Da non perdere
Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Vendetta” di Susan Moretto

Recensione: “Vendetta” di Susan Moretto

 

 

trama-rfs-rosso

Cosa faresti se la tua vita andasse a rotoli? Se tutti i tuoi sogni si infrangessero? Se la vita perfetta che credevi di avere fosse solo una bugia?

È quello che succede a Johanna: fidanzato perfetto, migliore amica perfetta, lavoro perfetto, matrimonio perfetto. L’unico suo problema è Logan, il nuovo vicino di casa che la fa impazzire, e non in senso positivo.

Una vita da sogno che si sgretola davanti ai suoi occhi, ma Logan le dà la possibilità di rivivere quei mesi e cambiare il proprio futuro. Deve solo scegliere: morte, giustizia o vendetta?

recensione-rfs-rosso

SE NON VOLETE SPOILER NON LEGGETE QUESTA RECENSIONE.

Scusate per la frase sopra in rosso, ma parlare di questo libro e non fare spoiler sarà difficilissimo.

La prima parte racconta la vita di Johanna, fidanzata con Mark e suo capufficio, della sua migliore amica Martha, amiche da sempre e anche colleghe, dello zio Diego padrino e titolare di tutti e tre e infine Logan il vicino, magnifico, di casa.

Johanna è legatissima a Diego da vicende familiari passate e ha solo lui al mondo. Il rapporto con Mark è appassionato in privato, mentre al lavoro mantengono il contegno dovuto anzi, lui è un filo stronzo, si stanno preparando per il grande giorno e tutto sembra andare a meraviglia, fino al giorno in cui nell’androne del palazzo Jo incontra Logan, giovane, sexy e decisamente sopra le righe, che le dice di stare attenta ai tradimenti.

In un primo momento Jo non ci crede, poi il dubbio la assale ma inavvertitamente archivia il tutto, fino a quando alle prove dell’abito da sposa/sposo e damigella, trova Mark con le braghe calate e Martha con la gonna alzata! Sconvolta, scappa a casa e in un impeto di rabbia butta all’aria tutto ciò che trova nel suo cammino e cerca prove.

Sotto a un cassetto della biancheria trova dei documenti bancari di una banca estera. Mark arriva a casa e cerca di appianare le cose ma Jo lo sbatte fuori. Peccato che pochi giorni dopo venga arrestata per frode fiscale, shock totale. Mentre l’ammanettano lei dice che è innocente, cerca di scappare e finisce investita da una macchina e… muore.

Parte seconda: Jo si risveglia nel suo letto con Mark a fianco, ricorda tutto, e non capisce cosa succede, quindi è convinta di aver avuto un incubo, un gran brutto incubo, fino a quando facendo la doccia, non si trova davanti Logan e parlando con lui si rende conto che non ha sognato nulla, tutto quello che è successo era la realtà, lei è morta ma è stata riportata indietro e può fare una scelta: 1) vendicarsi 2) fare giustizia 3) morire.

«La scelta che devi fare è fra le tre persone che puoi e vuoi diventare. Puoi ignorare la mia presenza, andare avanti normalmente con la tua vita. Il risultato finale l’hai visto: il tuo corpo morto, steso sull’asfalto. Oppure puoi affidarti alla giustizia, lasciare che la polizia si occupi degli ammanchi di denaro e far sì che Mark e Martha vivano il loro amore. Non so come andrebbe a finire, ma seguiresti la retta via, comportandoti con onestà.» Fece una breve pausa, forse per prendere fiato, o forse per porre l’accento su quanto stava per dire. «L’ultima opzione che hai è la vendetta: far provare a chi ti ha tradito il sapore amaro delle lacrime. Metterli in ginocchio e godere del loro dolore. Tua è la scelta, tue le possibilità.» Mi appoggiai al lavandino, mentre tutto il bagno mi girava attorno. Cosa cazzo stava succedendo? Cosa stava dicendo Logan? Io non capivo, davvero non capivo

E lì Jo si rende conto che le persone a lei più vicine l’hanno tradita e in maniera davvero brutta, così decide di Vendicarsi…

Libidineeee, giuro io non ci sarei riuscita a mantenere la calma. Fossi stata Jo, avrei fatto una strage. La prima parte del libro non mi ha molto coinvolta, Jo mi sembrava molto superficiale, con le prove davanti e i suggerimenti di Logan NON vedeva il tradimento palese. Poi trova dei documenti bancari di banche estere nascosti sotto al cassetto delle mutande di lui, e… non indaghi sapendo che lui è anche il capo contabile? Eh sì, la fiducia è una brutta bestia.

Mentre la seconda parte del libro è mitica, lei trama sapendo cosa succederà, vedere la falsità e l’ipocrisia di Mark e Martha fa male anche al lettore, mi sarebbe piaciuto sapere perché poi Martha ha tradito così la sua migliore amica, e come Mark riuscisse a fingere così bene quando entrambe le donne erano presenti, due attori da Oscar.

Lui poi, bastardissimo, quando le dice che ha sempre amato solo Martha, ecco lo avrei evirato al volo; non parliamo di Martha, che oltre al tradimento affettivo forse l’ha tradita anche lavorativamente parlando… essere infido. Infine Logan, personaggio spettacolare con le sue battutacce sconce mi ha ricordato un po’ Lassiter della Ward, avrei voluto un happy end tipo il film “Ti presento Joe Black”, peccato.

Libro da leggere assolutamente e armate di coltello per la coppia fedifraga, sotto la copertina in queste giornate di pioggia e una bella cioccolata calda per compensare.

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

Gioggi

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

baby.ladykira

Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione: “Bottoni e Grazia” di Penelope Sky (serie Bottoni #6)

Care Fenici, oggi Nayeli ci parla di “Bottoni e Grazia” di Penelope Sky ...

error: Contenuti di proprietà di RFS