Da non perdere
Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie tv: Will 1×2 Cowards die many times

Recensione Serie tv: Will 1×2 Cowards die many times

“ I codardi muoiono molte volte prima delle loro morti, il valoroso assaggia la morte solo una volta.”

Il secondo episodio si apre con questa citazione tratta dal “Giulio Cesare” di Shakespeare.

Avevamo lasciato il giovane Will pieno di gioia per la sua nuova vita a Londra. Nel teatro di Burbage ha trovato dei nuovi amici e il suo primo dramma è stato un discreto successo. Sebbene non abbia ancora ricevuto del denaro, è sereno e fiducioso e si immerge subito nella scrittura di una nuova opera.

Intanto, a teatro viene messa in scena, per un pubblico pagante, la tragedia di Shakespeare e, questa volta, gli attori cominciano a improvvisare, trasformandola in una commedia. Will non gradisce, non sopporta di vedere il suo prezioso lavoro stravolto in quella maniera, e quando cerca di parlarne, tutti lo zittiscono e deridono. Inoltre, sono tutti sconvolti per il recente arresto del poeta Baxter (fatto incriminare da Marlowe al posto di William) e non si spiegano come sia possibile che nessuno si sia mai accorto di nulla. Baxter è uno di famiglia e tutti sono in pena per la sua sorte.

Alice, però, scopre che il reale ricercato era William. Corre da lui e gli racconta l’inganno di Marlowe. Per Will è una doccia gelata: confessa alla ragazza di essere un cattolico. Ma lei è troppo innamorata per rendersi conto della reale implicazione di questa confessione. Pur consapevole dei rischi che lei e la sua famiglia corrono, mantiene il segreto del ragazzo.

Will non si dà pace. Cerca Christopher Marlowe e gli confessa di volersi costituire. Il drammaturgo cerca di farlo ragionare e gli promette che presto Baxter sarà rilasciato. Interessante è il secondo incontro che hanno i due, durante il quale Marlowe stuzzica Will fino a fargli ammettere che tutto quello che vuole sono gloria, soldi e potere, ma prima di tutto la libertà.

Accade però l’inaspettato: Baxter muore e l’attore principale del teatro, nonché socio di Burbage, Kamp, li lascia per andare a recitare nell’altro teatro di Londra. È il caos. William è disperato perché un innocente ha perso la vita a causa sua e sente di dover fare qualcosa.

In questo secondo episodio assistiamo a una piccola crescita del personaggio di Will, che si evidenzierà maggiormente nel terzo episodio, del quale vi parlerò presto. Il ragazzo affronta le prime difficoltà lavorative e deve fare i conti con la propria coscienza. Non si lascia abbattere e continua a inseguire il suo sogno. Mi è piaciuta molto la parte in cui cerca di salvare il teatro convincendo Kamp a ritornare, con la promessa di scrivergli una parte che lo renderà l’attore più famoso d’Inghilterra; dimostra di avere a cuore anche le sorti di coloro che gli hanno dato fiducia per la prima volta.

Assistiamo inoltre alla crescita del sentimento per Alice, un sentimento reciproco. Lei lo sprona, lo aiuta. Chissà cosa potrebbe accadere nel prossimo episodio? Un altro bacio tra i due? Io ci spero!

Recensione Serie tv: Will 1×2 Cowards die many times
5 su 1 voti

Gaia

x

Check Also

Recensione Serie TV: Blindspot 3×02 Enemy Bag of Tricks!

Eccoci arrivati a questa seconda puntata della terza serie di Blindspot, episodio ...

error: Contenuti di proprietà di RFS