Home / Recensione libri / Recensione in anteprima: “The King” di J.R. Ward (serie La Confraternita del Pugnale Nero #12)

Recensione in anteprima: “The King” di J.R. Ward (serie La Confraternita del Pugnale Nero #12)

The King
di J.R. Ward
Dodicesimo libro della serie “La Confraternita del Pugnale Nero”
INEDITO IN ITALIA!
Pubblicato in America il 1 Aprile 2014

Lunga vita al Re…

Dopo aver voltato le spalle al trono per secoli, Wrath, figlio di Wrath, finalmente accetta l’eredità di suo padre–con l’aiuto della sua amata compagna. Ma la corona è un grave peso sulla sua testa. Mentre la guerra con la Lessening Society è nel pieno della sua furia e la minaccia rappresentata dalla Banda di Bastardi lo colpisce direttamente nella sua casa, è costretto a fare delle scelte che mettono tutto – e tutti – in pericolo.

Beth Randall credeva di sapere in cosa si stava cacciando quando aveva sposato l’ultimo vampiro purosangue del pianeta: e non si era aspettata una strada facile. Ma quando decide di volere un figlio non è pronta alla risposta di Wrath… o alla distanza che si viene a creare tra loro.

La domanda è: il vero amore vincerà su tutto… o l’eredità travagliata avrà il sopravvento?

Finalmente, dopo varie traversie e intoppi, sono riuscita a finire “The King”.

Riesco quasi a stento a trattenere le emozioni che, man mano che procedevo nella lettura, mi hanno davvero sopraffatta. La Ward, per me in questo libro si è davvero superata. Si è rifatta del libro precedente che, nonostante tutte lo abbiamo aspettato con tanta ansia perché Qhuinn e Blay sono sempre nei nostri cuori, non è stato quello che ci aspettavamo.

In “The King”, la Confraternita è tornata a essere tale. Ho ritrovato questo infinito senso di coesione e fratellanza della Confraternita, questo esserci per ognuno, comunque e sempre.

I vari personaggi sono entrati in scena ognuno con le sue caratteristiche di sempre, chi più chi meno, ma c’erano tutti. Ne sono anche entrati di nuovi e interessanti, che hanno dato più armonia alla storia, mentre alcuni dei già presenti hanno aperto nuovi scenari.

Ho trovato davvero commoventi tutti i flashback che riguardano i genitori di Wrath, questo amore sconfinato e oltre il tempo che hanno vissuto e trasmesso, in qualche modo, anche al figlio. Adesso capisco perché Wrath è Wrath.

Ho sofferto e pianto con loro, attraverso il bisogno di Beth di avere un figlio e le paure di Wrath per questo, per la sua shellan e per il suo eventuale erede, pagine meravigliose di puro amore e, a volte, senso di inadeguatezza da parte di lui.

John Matthew ha una bella fetta di storia in tutto questo, essendo il fratello della regina, e ne esce davvero, se possibile, un personaggio ancora più bello.

Assail… che dire di Assail. Mi è piaciuto sin dal principio e si è rivelato meraviglioso, un personaggio pieno e carico di sfaccettature, capace di sentimenti davvero forti e coinvolgenti. Spero in un lieto fine per lui e Sola, se lo meritano.

Inoltre, come non citare i cugini e la nonna di Sola! Se li è rigirati come calzini e lei è davvero una forza della natura, concentrato in un metro e cinquanta.

Molto spazio alle Ombre, che come ormai sappiamo saranno i prossimi protagonisti (cosa di cui sono molto felice) della serie. Trez, in continuo conflitto con se stesso e nei confronti di Selena, nei confronti della quale si sente indegno, e quel gran personaggio di suo fratello, iAm, di cui non rivelo il segreto che ha confidato a Beth e che mi ha fatto letteralmente sciogliere in lacrime, sono certa che daranno vita a un altro bellissimo capitolo di questa storia. Lui e il Dannatissimo Gatto, poi, non ne parliamo.

Infine, Xcor e Layla. Lui si dimostra capace di fare un gesto per lei di una dolcezza infinita, se non altro anche soltanto per l’impegno che mette nel prepararsi, e Layla, divisa tra la sua lealtà al Re e il suo amore per lo sfregiato capo dei Bastardi. E in tutto questo, Throe, che comincia a spazientirsi e penso che ce ne farà vedere di tutti i colori.

Dimenticavo… s’Ex… e la lascio lì. Dico solo: fantastico!

Scritto in maniera magistrale, le risate non mancheranno. Basta citare Lassiter e V e ho detto tutto.

Insomma, è un libro in crescendo, emozioni su emozioni fino a raggiungere l’apice nel finale degno della migliore Ward. Quindi preparate i fazzoletti e godetevelo fino alla fine. Chiuderete il libro con un senso di soddisfazione e un po’ di nostalgia, dovendo lasciare il loro mondo che ormai è entrato, a tutti gli effetti nella nostra anima.

Aspettando le Ombre… LUNGA VITA AL RE!

P.S. Fritz uno di noi!

 

 

 

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione: “Piccola Vipera” di Mariachiara Cabrini

Buongiorno care fenicette oggi la nostra Ilaria ha ...