Home / Adult / Recensione: “Trilogia dei sensi – Vol.3 Estasi” di Anne Rice

Recensione: “Trilogia dei sensi – Vol.3 Estasi” di Anne Rice

 

Trama
Dopo il castello e le sue dolci e terribili punizioni, la principessa Bella, che il Principe ha risvegliato da un lungo sonno e avviato a una raffinata e perversa educazione sessuale, ha conosciuto i rigori e le asprezze del villaggio, dove è riuscita comunque a trovare il piacere e la passione. Ma nuove, più sconvolgenti esperienze erotiche l’attendono nella sua ultima avventura. Rapita sulla spiaggia insieme a Tristano e Laurent da uomini misteriosi, Bella viene trasportata su una nave in lidi lontani, al palazzo del Sultano. Qui, nella sensuale penombra dell’harem, tra profumi esotici, morbidi cuscini e splendidi arazzi, Bella e i suoi compagni di avventura incontreranno uomini dal fascino inquietante, donne dal volto velato e lo sguardo voluttuoso, che apriranno loro le porte su piaceri estremi ancora sconosciuti. Una sola condizione, un solo limite: qui sono considerati semplici giocattoli sessuali, senza cuore né anima. Ma nulla può piegare la forza di Bella, capace di farsi dominatrice anche nelle situazioni più difficili, schiava in grado di dare e ricevere piacere senza alcuna inibizione.

Recensione
Eccoci giunti all’ultimo libro della saga.
Che fatica leggere questi romanzi.
Scritti con maestria, con una vena totalmente nuova da parte dell’autrice, niente vampiri o streghe. solo sesso e violenza.
Anche in questo ultimo libro, non mancano gli amplessi violenti e, a volte, anche troppo eccessivi.
Ho voluto provare a leggere il libro, senza fermarmi alle apparenze, se no avrei sicuramente detto, come negli altri, che non è un libro che ha un senso logico e non è né erotico né sensuale, ma sono un’accozzaglia di violenze fisiche che mi fanno imbestialire ogni volta, schiavi e palettate a gogo senza un motivo valido, un degrado, insomma, per l’autostima.
Ma se non mi soffermo su queste cose, che purtroppo sono tante, posso intravedere un percorso di crescita da parte di Bella, sia fisico che mentale.
In quest’ultimo romanzo ho trovato la protagonista cambiata, dalla ragazza ingenua del primo libro ora è molto più consapevole, comprende i suoi limiti e sentimenti, le sue aspettative e l’amore che vince su tutto.
E vissero felici e contenti ( magari!).
Sono libri che, per chi non è abituato a scene di questo genere, scuotono molto, vanno letti con distacco se no viene voglia di lanciare il libro o prendere la paletta e picchiare tutti ( nel primo il principe sarebbe stato il mio giocattolo preferito da prendere a palettate).
Non mi è piaciuto tantissimo, non che lo legga con la chiave di cui parlavo nel secondo, non fissandomi sulle punizioni, ma sull’amore ( un po’ strano ) che aleggia nel libro tra Bella e questi fantomatici principi.
Il mutamento della protagonista l’ho apprezzato, almeno non è più la ragazzina che diceva solo sì e basta.
Letti nella chiave giusta sono anche dei buoni libri, non potevo credere che la Rice potesse fare pena, non potevo accettarlo, ma meglio se scrive di vampiri e streghe e queste pseudo torture le lasci nella penna la prossima volta.

 

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

 

Asce-voto-4

RECENSIONE di : HanaRose

EDITIN: Bettina

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione in anteprima: Escort di Skye Warren

Titolo: Escort Autore:Skye Warren Editore:Triskell Edizioni Genere:Romance Contemporaneo ...