Home / Paranormal / recensione: The originals. The rise, di Julie Plec

recensione: The originals. The rise, di Julie Plec

 

Trama

1722, Louisiana. I fratelli Klaus, Elijah e Rebekah Mikaelson sono giovani e bellissimi, eppure sono i vampiri più antichi sulla faccia della Terra. Quando sono sbarcati sulla costa di New Orleans, pensavano di essere sfuggiti al loro passato e di poter iniziare una nuova vita, ma ben presto si sono resi conto di dover dividere la città con altre creature soprannaturali: le streghe e i lupi mannari. Da allora la convivenza è stata difficile e sanguinosa, soprattutto perché Klaus ha posato gli occhi proprio sull’unica donna che non potrà mai avere: Vivianne Lescheres. La ragazza è stata promessa a un licantropo per suggellare l’unione che riporterà la pace tra gli uomini lupo e le streghe, ma Klaus vuole conquistarla a tutti i costi. Riusciranno i vampiri a placare la loro brama di potere? Oppure daranno vita alla guerra più sanguinosa che la città della Louisiana abbia mai visto?

Recensione

Una premessa per me è d’obbligo: io non avevo mai visto una sola puntata del telefilm, perciò non conoscevo nessuno dei personaggi di cui mi accingevo a leggere. Sono una di quelle lettrici che ha abbondonato il Diario del vampiro dopo due titoli e il fatto che fosse la produttrice  della serie a scrivere questo libro mi spaventava un po’, ma in parte ho dovuto ricredermi. Intendiamoci, non è un libro che vincerà premi letterari, la scrittura è scorrevole ma estremamente semplice,  però i personaggi non sono affatto male.

I fatti narrati in questo libro dovrebbero essere antecedenti a quelli visti in tv, la storia comincia con l’arrivo di una nave in cui non c’è traccia di equipaggio (mi ha riportato alla mente il bellissimo film “Dracula” di Coppola) e i portuali saliti a bordo si trovano davanti qualcosa che non avevano mai conosciuto: da molto lontano è giunto il terrore . Siamo a New Orleans nel 1713 e da quella nave sono scesi i fratelli Mikaelson,  Rebekah, Elijah e Klaus, ma più tardi scopriremo che sono scese anche le bare di Fin e Kol che, dopo essere stati colpiti dal paletto di Klaus in un momento d’ira (non viene spiegato il perché)ora dormono in attesa del momento del risveglio.

I tre fratelli sono i vampiri Originali, sono stati creati grazie alla potente magia della strega Esther, madre di tutti loro, resi immortali insieme al padre Mikael che, però,  dopo la morte della moglie è diventato il primo cacciatore di vampiri e da secoli dà loro la caccia senza tregua.

La città di New Orleans non è nuova agli esseri soprannaturali:  infatti gran parte del potere sulla città è spartito tra la comunità delle streghe e quella dei licantropi, che dopo secoli di lotte fra di loro stanno tentando di stipulare una pace duratura. Vivianne, rarissima figlia di un licantropo e di una strega, è il perno di questa alleanza: il suo matrimonio con Armand, figlio del capobranco, dovrebbe siglare la pace.

I tre vampiri sono stati tollerati dalle streghe nei primi anni dal loro arrivo dato che Klaus ha dato la caccia ai licantropi con grande successo, l’unica imposizione della congrega  è stata il divieto assoluto di creare altri vampiri. Con il matrimonio, però, le forze in gioco stanno per subire grandi mutamenti  e le cose per i tre Originali potrebbero cambiare in peggio.  È durante il ballo di fidanzamento che Klaus conosce Vivianne e, se in un primo tempo la vede solo come la possibilità di creare problemi alla futura alleanza, si scoprirà poi davvero innamorato di lei. La ragazza, però, è decisa a tutti i costi a sacrificarsi e Klaus farà di tutto per farle cambiare idea.

Nel frattempo Elijah, il più calmo e pianificatore dei tre, cerca disperatamente un posto da poter chiamare casa, un luogo che sia difendibile, in quanto le due fazioni hanno sempre impedito agli Originali di comprare case e terreni, facendo così capire che la loro permanenza a New Orleans non è definitiva e costringendoli per anni ad abitare in alberghi e locande, ovvero nessun posto che potessero chiamare loro.

Ora che le dinamiche dei due gruppi stanno cambiando, i vampiri sentono di essere in pericolo e Rebekah è intenzionata, dato il divieto di creare servi, a sfruttare l’esercito francese accampato nella vicinanze per avere rinforzi contro i licantropi in caso di necessità. Per questo con  un audace piano riesce  a entrare con l’inganno  nell’accampamento francese, qui  la vampira farà la conoscenza di due uomini indomiti e affascinanti, scoprendo di desiderare una vita diversa, ma entrambi gli uomini nascondono più di un segreto.

Il libro ha un buon ritmo e accadono moltissime cose, con un ribaltamento continuo delle situazioni, ci sono due storie d’amore con uno svolgimento insolito, battaglie piene d’azione e sangue, personaggi ben definiti e il finale non è affatto scontato. In definitiva è un libro che si fa leggere bene e mi ha fatto venire voglia di dare un’occhiata da vicino alla serie televisiva. Un piacevole modo di passare qualche ora per tutti i lettori che sentono la mancanza di licantropi e vampiri.

 

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Recensione a cura di:

Lucia63

Editing a cura di:

Firma Rubina

 

baby.ladykira

Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Recensione: “Macchine Mortali” di Philip Reeve

Buongiorno Fenici! Oggi Nayeli ci parla di “Macchine Mortali” di Philip Reeve DA ...