Home / Recensione libri / Recensione: “Tutto l’Amore che Odio (Pelle Collection #3)” di Antonietta Mirra

Recensione: “Tutto l’Amore che Odio (Pelle Collection #3)” di Antonietta Mirra

Shaila sta per essere venduta a un’asta di schiave sessuali, ma un uomo mascherato la compra, celandole la sua vera identità.
Il suo nome è Damien e la inizierà ai piaceri sessuali, facendole scoprire sensazioni ed emozioni mai provate prima, risvegliando in lei un desiderio sconosciuto.
Shaila vorrebbe odiarlo, ma il suo corpo lo desidera. È così perfetto e sensuale da renderla nervosa ogni volta che lui la guarda.
Lo sguardo di Damien non chiede. Pretende. E la volontà di lei vacilla.
Tutto quello che Damien vuole, prende. Ma avere Shaila significa morire.

La sua purezza lo eccita, la sua ingenuità lo manda fuori di testa. Eppure sa che quella donna non è per lui. Il suo compito è di condurla da qualcun altro e per farlo deve conquistare la sua fiducia. Deve possederla a tal punto da spingerla a fare tutto ciò che lui desidera…
Ma non puoi possedere l’amore di qualcuno senza rischiare di esserne posseduto.

Quando la sua maschera cadrà, Shaila scoprirà che quell’uomo le è dolorosamente familiare.
Perché Damien non è nulla di ciò che sembra.
Il suo cuore è freddo come il ghiaccio, ma il suo corpo brucia. È un inferno di promesse impronunciabili che Shaila desidera provare, convinta dopo di poter dimenticare…
Ma non puoi assaggiare il proibito senza rischiare che diventi irrinunciabile.

Lui è gelido come il controllo che esercita.
Lei è calda come l’innocenza che conserva.
Lui è dalla parte dell’odio.
Lei, da quella dell’amore.
Ma può l’odio incastrarsi nell’amore?
Solo se siamo disposti ad amare con tutto l’odio di cui siamo capaci.

«Un giorno, un uomo mi disse: trova qualcosa per cui valga la pena morire e troverai la ragione per vivere. Io l’ho trovata. Quella ragione sei tu. Morirei per te. Morirò per te. Adesso.»

«Smettila di guardarmi come se volessi trovarmi. Non puoi farlo.»

Tutto l’Amore che Odio è un classico dark romance in cui la vittima si innamora del carnefice nonostante tutte le atrocità che gli vede compiere, sia sulla sua pelle, sia su quella di altri a lei vicini. È ricco di scene erotiche, decisamente tante, inizialmente forzate e successivamente, quando lei si arrende al desiderio, ostacolate dalle circostanze.

Nella trama sono presenti colpi di scena e suspence, ma non tutti sono perfettamente motivati e incastrati nel puzzle. Alcuni escamotage risultano troppo facili o occasionali, altri sviluppi sono davvero incredibili.

Senza voler spoilerare troppo, i protagonisti sono Damien e Shaila: Damien è un soldato dell’IRA a cui, come ultima missione, viene assegnato il compito di rapire Shaila e di “prepararla” alla schiavitù per un compratore terzo. Shaila, dal canto suo, era già stata rapita quattro anni prima e ridotta a schiava domestica, pur senza essere stata violata.

Ho trovato la scusante narrativa per il loro incontro un po’ fragile, in particolare per la sensazione che Damien non avesse la più pallida idea di cosa fare con Shaila, una ragazza che, di fatto, era già compiacente e assuefatta all’idea del suo destino. È poi stato inserito un ulteriore elemento di complessità che porterà a interessanti colpi di scena (che non svelerò).

Shaila verrà effettivamente consegnata all’acquirente, ma ormai i nostri protagonisti si saranno resi conto di essere perdutamente attratti e incapaci di separarsi.

Lo stile è capace di generare intensità, passione ed emotività forte.

Purtroppo ci sono un paio di cose che io non amo nei romance e nei dark in particolare: quando l’attrazione sessuale, per quanto potente, viene scambiata per amore indissolubile, e quando una donna arriva a desiderare una persona che usa violenza su di lei (fisica, sessuale, verbale… di ogni tipo) senza che vi sia un approfondimento psicologico rigoroso.

Un terzo elemento che ha gravato sul giudizio è l’abbondanza di pensieri e riflessioni, ovvero uno stile in prima persona che rende la narrazione troppo ridondante.

Rispetto ai primi due volumi della serie, ci troviamo di fronte a un romanzo più completo e coerente; tuttavia trovo che ancora qualcosa possa essere perfezionato (e assolutamente limato).

«Il tuo culo è mio, Shaila.» C’era una nota leggera nel suo tono, ma non per questo era meno possessivo.
Provai un pizzico di malinconia e non riuscii a frenare le parole che mi esplosero dal petto. «Vorrei che tutto di me stessa fosse tuo.» Gli afferrai la mano e la portai sul mio cuore. «Perché qualunque cosa tu scelga di fare adesso, io lo sono già, TUA.»

#1- SEI IL CONFINE DELLA MIA PELLE – Blake e Alexandra
#2-NELLA CARNE E NELL’ANIMA – Ryan e Greta
#3-TUTTO L’AMORE CHE ODIO – Damien e Shaila
#4 (anticipazione)- QUARTO ROMANZO – Aiden e Ilya

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Silken” di Isobel Starling

Matthew Fisher adorava essere un ballerino, ma la ...