Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Versailles Versailles S2xE3 J’ai construit des murs pour me protéger des menaces extérieures, mais les plus grands danger sont à l’intérieur

Recensione serie TV: Versailles Versailles S2xE3 J’ai construit des murs pour me protéger des menaces extérieures, mais les plus grands danger sont à l’intérieur

Ben ritrovati tra le mura della più bella e infida corte mai esistita nella storia.

La recensione contiene spoiler e tanti pettegolezzi quindi se volete godervi l’episodio fate marcia indietro.

Questo terzo episodio si concentra su una particolare classe di persone che devono obbedire senza mai poter essere davvero libere: le donne. Tutte sono alla mercé degli uomini, dalla Regina alla servetta. Le donne, specialmente in questo periodo storico, devono obbedire e procreare e sopportare miriadi di cattiverie da parte di uomini che vogliono il loro corpo, la loro mente e addirittura il loro amore. Pretendono, non chiedono.
Avete idea di cosa sia la messa a letto? Non ci vuole un genio per intuirlo. Per festeggiare un matrimonio d’interesse le parti che hanno orchestrato il tutto vogliono essere rasserenate sulla reale consumazione del matrimonio; quindi dopo la festa i due sposini vengono accompagnati in camera. Ora in certe serie come i Borgia ci sono andati giù pesante mostrando anche l’atto sessuale, fortunatamente qui no. La povera vittima è la principessa palatina moglie del Duca D’Orleans che, dopo questo imbarazzante momento, tra l’altro neanche facilitato dal marito, non solo non consuma, ma viene anche umiliata dal consorte che non ha intenzione di fare figli, e che spera di far annullare il matrimonio così da rispedirla in Germania. Carino! Ovviamente, se andate a consultare una qualsiasi enciclopedia troverete la loro discendenza, tra cui un figlio che ha tenuto la reggenza per il giovane nipote del Re Sole. Quindi un po’ di sesso devono averlo fatto, bisogna capire a questo punto di chi sarà la prole. Potremmo tranquillamente dire che il fratello del re sia un gran “biip”, e un gran “figlio di biip”, ma come di certo sappiamo, il suo letto non è vuoto dato che ad aspettarlo e adorarlo c’è il bel Le Chevalier.
Oltre alla povera principessa palatina c’è un’altra donna che merita tutto il nostro affetto, la signorina De Clermont, cugina del Chevalier, la spia di Fabian, cui viene destinato un marito da tenere sotto d’occhio: il Duca di Cassel. Povera ragazza! Nel pieno della gioventù viene data in sposa ad un vecchio violento, pedofilo e sporco. Blah! Tutto per amor di patria… (ma anche no, se fossi in lei mi rintanerei nella corte di Guglielmo d’Orange).
L’ultima donna a cui rivolgo un pensiero, e no non è né la marchesa di Montespan, che ha avuto una figlia che non va mai a trovare, né la regina che proprio non sopporto, ma la madre di Gaston Defois, rivale del duca di Cassel per il posto di ministro. Sembra sia stato lui ad uccidere il vecchio ministro e la consorte usando una povera cameriera a cui aveva promesso il matrimonio. Seh pinocchio! A lei non rivolgo molti pensieri perché è stata proprio cretina a credergli.

La signora madre di Defois, che evidentemente ha sempre dovuto lottare per il bene del figlio, a quanto pare gli ha insegnato ad avvelenare la gente, e quando viene scoperto e incatenato si getta ai piedi del sovrano per chiedere pietà, cosa che gli viene rigettata in faccia.

Fabian intuisce che la mandante degli omicidi è stata lei, l’affronta e si prende una coltellata sul petto, come ogni santa volta che affronta una donna. Povero Fabian, e povera madre di Defois. Povera servetta sciocca, povera figlia illegittima del re, povere figlie non considerate del Duca d’Orleans, povera principessa palatina e povera futura duchessa di Cassel. Non che queste donne non abbiano ambizioni o colpe, considerando l’utilizzo frequente di veleni, ma partono svantaggiate e senza di loro vorrei proprio vedere come gli uomini avrebbero fatto ad avere i loro preziosi maschietti.

Ps: certo che sta meglio il duca d’Orleans in abiti femminili rispetto alla moglie. Che figo!

Recensione a cura di 

Editing a cura di 

 

Recensione serie TV: Versailles Versailles S2xE3 J’ai construit des murs pour me protéger des menaces extérieures, mais les plus grands danger sont à l’intérieur
5 su 1 voti

baby.ladykira

baby.ladykira
Oltre ad essere l' Admin founder del Sito di Romanticamente Fantasy, sono una libraia ed adoro tutti i libri in genere, dai cartacei ai digitali. Oltre alla passione dei libri, sono una telefilm e film dipendente ^_^
x

Check Also

Recensione serie TV: The big bang theory – 10×21 – The Separation Agitation

Primo giorno di asilo per la piccola Halley, ma a quanto pare ...

error: Contenuti di proprietà di RFS