Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Solo il tuo sapore” di A. I. Cudil

Recensione: “Solo il tuo sapore” di A. I. Cudil

Trama

Ventisei anni, una sicurezza innata e quella bellezza un po’ trasandata che fa colpo sulle donne, Matteo ha un unico amore, quello per Lora, e un’unica vera passione, la cucina, perché per lui il piacere è una sensazione da assaporare e declinare in mille modi. Non a caso è il promettente chef di uno dei più rinomati bistrò di Venezia, al servizio del famoso Arturo Bezzi. Quando scopre che la sua compagna lo tradisce proprio con Arturo, il suo mentore, d’impulso manda tutto all’aria e se ne va. Ma come sempre nei momenti più bui accade qualcosa di inaspettato: l’amico Jonathan lo invita a Parigi per fare un colloquio alla Six Senses SPA, un’agenzia di “accompagnatori”… Forse tra le braccia di altre donne riuscirà a voltare pagina? O forse la sua passione per il gusto può prestarsi anche ad altre attività? Per Matteo comincia una girandola di incontri, cene lussuose, e notti fatte di erotismo e sensualità. Unendo le sue doti culinarie a quelle fisiche e alla sua simpatia, Matteo diventa uno dei più richiesti accompagnatori in circolazione. Ma, in una Parigi dal fascino senza tempo, non tutto finisce in una notte, e l’amore, quello vero, spesso arriva senza preavviso.

Recensione

Dopo tanti erotici incentrati sul BDSM, finalmente un libro dove il sesso è normale; scusate lo sfogo ma ormai sembra quasi strano non essere delle sottomesse o almeno questo si potrebbe dedurre dalle molteplici letture degli ultimi tempi. Scommetto che anche a voi, appena letto che il protagonista è un gigolò, è passata davanti agli occhi l’immagine di Richard Gere. Ma andiamo a conoscere il nostro Matteo Fontana.

Slanciato, occhi penetranti e aria da play boy, con un ciuffo ribelle che gli ricadeva sulla fronte a coprire un volto quasi perfetto, avrebbe potuto fare il modello più che lo chef.

 Beh, lui non finisce a fare il modello bensì il gigolò per la SIX SENSE; il nome non è scelto a caso e indovinate quale dei sensi è il nostro chef?

Mi presento: sono Matteo Fontana, io sono il gusto. Il primo dei sei sensi, perché è dalla bocca che abbiamo imparato a conoscere il mondo e l’abbiamo imparato tutti da una donna.

E devo dire che se la cava niente male fino a quando non conosce Lise Davis, una gendarmerie, capirete anche voi che i loro lavori sono inconciliabili.

Dopo tutti questi mesi, per la prima volta non mi sento al mio posto. Sono un estraneo, uno alieno e vivo in un mondo che non mi appartiene. O meglio, che vorrei non mi appartenesse.

Infatti lei cerca di resistere in tutti i modi, a volte trattandolo anche in modo brusco e negando anche a se stessa che fra di loro esista un legame.

«No, non ti voglio baciare. Ma quello che dici, tu e io sappiamo che è una bugia. Quello che è successo non ti fa dormire la notte. Non riesci a dimenticarlo neanche tu. Mi pensi, comandante, pensi alla mia lingua, alla mia bocca e sì, anche al mio uccello. Potrai illuderti che non sia mai accaduto niente, ma lo so che ti sono entrato dentro, non solo nel corpo, anche nella testa.»

«Mi piacevi moltissimo, comandante dei miei stivali, e ti sei comportata peggio di tutte quelle ricche galline. Nessuna prima era riuscita a farmi sentire sporco o a farmi vergognare di me stesso. Complimenti! E pensare che non mi hai nemmeno pagato.»

Come ho detto all’inizio, un pregio del libro è proprio il fatto che non sia un BDSM, cosa assai rara ultimamente. Non so voi, ma io ho cominciato a stufarmi; alla fine, sembrano tutti uguali. Quindi questo è un libro consigliato a chi, come me, è stufa dei BDSM. Poi un’altra cosa interessante è l’accostamento cibo/sesso che mi stuzzica parecchio, anche se, secondo me, poteva essere sfruttato di più; le ricette che l’autrice cita nel libro non sembrano niente male mi sa che ne proverò qualcuna. Beh, il finale non ve lo posso raccontare quindi, se siete curiose di sapere come va a finire fra il nostro sexy chef e la gendarmerie, non vi resta che leggere il libro.

Fiamme Sensualità hot

Recensione a cura di:

LadyEryn

Editing a cura di:

Elettra

Recensione: “Solo il tuo sapore” di A. I. Cudil
3.8 su 5 voti

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Recensione: “Pericoloso come il cioccolato” di Eva Mangas

Sara ha quasi quarant’anni ed è in quella fase in cui si ...

error: Contenuti di proprietà di RFS