Da non perdere
Home / Gay Romance / Recensione: “Sotto copertura” di T.A. McKay

Recensione: “Sotto copertura” di T.A. McKay

Care Fenici, il libro che Kiki ha letto per voi è Sotto Copertura di T.A. McKay

Drake Gallagher ha sempre voluto essere un agente di polizia, e non esiste niente al mondo che potrebbe reggere il confronto.

Dopo qualche mese di indagini, trova finalmente un modo per avvicinarsi al mondo della malavita, che da tempo cerca di distruggere. Una scia di gigolò deceduti lo conduce a una chat room e a un uomo chiamato Dreamfixer, ma quando un incontro a tarda notte non va come dovrebbe, la sua vita cambia per sempre.

La vita di Ryden Garrick è tormentata dagli incubi. Crescere con un padre come il suo gli ha insegnato tutto ciò di cui ha bisogno, per controllare una delle più grandi organizzazioni criminali della Gran Bretagna.

Armi, droga, riciclaggio di denaro sporco e il cavallo di battaglia di Ryden: il più grande giro di prostituzione maschile, nel quale tutto è accettabile, anche l’omicidio.
Dopo aver scoperto un legame tra le giovani vittime – una lettera tatuata sul petto – Drake ha capito di dover intervenire, ma quando si ritrova al cospetto dello sfuggente Dreamfixer, sa che la sua vita non sarà mai più la stessa.

Il libro di cui vi parlo oggi si intitola Sotto copertura di TA McKay, ed è stato pubblicato da Quixote Edizioni il 5 aprile 2018.

Bene, fenici, eccomi alle prese con un libro tosto! Trama interessantissima, che mi ha catturata fin dalla sua comparsa sugli store: chi mi conosce sa che ho un debole per poliziotti e militari, quindi non potevo farmelo scappare. Unico dubbio che ho avuto fin dall’inizio era dato dal genere del romanzo. Avevo infatti paura che fosse un dark romance, che io proprio non riesco ad apprezzare, quindi mi ci sono avvicinata in punta di piedi. Mi sono trovata a leggere, invece, una specie di mafia romance, a tratti difficile da digerire, ma senza i toni dei dark che mi avrebbero fatta tirare indietro.

Beh, la McKay ha vinto la sua prova con me, e adesso mi annovera tra le sue devote lettrici.

Il libro ha una trama suspense interessantissima e la prosa dell’autrice crea alla perfezione il giusto mix di azione e amore, anche aiutata da un’ottima traduzione.

I fatti sono quelli narrati nella sinossi: Drake Gallagher è un giovane poliziotto inglese che si trova a investigare sulla Blue Diamond, una società di escort gay segreta, gestita dalla malavita. Drake è il poliziotto che recupera l’ennesimo cadavere di un giovane uomo brutalizzato, e decide, in accordo con i superiori, di mettere in piedi una missione sotto copertura, in cui cercherà di farsi assumere all’interno dell’organizzazione e carpire le informazioni utili a distruggerla. Crea quindi la falsa identità di Drake Donovan e contatta in chat il DreamFixer, che sembra essere coinvolto nella società. Drake, però, aveva sottovalutato il pericolo in cui si stava andando a cacciare: l’organizzazione è, sotto molti punti di vista, brutale, e gestita con polso fermo dalle guardie che trattano gli escort come veri e propri carcerati. Ma il pericolo maggiore non è nella Blue Diamond stessa, o nel lavoro di prostituzione, ma nell’uomo che l’ha ideata e la comanda: Ryden Garrick. Malavitoso di seconda generazione, è la mente che sta dietro la società, un uomo cresciuto con un padre crudele che non lo amava, in un ambiente violento che lo ha costretto a commettere il suo primo omicidio a 12 anni.

A un certo punto della storia mi sono trovata con un bel dilemma: come potevo tollerare un romance in cui uno dei due protagonisti fosse così brutale? Drake si comporta come un sottomesso, cercando, almeno finché può, di tenere un profilo basso che lo aiuti nella sua missione, ma di certo non si aspettava di venire travolto dall’uragano Ryden. Buffo come anche una lettrice come me, che mal tollera la violenza, si sia lasciata coinvolgere da un personaggio come quello di Ryden, dal suo desiderio di amare e proteggere Drake. Un uomo dalle mille sfaccettature, alcune molto oscure, in netta contrapposizione con il poliziotto, che è luminoso e onestissimo. E proprio questa sua caratteristica lo farà stare male, quando capisce di essere coinvolto in qualcosa di profondo con Garrick, e di non essere più un infiltrato.

I fatti narrati corrono velocissimi sulle pagine, e questo è un romance che si legge in un soffio. Il finale non è per nulla scontato, e trovo che l’autrice abbia saputo gestire molto bene anche questo aspetto, che poteva essere banale oppure privo dell’happy ending. Non vi dico nulla, ovviamente, ma a poche pagine dalla fine ci sarà il colpo di scena in grado scompaginare tutte le carte in tavola.

Non vi lascio con una citazione, ma con la dedica con cui l’autrice ha voluto aprire il volume:

A tutte le persone che hanno seguito il loro cuore invece della testa, innamorandosi contro ogni probabilità. Continuate ad amare e scrivete la vostra storia d’amore.

Che sia di augurio per tutti noi, e di guida per chi decida di leggere questo libro.

 

 

Kiki

x

Check Also

Recensione in Anteprima: “C’era una volta un lupo” di Rhys Ford (serie Lupi Ribelli #1)

Buongiorno Fenici, oggi Kiki ci parla in anteprima della nuova serie di ...

error: Contenuti di proprietà di RFS