Home / Spazio bimbi. Crescendo con i libri, i cartoni e il film e telefilm / Recensione Serie Tv: Trollhunters – Episodio 1×02 “Divenire: Parte 2”

Recensione Serie Tv: Trollhunters – Episodio 1×02 “Divenire: Parte 2”

 

Possibili spoiler

 

Siamo di nuovo ad Arcadia e dopo i fatti accaduti il giorno prima, Jim che ha scoperto che l’amuleto può far apparire la scintillante armatura da Trollhunters, sente il bisogno di parlarne naturalmente con Tobs. Lo raggiunge di corsa e (oddio! L’incubo peggiore di tutti i ragazzi… e anche adulti!) è seduto sulla sedia del dentista intento a farsi montare un apparecchio fisso per i denti!

Naturalmente Tobs non può parlare, o meglio, biascica tremendamente e il dentista fa da tramite per la traduzione.

Dopo otto ore, finalmente Jim può mostrare la bella notizia al suo amico, ma ogni tentativo di indossare l’armatura, viene disturbato. Ma alla fine ci riesce e Tobs comincia a farfugliare su quali dovrebbero essere i modi per usare i nuovi poteri dell’amico (naturalmente mentre sgranocchia un pezzo di pizza!)… anche se pensandoci bene forse sarebbe meglio usarli contro Steve, il bullo della scuola.

In quel momento nella cucina irrompono due enormi trolls, uno con sei paia di occhi e quattro braccia di nome Blinky, l’altro bordato da una pelliccia verde e denti enormi sporgenti di nome Aaaaargh, che Jim aveva scovato la sera prima nascosti in cantina e che gli hanno fatto un po’ chiarezza sulla sua missione.

Chiamano il nuovo cavaliere ‘padron Jim’ confessando candidamente che lo stavano spiando dal giorno soprattutto perché ha confessato il suo nuovo ruolo a un umano.

Tobs è atterrito, chiama anche la protezione animali, ma alla fine comprende la situazione e si tranquillizza.

Gli viene rivelato che il compito del cacciatore è proteggere i trolls, ma naturalmente, come in ogni gag che si rispetti, arriva improvvisamente la madre e Jim deve spingere i suoi amici a chiudersi in bagno, millantando di avere una gastroenterite.

Ma la mamma è un medico e propone di prendere medicine, facendo sprofondare i ragazzi nella confusione.

Chiusi in quello spazio ristretto i trolls confessano a Jim che il loro precedente difensore, Gengiter ‘il coraggioso’ è morto nel tentativo di proteggerli da ‘Bular’, figlio di Gunmar, esiliato nelle lande oscure, che è un avversario cattivo e formidabile.

Jim si spaventa perché si rende conto che non potrà competere con il guerriero precedente, e che deve essere addestrato, ma occorrerebbero di solito decenni, mentre lui ha solo pochi giorni per apprendere il tutto.

Finalmente Jim si mostra alla madre, la tranquillizza e lei se ne va, mentre Tobs scopre che Aaaaargh adora mangiare le cassette VHS.

Il ragazzo confessa che ha paura di questa nuova missione e Blinky lo implora di combattere quella battaglia perché altrimenti i trolls cattivi potrebbero vendicarsi anche sugli umani.

Tobs chiede ai trolls di concedere tempo a Jim e così i due se ne vanno con la promessa di tornare il giorno dopo.

A scuola la mattina seguente l’amuleto comincia a brillare inspiegabilmente e i ragazzi si rifugiano in palestra per nascondersi e scoprire l’arcano, controllati a vista dal professor Strickler, un mutante al servizio di Gunmar che deve riappropriarsi proprio dell’amuleto del potere.

Li segue nello spogliatoio e per sfuggirgli Jim confessa che si stava preparando per la recita di Juliet e Romeo, improvvisando sulla locandina appesa a una parete e, per giustificare il fatto che indossi un’armatura.

Dovendo a quel punto andare in teatro per partecipare all’audizione, dove incontra la ragazza che gli piace Claire, alla fine improvvisa la parte riprendendo il discorso di incoraggiamento che gli ha fatto Blinky la sera prima.

La sua performance che si conclude con la frase: “Non pensare, diventa!” piace a tal punto all’insegnante che gli dà la parte.

Intanto al tramonto tornando a casa con l’inseparabile Tobs, i ragazzi vengono attaccati da Bular che vuole assolutamente l’amuleto, creazione di Merlino.

Ma pur invocando l’armatura, questa non compare, nonostante Jim reciti la formula in vari modi e fonemi.

Vengono inseguiti, colpiti, disarcionati dalle bici, ma alla fine riescono a sfuggirgli, infilandosi in uno strettissimo vicolo e raggiungendo casa dove trovano i loro amici trolls dove Aaaaargh confessa di non combattere nonostante la grossa mole perché è un pacifista. Ma Bular non si è arreso, li ha raggiunti e alla fine Jim è costretto a combattere. Le forze sono impari e Aaaaargh decide di aprire un passaggio nella roccia per permettere al suo protettore di sfuggire alla macchina da guerra Bular. Si ritrovano in una caverna che permette ai primi umani di entrare nei meravigliosi paesaggi del Troll Market, ossia il mercato dei troll dove i seguaci di Gunmar non possono accedere.

Con incanto e meraviglia di Jim e Tobs si conclude l’episodio, ricco di colori e di vicissitudini.

th1

Recensione a cura di: Tracy

Editing a cura di: Tayla

Recensione Serie Tv: Trollhunters – Episodio 1×02 “Divenire: Parte 2”
Vota qui L\'articolo.

bettybuchet

bettybuchet
BLOGGER RFS RESPONSABILE DEL REPARTO KIDS
x

Check Also

Recensione Serie Tv: Blindspot 02×22 “Lepers Repel”

La recensione contiene spoiler Credevate che la fase due fosse finita??? Che ...

error: Contenuti di proprietà di RFS