Home / Recensioni libri cult / Recensione: “Vendetta piccante” di Jennifer Probst

Recensione: “Vendetta piccante” di Jennifer Probst

Miranda Storme mai si sarebbe aspettata di incontrare di nuovo Gavin Luciano. Tre anni prima avevano avuto una storia molto intensa, ma lui l’aveva improvvisamente abbandonata lasciandola a pezzi. Adesso Gavin è tornato sui suoi passi e Miranda può concedersi il piacere di vendicarsi stroncando il ristorante di Gavin sul giornale per il quale lei scrive. Praticamente un incubo per Gavin che, da pochi mesi, ha assunto la gestione del ristorante di famiglia per salvarlo dal fallimento. Ma non è tutto, il fatto è che Gavin è rimasto folgorato da questo nuovo incontro e ha deciso di chiedere un’altra chance: otto settimane per dimostrare di essere un buon cuoco in cucina e per riconquistarla… a letto. Una proposta decisamente allettante!

Io e questa autrice proprio non riusciamo a collimare. Di tutta la serie dei “contratti” ho apprezzato il primo e il secondo, perché dopo mi sono sembrati  ripetitivi. Adesso, visto che il libro è un autoconclusivo, non mi sono lasciata scappare l’occasione per tentare di ricredermi. Beh, non ci sono riuscita. Lui, pubblicitario di successo, torna a New York per cercare di salvare il ristorante di famiglia, lei, la sua ex abbandonata senza una parola, critico gastronomico, lo stronca senza pietà.  Riuscirà a riconquistarla e a farsi perdonare? Molto più romance che erotico, come nello stile dell’autrice, il libro ha la sua grande pecca nei falsi stereotipi su noi italiani, che ricorrono in quasi ogni capitolo. Sicuramente negli Usa identificarci in mafia, pizza e Sinatra potrà andare bene ma, francamente, io l’ho trovato un tantino irritante e di cattivo gusto. La famiglia italiana di Gavin  è rumorosa, ostica a qualunque novità, vive di sigari, citazioni di Sinatra ed è ancorata nel mondo anni ’60. Una vera e propria macchietta. Questo mi ha molto mal disposta verso la storia di Gavin (che poi devo ancora capire perché cambiare nome, cos’è,  Giovanni ha qualcosa che non va?) e la rossa Miranda e, forse, non ne ho apprezzato appieno il percorso.  Gavin parte con il classico atteggiamento da macho, Miranda lo odia con tutta se stessa  (ha i suoi bei motivi) e si vendica, in modo subdolo e non proprio etico ma comprensibile. Poi, all’improvviso, i loro modi di fare scompaiono per lasciare il posto a due persone diverse: lui pieno di buoni principi e lei di perdono  si ritrovano, fisicamente e psicologicamente. Un cambiamento un po’ troppo repentino. Con il classico fraintendimento finale che sembra far precipitare tutta l’impalcatura faticosamente costruita, pare concludersi la storia ma, naturalmente, non dobbiamo preoccuparci, almeno nei libri ci godiamo un finale sereno! Una lettura direi molto estiva, adatta allo spirito vacanze che ci accompagna in questo periodo, ma nulla di più.

Fiamme Sensualità hot

Madau

Recensione: “Vendetta piccante” di Jennifer Probst
4.6 su 5 voti

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito.
Mi piace leggere e grazie a quest’amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri… e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest’ultimi come linee guida non come verità assolute…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Recensione “Destined” di Aprilynne Pike (serie Wings #4)

Avalon non è mai stata così in pericolo: una fata dai rarissimi ...

error: Contenuti di proprietà di RFS