Da non perdere
Home / Recensione libri / Recensione: “Un libraio molto speciale” di Petra Hulsmann

Recensione: “Un libraio molto speciale” di Petra Hulsmann

Trama

Ti è mai successo di innamorarti del tuo migliore amico? Ovviamente no: lui è quello con cui fai grasse risate mangiando schifezze davanti alla tv, o al massimo ti aiuta a soffiarti il naso quando il tuo fidanzato ti ha mollata e, magari contestualmente, hai perso il lavoro. Così la pensa Lena, cui entrambe le cose sono appena successe, e che con Ben – questo è certo – ha solo una solidissima amicizia. In cerca di lavoro dopo l’improvviso licenziamento, Lena non trova di meglio che un posto di commessa in una libreria di libri usati. Peccato che in quella libreria ci sia un problema: il libraio. Il vecchio Otto non solo è bizzoso e disfattista, ma sembra odiare tutto e tutti – i libri, i clienti, e forse il negozio stesso. Al massimo, sopporta i suoi gatti, che ogni tanto si addormentano su questo o quel bestseller. Eppure, pian piano Lena conoscerà meglio il suo strano datore di lavoro, e capirà che a volte dietro le apparenze si nascondono storie che spezzano il cuore. Non solo: mentre si abitua alla nuova vita da single, si ritroverà a cambiare alcune opinioni – sui libri, sugli uomini, e anche su Ben… chi ha detto che dev’essere solo l’amico con cui soffiarsi il naso? Una storia d’amore frizzante e divertente, ma anche piena di saggezza, per tutte le lettrici che amano i libri e… l’amore.

Recensione

Ho trovato molto piacevole la lettura di questa storia. Sarà che sono un po’ di parte visto che di solito amo i libri che parlano di libri e librerie, ma finora, nonostante il tema sia stato ampiamente usato, non ne ho trovato quasi nessuno che proprio non mi piacesse. Non fa eccezione neanche questo, ambientato in una vecchia e polverosa libreria di libri usati dove la nostra protagonista, Lena, trova un lavoro di ripiego dopo essere stata mollata ad una settimana dal matrimonio e essere stata licenziata. All’ inizio non mi piaceva tanto questa Lena, troppo incentrata su se stessa, così cieca da non accorgersi di quello che le succedeva sotto il naso, d’altra parte, da trentenne, capisco che a questa età una ragazza senta l’esigenza di affermarsi e di trovare il suo posto nel mondo, soprattutto quando pensavi di averlo trovato e da un giorno all’altro non ce l’hai più. Lena è così: all’inizio del libro la sua vita sembra essere caduta in un profondo buco nero. La fine della storia con il suo ragazzo la porta ad andare a chiedere “asilo” al fratello Michael e alla sua fidanzata, migliore amica di Lena, l’esuberante Juli. In casa però c’è anche Ben, amico d’infanzia di Michael, bello ma profondamente donnaiolo che a Lena non le manda certo a dire, anzi. La convivenza non è facile anche perché Lena si trova a provare per Ben dei sentimenti piuttosto scomodi.
Il lavoro alla libreria arriva quasi per caso (e beata lei, dico io!) e, anche se secondo la nostra protagonista non è il lavoro d’eccellenza, piano piano comincia a innamorarsi dei libri, dei clienti e soprattutto del vecchio e scorbutico Otto, titolare della libreria, con un passato difficile e un carattere ancora più difficile. Giorno dopo giorno Lena fa breccia nel cuore di Otto che le permette di entrare nel suo mondo, prendersi cura di lui, svecchiare la libreria e impegnarsi a rendere quel posto migliore. Ed è così che, quando sembra che tutto giri storto, senza quasi rendersene conto, il lavoro in libreria diventa anche un lavoro su se stessa che la aiuta a risalire dal buco nero in cui era finita, e anche se non manca qualche errore di valutazione e qualche passettino nel verso sbagliato, Lena scopre che l’amore, a volte, si nasconde nei posti inaspettati e che “casa” e “felicità” non sempre si trovano troppo lontani da noi.
La storia, pur essendo forse un po’ scontata, mi è piaciuta molto. I conflitti interiori di Lena, il non voler arrendersi all’amore che prova per Ben mi ha fatto un po’ di tenerezza. C’è un po’ di Lena in ognuna di noi infondo: indipendentemente dall’età, quando si tratta di amore, rimaniamo tutte un po’ adolescenti. Da leggere se piacciono le storie d’amore a lieto fine, per passare un po’ di tempo piacevole in compagnia di un libro.

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Recensione a cura di:

yaya

Editing a cura di:

Gioggi

Acquistabile qui

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Recensione: “Royals” di Rachel Hawkins (serie Royals #1)

Care Fenici, oggi Dada ci parla di un libro spassosissimo: “Royals” di Rachel ...