legge davvero in pochi giorni perché, quando lo cominci, lo percepisci sottopelle e non riesci più a smettere fino alla fine. Anche dopo averlo concluso, ti rimarrà dentro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Come non innamorarsi del capo (The Coffee Series Vol. 2)” di Whitney G.

      TITOLO: Come non innamorarsi del capo ...