Home / M//M / Recensione: “Un attimo ancora” di Gaby Crumb

Recensione: “Un attimo ancora” di Gaby Crumb

 

Acquistabile qui

Trama rosa

Qualche volta basta un attimo, uno sguardo a far sì che la tua vita cambi per sempre. 
Qualche volta basta un attimo, a far sì che l’amore si mescoli con il rancore. 
Le anime di Jamie e Evan si sono legate in quell’attimo. Dolore e rabbia li hanno tenuti lontani per tanto tempo senza che uno sapesse nulla dell’altro. Quando si rincontrano basta, ancora una volta, un attimo per far tremare il loro cuore. Il passato però, nessuno dei due l’ha dimenticato.

Recensione rosa

Quando ho iniziato la lettura di questo romanzo non avevo ancora letto nulla di Gaby Crumb, però avevo letto le recensioni molto positive delle altre sue opere. Per questo motivo quando l’ho finito son rimasta abbastanza perplessa, al punto che ho subito acquistato e letto Dark Room, pensando che forse alcune delle mie perplessità fossero dipese più dai miei gusti che da difetti oggettivi del romanzo.

Ed invece leggere Dark Room , che ho trovato molto bello, coinvolgente e stilisticamente ineccepibile, ha rafforzato la sensazione avuta leggendo Un attimo ancora di avere tra le mani qualcosa di incompiuto, come se si trattasse più di una bozza che di una stesura definitiva, e non parlo di errori grammaticali o refusi, parlo proprio della struttura del romanzo in sé.

L’idea di partenza non è male ed è abbastanza originale: un giovane ragazzo, Evan, alle prese con la presa di coscienza della propria sessualità in un paese di provincia bigotto e omofobo, che si ritrova ad assistere al pestaggio di un suo coetaneo gay da parte di ragazzi che conosce e che, per salvarlo, fa l’unica cosa sensata, allontanarli con una scusa, per poi denunciarli alla polizia. Belle anche le descrizioni del classico, ma ammettiamolo sempre piacevole, coup de foudre, con Evan che si innamora a prima vista degli occhi bellissimi di Antony, al punto da rimanere per sempre legato al loro ricordo, ricordo che sembra impedirgli di innamorarsi di chiunque altro fino all’incontro con Jamie. Ciò che non sa è che Antony è in realtà il secondo nome di Jamie, il quale ha un altro ricordo della notte dell’aggressione, e crede fermamente che Evan, di cui all’epoca era segretamente innamorato, abbia contribuito al suo pestaggio. Quando si rincontrano da adulti, in Jamie la rabbia prende il sopravvento, e lo porta a concepire una vendetta contorta che alla fine gli si rivolterà contro.

Come dicevo la storia non è male, ma è nel suo svolgimento che l’autrice si perde, a volte letteralmente. Ci presenta parecchie ridondanze, discorsi e concetti ripetuti troppe volte, e un sostanziale allungamento della storia che risulta un po’ forzato. Alla fine è stato come avere davanti una pietra preziosa grezza, che sai avere del potenziale, ma che ancora va lavorata per portare alla luce la sua anima splendente.

Dopo aver letto Dark Room, e gli altri suoi romanzi, sono arrivata alla conclusione che una parte del problema risieda nella scelta di usare la terza persona. Nei suoi altri romanzi è stata bravissima con la gestione della prima persona (e lo dice una che in genere odia la prima persona nei romance) forse avrebbe dovuto rimanere fedele a questa scelta, magari provando a introdurre comunque entrambi i punti di vista dei protagonisti, ma son convinta che raccontare la vicenda con la voce diretta dei protagonisti avrebbe alleggerito un po’ la trama, che davvero in alcuni punti è eccessivamente ridondante, e avrebbe permesso all’autrice di immedesimarsi di più nei suoi personaggi. In fondo anche in questo romanzo come nei suoi altri, siamo davanti al racconto dei sentimenti più profondi che albergano in ognuno di noi, e il modo migliore per esprimerli e descriverli rimane sempre e comunque la prima persona.

Quindi, forza Gaby, hai provato uno stile diverso, ma che obiettivamente non fa per te; ora torna a deliziarci con ciò che ti viene meglio e senti più tuo, e regalaci presto un altro dei tuoi piccoli gioielli.
Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Recensione a cura di ChibiTora

Editing a cura di Bettina

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: STIRPE DI JORDAN L. HAWK

Tra il padre tiranno e il fratello dissoluto, ...