Home / Recensione libri / Recensione Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Recensione Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

 

100215SepulvedaLa Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepúlveda è diventato ormai un classico per ragazzi .
Una chicca, una novella per grandi e piccoli, in poche pagine l’autore parla di ambientalismo, di amicizia, di amore incondizionato e di altruismo, dove i veri protagonisti sono gli animali .
Tutto inizia quando la gabbiana Kengah, distraendosi mentre pesca nel mare non sente il richiamo del pericolo, e così si trova sola e immersa in una pozza nera e velenosa di petrolio. La gabbiana con molta forza di volontà riesce a spiccare il volo ed esausta arriva fino al porto, dove viene trovata dal gatto Zorba.
Kengah fa promettere a Zorba di prendersi cura dell’ uovo che sta per deporre, di non mangiarlo e di insegnargli a volare.
Il povero gatto si trova così in poco tempo a dover covare l’uovo, mentre avrebbe voluto godersi casa sua in pace, visto che i padroni sono in vacanza per un mese.
Zorba non è solo, i gatti del porto si aiutano a vicenda e così con l’aiuto del Colonnello, il gatto più anziano, Segretario, il gatto tuttofare del Colonnello e Diderot, il gatto enciclopedico amante dei libri, non potendo più salvare la giovane gabbiana avvelenata dal petrolio la seppelliscono sotto l’ippocastano.
Zorba, grosso gatto nero cova l’uovo, lasciandolo solo per mangiare e per fare i bisogni nella cassettina, attento a quando viene l’amico di famiglia a controllare la casa e a dargli da mangiare.
Finalmente il ventesimo giorno l’uovo si schiude è esce una bianca gabbianella affamata, Zorba comincia a cercare degli insetti, fantastico un gatto grande e grosso che acchiappa mosche, con l’aiuto degli altri gatti provvede a dar da mangiare alla piccola.
Zorba d’accordo con il Colonnello trasferiscono Fortunata, così l’hanno chiamata, per nasconderla meglio nel negozio bazar di Harry, dove vive Diderot e la scimmia Mattia, quasi sempre ubriaca.
Fortunata si trova bene fra i gatti, si crede un gatto, chiama mamma Zorba e non ne vuole sapere di volare.
Splendido il discorso “miagolato” di Zorba per convincere Fortunata

“Sei una gabbiana. Su questo lo scimpanzé ha ragione, ma solo su questo. Ti vogliamo tutti bene, Fortunata. E ti vogliamo bene perché sei una gabbiana, una bella gabbiana. Non ti abbiamo contraddetto quando ti abbiamo sentito stridere che eri un gatto, perché ci lusinga che tu voglia essere come noi, ma sei diversa e ci piace che tu sia diversa. Non abbiamo potuto aiutare tua madre, ma te sì. Ti abbiamo protetta fin da quando sei uscita dall’uovo. Ti abbiamo dato tutto il nostro affetto senza alcuna intenzione di fare di te un gatto. Ti vogliamo gabbiana. download (19)Sentiamo che anche tu ci vuoi bene, siamo i tuoi amici, la tua famiglia, ed è bene tu sappia che con te abbiamo imparato qualcosa che ci riempie di orgoglio: abbiamo imparato ad apprezzare, a rispettare e ad amare un essere diverso. E’ molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile, e tu ci hai aiutato a farlo. Sei una gabbiana e devi seguire il tuo destino di gabbiana. Quando ci riuscirai, Fortunata, ti assicuro che sarai felice, e allora i tuoi sentimenti verso di noi e nostri verso di te saranno più intensi e più belli, perché sarà l’affetto tra esseri completamente diversi.”

Zorba ha mantenuto le promesse, ma per insegnare a volare ha bisogno di un aiuto esterno alla comunità dei gatti, dopo aver aver avuto l’autorizzazione dal Colonello, può “miagolare” con un solo umano, la scelta cade sull’ umano che abita con la gatta Bubulina, per Zorba è l’unico che ha un animo sensibile, essendo un poeta, ad ascoltare la richiesta di un gatto.
Zorba ha un dono, sa “miagolare” in diverse lingue, così può comunicare con ogni animale diverso ed umani diversi.
Con l’aiuto dell’ umano, Fortunata spicca il primo volo sotto lo sguardo attento di Zorba e di tutti i gatti, la gabbianella è felice di volare sotto la pioggia libera.
Zorba è orgoglioso e triste insieme, la gabbianella ha imparato a volare, ha compreso la sua vera natura.
Zorba il gatto di poche parole, ma saggio, un amico che vorremmo avere,

 

Per tutti.

E'owyn

Editing: Tayla

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Non chiudere gli occhi” di Mary Higgins Clark & Alafair Burke

A volte la verità fa più paura della ...