Da non perdere
Home / Otaku per passione / Recensione: “Wolf’s Children”

Recensione: “Wolf’s Children”

Ame e Yuki, i bambini lupo

(Okami kodomo no Ame to Yuki)

 

Il manga di cui oggi voglio parlarvi è questo.

Hana è una studentessa di 19 anni che frequentando l’università incontra un ragazzo di cui si innamora. È un uomo lupo, ultimo discendente dell’estinto lupo giapponese.

Si innamorano e si fidanzano, lei non ha paura di quello che è. Quando scopre di essere incinta, è felice. Dopo 9 mesi nasce, in una giornata nevosa, Yuki (neve) e, dopo un anno in una giornata piovosa, nasce il fratellino, Ame (pioggia). La vita scorre tranquilla fino al giorno in cui il padre, durante una battuta di caccia per trovare cibo per i piccoli, muore.

La ragazza, nonostante il dolore, decide di crescere da sola i bambini e di trasferirsi in campagna per evitare domande da parte dei vicini curiosi e invadenti sugli “Strani” bambini.

Loro, come il padre, possono trasformarsi in lupo.

Così, in futuro, potranno decidere se vivere da umani o da lupi.

Attraversano molte difficoltà: Yuki vuole conoscere altri bambini e Ame inizia a prendere confidenza con se stesso e con le sue caratteristiche lupesche.

Yuki riesce a non trasformarsi in lupo, in mezzo alle persone. Ame, invece, andando con la madre a lavoro incontra un lupo e desidera vivere come lui.

Yuki incontra un nuovo compagno di scuola, ha paura che il suo segreto possa essere scoperto e si isola. Hana scopre che Ame ha trovato una vecchia volpe che gli insegna a vivere nella foresta. Yuki non è contenta del comportamento del fratello, anche perché fa soffrire la madre, litigano e distruggono casa sotto forma di lupi.

In seguito, la ragazza rivela il suo segreto al suo compagno e capisce, non ha paura. Ame, però, scappa nella foresta, Hana lo insegue ma cade e sviene. Nel suo stato di semi incoscienza, vede il suo amato che le dice di essere molto fiero di quello che ha fatto e di lei. Ame ora ha trovato un mondo a cui appartiene veramente.

Viene salvata dal figlio e quando rinviene, lo vede trasformarsi in un lupo adulto e andare via.

Un anno dopo, Yuki si trasferisce nel dormitorio della sua scuola media. Insieme a lei Hana ride al pensiero di aver cresciuto i suoi bambini lupo per 12 anni, dicendo che le è sembrato un bellissimo sogno mentre un ululato si diffonde nella vallata.

Il manga, scritto da Mamoru Hosoda e disegnato da Yuu, è classificato nella categoria Seinen.

Anno di pubblicazione in Italia: 2012/2013

3 volumi per 16 capitoli.

Mi aveva incuriosito questo manga. Come?

Avevo visto dei filmati e l’avevo trovato dolce, triste e con una bella storia d’amore dietro.

Inoltre amo i lupi.

L’amore di Hana e l’uomo lupo (i disegni di questo manga sono fatti molto bene).

I bambini che scoprono la vita. Chi vuole rimanere con gli uomini e chi con i lupi.

Il coraggio di Hana e la sua determinazione nel crescere due bambini “speciali”, come i suoi.

Ho pianto. Ci sono poche cose che mi fanno piangere e questa storia ci è riuscita.

Da questo manga è stato tratto un anime.

Mi è piaciuto molto e ve lo consiglio.

È reperibile presso le fumetterie e dalla Panini Comics. Esiste anche un dvd.

Alla prossima!

A cura di:

Recensione: “Wolf’s Children”
Vota qui L\'articolo.

Ilaria

x

Check Also

Recensione: Mazinga Z – Infinity

Data uscita: 31 Novembre 2017 Genere: Animazione/Anime Regia: Junii Shimizu Produzione: Toei Animation ...

error: Contenuti di proprietà di RFS