Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: THIS IS US STAGIONE 02

Recensione serie TV: THIS IS US STAGIONE 02

This is Us Prima stagione

La seconda stagione di THIS IS US, (link alla precedente recensione), si apre sulle vicende dei tre fratelli, protagonisti della serie: avevamo lasciato Kate decisa a intraprendere la carriera della cantante solista, Kevin con la sorpresa di esser chiamato da Ron Howard per interpretare una parte nel suo ultimo film e Randall che annuncia a sua moglie Beth l’intenzione di adottare un bambino.

Con lo stile che abbiamo già apprezzato nella prima stagione, la serie continua con continui flash-back che ci riportano indietro di almeno vent’anni a narrare, in un andirivieni serrato tra le varie epoche, la vita della famiglia Pearson in passato e ai giorni nostri: Kate, oggi, continua a nutrire forti sensi di colpa nei confronti del padre mitizzato da tutti i componenti della sua famiglia, soprattutto riguardo alla sua morte tragica per la quale si sente responsabile. Più avanti nella serie, all’episodio n.14 scopriremo esattamente come sono andate le cose e quindi perché Kate si senta responsabile dell’accaduto.

Scopriremo poi quanto nobile e coraggioso sia stato Jack Pearson e le ragioni per cui tutti i suoi famigliari, oltre che a sentirne tremendamente la mancanza, lo abbiano innalzato a eroe di famiglia. Però Kate non solo ha cristallizzato la figura paterna, ma ha nutrito per tutta la vita una feroce rivalità con la madre che esplode non appena la donna provi a percorrerne le scelte e la professione: nel momento in cui Kate decide di dedicarsi al canto, immediatamente scatta in lei il processo di identificazione e di sconfitta. Non sarà mai bella, magra e altrettanto talentuosa quanto Rebecca Pearson, madre e moglie perfetta. E neppure la vicinanza e il sostegno del fidanzato “santo-subito” Toby, pare darle sollievo.

Kevin, dal canto suo, deve invece affrontare un ruolo importante in un film a Hollywood: Ron Howard lo ha infatti chiamato a recitare a fianco di Sylverster Stallone – il regista hollywoodiano e il “Rocky” nazionale interpretano sé stessi nella fiction – come attori non protagonisti.

Per la prima volta in vita sua si trova di fronte a una grossa sfida: dimostrare di essere un vero attore, tirar fuori il talento nascosto, se ne è in possesso. In parte ostacolato proprio dalla gemella Kate che fa cenno al padre-eroe proprio con Sly durante una pausa dalle riprese, Kevin si ritrova inaspettatamente a rivivere momenti di particolare intensità vissuti da bambino con il padre e che lo toccano profondamente. Un incidente durante le riprese di azione, poi, rischia di rovinargli nuovamente la carriera anche come attore: una frattura al ginocchio aveva già in passato interrotto bruscamente i suoi sogni di gloria nel football. Adesso lo stesso ginocchio rischia di mandare a monte la sua partecipazione nel film. Kevin tenta di esorcizzare i propri demoni nell’alcool e nelle droghe, ma questo lo porta a distruggere il ritrovato rapporto con Sophie, l’ex-moglie dalla quale era tornato e con tutti i componenti della famiglia Pearson.

Randall, invece, è alle prese con prima l’inserimento non felice di Deja, una tredicenne figlia di una ex-mamma-adolescente, sbandata sempre alle prese con rapporti sentimentali sballati, che viene messa in prigione per porto d’armi abusivo. Una volta instaurato un rapporto d’affetto con la ragazzina, Randall dovrà insieme a Beth, sua moglie, affrontare l’elaborazione del lutto riguardo al ritorno di Deja dalla madre e dal desiderio di onorare il ricordo dei due padri, quello biologico e quello adottivo, attraverso azioni socialmente utili e nobili. L’ansia che lo travolge ormai a più riprese rischia di assalirlo, nonostante la costante presenza della forte e comprensiva compagna. I problemi dei due fratelli che a ogni difficoltà si rivolgono a lui per esserne spalleggiati, non aiutano.

La serie si conclude su una festa di matrimonio in famiglia nella quale però, tra i sorrisi e l’allegria delle celebrazioni, gli sceneggiatori inseriscono una serie di flash-forward riguardanti le difficoltà che incombono su tutti i Pearson e che saranno sviluppati nella 3a serie.

Paradossalmente, il ritmo serrato e veloce della prima stagione, in questa seconda vive una battuta d’arresto inaspettata. Nonostante siano presenti numerosi flash-back e flash-forward che narrano la vita passata, presente e futura dei Pearson, la narrazione sembra quasi stagnare. Molto d’impatto è la puntata n.14 nella quale vengono spiegate le circostanze in cui Jack Pearson muore lasciando nella desolazione più totale la famiglia, ma i costanti salti in avanti invece spiazzano un pò lo spettatore, pur incuriosendolo. Interessante e a tratti commovente il confronto di tutti i componenti della famiglia Pearson di fronte allo psicologo che ha in cura Kevin nel Rehab, ma a parte questi due momenti di rara intensità, tutto lo sviluppo della seconda stagione pare un po’ sedersi su una sorta di autocompiacimento. Le intemperanze di Kate a stento coinvolgono, la lotta di Kevin contro la dipendenza è risolta troppo velocemente e neppure la figura di Randall, che nella prima stagione era risaltata su tutti gli altri al punto da fargli guadagnare un Grammy per migliore attore, regala la stessa empatia.

Tutto sommato, una seconda stagione molto meno audace e innovativa, che avrebbe potuto mostrare invece un po’ più oscurità nel rappresentare una famiglia media americana e avrebbe dovuto avere più coraggio nello “sporcare” i suoi protagonisti; invece si è mantenuta a una velocità di crociera costante scivolando un po’ nella narrazione-spot tipica della Coca cola.

EPISODI #2 STAGIONE (per la trama di ciascun episodio https://it.wikipedia.org/wiki/Episodi_di_This_Is_Us_(seconda_stagione) ):

#02×01 Un consiglio paterno

#02×02 Il Tato è una cosa meravigliosa

#02×03 Alti e bassi

#02×04 Sempre lì

#02×05 Fratelli

#02×06 Tess

#02×07 Linee parallele

#02×08 Numero uno

#02×09 Numero due

#02×10 Numero tre

#02×11 Ruota di scorta

#02×12 La scatola

#02×13 Super Bowl

#02×14 La domenica del Super Bowl

#02×15 La macchina

#02×16 Las Vegas, baby

#02×17 Questa grande, meravigliosa, bellissima vita

#02×18 Il matrimonio

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Out

Recensione Serie Tv: When hope calls – 1×03 – “Out of the past”

In questa terza puntata il passato si affaccia ...