Home » Recensione libri » Made in Italy » Recensione: “Sposa Gotica” di October Avalon (serie Bloody Cinderella #4)

Recensione: “Sposa Gotica” di October Avalon (serie Bloody Cinderella #4)

Care Fenici, oggi Maljka ci parla di “Sposa Gotica” di October Avalon (serie Bloody Cinderella #4)

La gente lo considerava un mostro senza cuore, e lo era. Ma il suo cuore morto aveva preso a palpitare per un volto di donna tra la moltitudine che gli passava accanto senza attirare la sua attenzione, a meno che non gli servissero per essere immolate come vittime sacrificali alla sua sete di sangue e di dolore
Isbell era una donna qualunque, non era istruita, non era nobile, viveva in una catapecchia che stava a stento in piedi, ma sotto l’aspetto comune si nascondeva una strega bianca votata a fare del bene al prossimo. Ne aveva viste di femmine Vlad, aveva giaciuto con nobildonne dalla pelle diafana, e la bocca rovente, che si erano aperte a lui come un fiore pronto per essere colto, offrendogli senza indugio il loro frutto proibito. Lui non si era fatto problemi a cogliere quel fiore, o ad assaporare il frutto proibito che gli veniva offerto su di un piatto d’argento, spesso rivelandosi una mossa letale per la sventurata di turno.
A Isbell non aveva torto un capello, l’aveva toccata nello stesso modo con cui avrebbe maneggiato una delicata bambola di porcellana.
La sua preziosa Isbell…
Vlad III socchiuse gli occhi e raggiunse nella terra della memoria il suo amore lontano, perduto precocemente e mai dimenticato.
C’era una volta…
Vampiri e cacciatori di vampiri, un sanguinario mostro che arriva da un passato oscuro e leggendario, streghe nere, specchi magici che si aprono su altri mondi, alleanze tra esseri sovrannaturali, buio e luce in eterno conflitto, ma irrimediabilmente attirati l’uno verso l’altro.
Se pensate che questo sia l’iniziò di una favola romantica vi sbagliate.
Allo scoccare della mezzanotte, l’incantesimo verrà spezzato e ognuno mostrerà il suo vero volto.
Colui che si ribella al buio trova la forza di domare i propri demoni.

Le donne più pure sono anche le prime vittime sacrificali, e questo Dracula lo sapeva bene. La sua Isbell, la sua dolce metà portata via in un soffio, l’unica in grado di far battere il suo cuore di pietra, colei che ha dato alla luce Blue…

Siamo arrivati all’ultimo capitolo di questa serie e… wow! Nonostante la scrittura semplice, e i personaggi che rispecchiano i canoni classici dei bravi e sfigati, belli e dannati, mi è piaciuto davvero un sacco.

Streghe nere, specchi in grado di aprire varchi su altri mondi, demoni superiori rinchiusi un stanze da secoli, vampiri e cacciatori… questi sono i personaggi che la fanno da padrone in quest’ultimo capitolo della serie.

Bianca di Endor dentro di sé ha luce e buio, ma lei è una strega bianca, una della stirpe più pura, e non può avere il buio dentro. Ma quest’ultimo la chiama, il diavolo stesso la cerca, e ha un patto in sospeso con lei sin da quando era molto piccola. Nei capitoli precedenti l’abbiamo vista coinvolta in numerosi attacchi da parte dei demoni, creature in grado di passare attraverso agli specchi, avvenuti grazie all’aiuto di streghe nere. Ma di chi precisamente?

Siamo arrivati al conflitto finale, dove tutte le fazioni si riuniranno per combattere un male comune, dove a volte luce e ombra sono rinchiuse in un unico corpo e si uniscono per ottenere un bene comune, combattere ciò che di più nero esista tra i Mondi.

Dracula, il padre di Blue, è tornato a New Decadence anche lui cerca Bianca, ma per cosa? Anche Vlad ha perso un amore a causa del male, ma quell’amore perduto è realmente finito?

In questo capitolo tanti nodi verranno al pettine, e molte domande troveranno risposta. Ritroveremo tutti i personaggi conosciuti durante lo svolgersi di tutta la saga, uniti contro il male, e soprattutto uniti per la distruzione della strega nera, una delle donne più oscure e crudeli realmente esistite nella storia.

Mi sono piaciuti molto i rimandi storici, sono venuta a conoscenza di un personaggio di cui ho sempre sentito parlare, Erzsebeth Bathory, la contessa sanguinaria, della quale non ho mai approfondito la storia (e vi dirò… che schifo).

Molti personaggi, tra i quali Bianca e Dylan, hanno finalmente scoperto tutte le carte e svelato il loro vero carattere, facendosi amare o odiare, a seconda di chi si è preferito durante lo svolgersi della storia. I luoghi degli scontri sono descritti in maniera abbastanza superficiale, questo a parer mio per lasciare posto ai dialoghi, che la fanno da padrone nello svolgersi della storia.

Una saga conosciuta per caso, ma che consiglio agli amanti del genere.

1- Bloody Cinderella

2- La Carezza del Dragone

3- Incantevole Dannazione

4- Sposa Gotica

 

 

 

StaffRFS

StaffRFS
x

Check Also

Recensione: “La figlia del diavolo – (The Ravenels Series #5)” di Lisa Kleypas

Titolo: La Figlia del diavolo (Devil’s Daughter) Serie: The ...