Da non perdere
Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Terzo tempo per due” di Miriam Tocci

Recensione: “Terzo tempo per due” di Miriam Tocci

Trama
Quando il gioco si fa duro i duri iniziano ad amare
Spesso la vita ci mostra il suo volto più duro, proprio come succede in campo. Lo sa bene Mario Todini, estremo della nazionale di rugby, che si prepara ad affrontare il Mondiale con un peso sul cuore. Il grande amore con Betta è finito, portandosi via i progetti, le certezze e il futuro che Mario aveva sempre desiderato. Ma per fortuna anche la partita più dura e lunga finisce e arriva il terzo tempo: le mani che si contendevano l’ovale si stringono, i volti deformati dallo sforzo di arrivare a meta sorridono, e gli amici si ritrovano. È quello che accade con Ginevra Besson, amica del cuore di Mario e presenza costante nella sua vita, come una sorella. Come un raggio di sole che tinge di colore ogni istante.

Dopo “Un cuore ovale” e “La meta del cuore”, un’altra storia ovale d’amore e speranza da vivere fuori e dentro il campo da gioco.

Recensione
Miriam Tocci con la sua Nazionale Italiana Rugby e i suoi giganti dal cuore tenero, è il ritorno più gradito di questo mese per la collana YouFeel. Dopo aver visto innamorarsi Francesco e Serena, James e Nina, adesso possiamo leggere “Terzo tempo per due” la storia di Mario e Ginevra. Abbiamo lasciato il fidanzatissimo Mario nel capitolo precedente ‘‘La meta del cuore” alle prese con un litigio con la sua fidanzata di sempre Betta, ma nella prima parte della storia pur non conoscendo tutta la situazione, ci rendiamo conto che la loro lunga relazione è davvero finita e che il ragazzo sempre posato e felice, è in preda a una crisi davvero grande. Sente di aver buttato anni della sua vita per una donna che non lo meritava e i suoi amici sono in pena per lui. Ma sarà nel tentativo di aiutare Serena che intende creare un maneggio nel suo agriturismo, ed essersi rimesso in contatto con la sua amica di sempre Ginevra, che Mario si renderà conto che parlare e passare del tempo con lei lo fa stare bene:

“Solo lei riusciva a ricreare quella magia. Sempre. Fece un sospiro e sentì, forte e dolce, il peso di Ginevra su di sé. Sorrise. Tutto di quella donna gli risultava piacevole: l’energia contagiosa, la capacità di scherzare e di farlo sentire bene anche dopo un’immersione nelle brutture della sua vita, il fatto che fosse bellissima mentre giocava con lui a rugby. Splendida.”

Ma Betta non sembra intenzionata a cedere le armi senza lottare. Tornare a casa si Serena è sempre bello e scoprire cosa è successo nel frattempo ai protagonisti dei libri precedenti ospiti graditi, assistere ai progressi dell’agriturismo che nonostante il primo marito tenti di sabotare (anche se da lontano, dopo che un terzetto di giganti si è presentato alla sua porta) si espande e ha successo. Vedere come il rapporto fra Francesco e Serena diventi sempre più saldo e felice, e ritrovare un James perfetto nella sua nuova veste di padre della deliziosa Laura fatina amante delle favole e innamoratissimo della sua Nina. Ora a questi bei personaggi si è aggiunta Ginevra, dolce ragazza appassionata di cavalli, da sempre innamorata di Mario, ma che mai si sarebbe fatta avanti, convinta che Betta fosse la donna che lui voleva, anche se:

“In verità aveva sempre odiato con anima e corpo quella bella mora dai capelli lisci e lustri come seta che gli aveva preso il cuore, sbracciandosi dagli spalti come una cheerleader con i suoi strabilianti pon pon. Dal primo incontro, da quando si era accorta che Mario la guardava come avrebbe voluto essere guardata lei.”

Storie belle e romantiche quelle di Miriam Tocci e dei suoi affascinanti rugbisti, con scene passionali, dolci e delicate, mai troppo spinte, piene di sentimento che si leggono e si rileggono con grande piacere. E adesso? Personalmente voglio assistere al matrimonio (non vi dico di chi) e magari leggere una nuova storia, in fondo una squadra di rugby è formata da quindici giocatori e mi dispiacerebbe lasciare questa squadra così presto. Davvero una bella prova per un’autrice che ha saputo creare personaggi deliziosi che entrano nel cuore e ci rimangono.

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

 

Recensione di Lucia63

Editing a cura diLadyLightmoon

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

baby.ladykira

Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Recensione: “Royals” di Rachel Hawkins (serie Royals #1)

Care Fenici, oggi Dada ci parla di un libro spassosissimo: “Royals” di Rachel ...