Home / Recensioni libri cult / Recensione “The Boss” di Abigail Barnette (serie The Boss #1)

Recensione “The Boss” di Abigail Barnette (serie The Boss #1)

Sophie Scaife ha in tasca il biglietto per New York dove farà l’università, ma l’idea di chiudersi in un campus per anni la terrorizza e così, una volta in aeroporto, decide di cambiare destinazione: una fuga vera e propria verso il Giappone. Il volo però è in ritardo e l’attesa snervante, così durante quelle ore la ragazza conosce un affascinante sconosciuto con cui trascorre una notte di travolgente passione. La mattina seguente Sophie si sveglia con le idee molto meno confuse e decide di affrontare con serietà lo studio che la aspetta. Sono passati diversi anni da allora, e adesso Sophie occupa un ambito posto di lavoro in una prestigiosa rivista di moda di New York. Ma quando scopre che l’uomo misterioso con cui ha passato la notte è il suo nuovo capo, il multimilionario magnate dell’editoria Neil Elwood, la ragazza non resiste alla tentazione di accorciare di nuovo le distanze tra loro. Neil le fa scoprire un lato sconosciuto di sé, perché è l’unico che ha capito cosa le piace e come soddisfare i suoi desideri più nascosti. Ma dopo qualche tempo di incontri senza regole, Sophie si troverà di fronte a un pericoloso bivio e dovrà scegliere tra carriera e amore… col rischio di perderli entrambi.

“The Boss” è un romanzo di Abigail Barnette, pseudonimo dell’autrice americana Jennifer Trout. È il primo volume della serie The Boss, che comprende cinque libri ed una novella (quest’ultima non tradotta in italiano).

Un libro ad alto tasso erotico, in cui il sesso si fonde all’amore in pratiche BDSM e D/s.

L’autrice ci presenta Sophie Scaife come l’assistente di Gabriella, direttrice di “Porteras” un famoso giornale di moda. La sua vita sta per cambiare, anche se lei ancora non lo sa, quando Neil Elwood, magnate dell’editoria e proprietario della società Elwood & Stern, ha comprato il giornale. Perché Neil è lo stesso uomo che sei anni prima ha incontrato all’aeroporto e con il quale ha avuto l’avventura di una notte.

Non lui. No. Lo conosco. Anzi no. Per un attimo non ho sentito più altri rumori. Un tessuto grigio liscio e lucente, niente cravatta, primo bottone slacciato, così diverso dallo stile casual che avevamo sparso qua e là per la stanza sei anni prima.

Un’avventura che ha acceso la libido della giovane Sophie (allora diciottenne) e che ha condizionato tutti i suoi rapporti futuri. Lei vuole ancora Neil per una volta, anzi per sempre. Vive ricordandosi le spirali di piacere che l’hanno eccitata a ogni scioccante contatto delle sue mani.

Gli ho preso la mano e l’ho stretta, ignorando l’energia che mi ha percorso il braccio accendendo ogni cellula di piacere del mio cervello. Conosco bene quella mano. Le conosco entrambe. Ho memorizzato ogni singolo dettaglio di loro e di quello che mi hanno fatto.

Sophie rammenta ogni meraviglioso momento passato con Neil, anche se entrambi non erano stati sinceri su qualcosa: lei sulla sua età, lui sul suo nome. Dopo un imbarazzante momento iniziale fra la dipendente ed il suo capo, decideranno di buttarsi in una storia basata solo sul sesso. Ed è così che inizieranno a incontrarsi per i loro appuntamenti, cercando di essere il più attenti possibili.

Il libro, però, non racconta la loro storia soltanto dal punto di vista erotico, ma anche dal punto di vista sentimentale e della vita. Molti sono i personaggi che gireranno accanto ai protagonisti come Holli, Deja, Emma, Valerie, Rudy.

“Spiegami in che senso questo non è scopare in ufficio”. Mi sono morsa un labbro per contenere un gemito quando le sue dita hanno accarezzato il pizzo delle mutandine.

I flashback iniziali della loro avventura sono sostituiti dai loro incontri erotici, dove l’eccitazione e la negazione dell’orgasmo non creano tensione, ma esaltazione e frenesia sino a quando il Dominatore non ordinerà alla sua sottomessa di lasciarsi andare oltre il precipizio e poter venire.

“Come vuole che faccia la brava bambina, Signore?”, ho chiesto a Neil. Ero senza fiato, nuda sotto il suo sguardo. Avevo le mutandine incollate alla vulva ed ero certa che da un momento all’altro la mia pelle sarebbe andata in fiamme. Il pensiero di ricevere ciò che desideravo dal solo uomo che poteva darmelo mi ha fatta eccitare a un livello quasi spiacevole.

Il fascino e il magnetismo di Neil accompagnano tutto il libro, insieme alla scene erotiche descritte nei minimi particolari dal punto di vista BDSM. Il desiderio che provano l’uno per l’altra è quasi doloroso, nonostante gli anni che li separano.

Solitamente non sono una fan dei libri in cui i protagonisti hanno una grande differenza d’età, forse perché non credo in un amore di questo tipo, ma l’autrice in questo caso è riuscita a farmi cambiare idea. L’amore e il desiderio che Sophie prova per Neil fanno quasi male. E lo stesso vale per lui, e non solo perché lei è giovane e bellissima.

È un romanzo, questo, che non parla solo dei rapporti fra Dominatore e sottomessa, ma anche della vita (divorzi, figli), del lavoro, e di altri problemi della società.

Sono curiosa di conoscere come continuerà la storia dopo il finale disastroso del libro. Cosa succederà a Sophie e alla sua vita a New York?

recensione a cura di

Recensione “The Boss” di Abigail Barnette (serie The Boss #1)
Vota qui L\'articolo.

Sophie Scaife ha in tasca il biglietto per New York dove farà l'università, ma l'idea di chiudersi in un campus per anni la terrorizza e così, una volta in aeroporto, decide di cambiare destinazione: una fuga vera e propria verso il Giappone. Il volo però è in ritardo e l'attesa snervante, così durante quelle ore la ragazza conosce un affascinante sconosciuto con cui trascorre una notte di travolgente passione. La mattina seguente Sophie si sveglia con le idee molto meno confuse e decide di affrontare con serietà lo studio che la aspetta. Sono passati diversi anni da allora, e adesso…

Score

Voto di Nivienne 3.5

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Kiki

x

Check Also

Recensione “Destined” di Aprilynne Pike (serie Wings #4)

Avalon non è mai stata così in pericolo: una fata dai rarissimi ...

error: Contenuti di proprietà di RFS