Home » Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip » Recensione Serie Tv: The 100 – 7×03 – “False Gods”

Recensione Serie Tv: The 100 – 7×03 – “False Gods”

False Gods

Progetto grafico a cura di Eve

Recensione con spoiler

Moriremo Tutti, il mantra di The 100, quante volte lo abbiamo sentito? Eppure, dopo sette anni siamo sempre allo stesso punto. Questa serie ti mette di fronte al medesimo quesito ogni volta, la stessa domanda ripetuta all’infinito: cosa sei disposto a fare per sopravvivere, quanta umanità abbiamo davanti alla morte?

La risposta è sempre la stessa, sopravvivere sempre, a ogni costo. Nonostante i nostri si siano ripromessi di fare meglio, davanti all’ennesima catastrofe reagiscono sempre allo stesso modo, sacrificare qualcuno per un bene più grande: preservare la vita umana. Bel concetto, ma viene da chiedersi quanta umanità resti e se veramente basti come giustificazione. Pensieri espressi, passiamo all’episodio.

Dopo aver visto cosa succede dall’altra parte dell’anomalia, questa volta torniamo a Sanctum dove l’esecuzione di Russell è sempre più vicina, se ricordate, un paio di episodi fa, un’incazzatissima Clarke lo aveva condannato a morte.

Direi che questo è l’episodio dei dubbi, del mettersi in discussione, della crescita e della caduta; il popolo è in subbuglio, i prigionieri degli Eligius sono arrabbiati, si sentono defraudati da quello che secondo loro gli spetterebbe, i Wonkru vogliono vedere il loro comandante, che purtroppo non esiste più. Clarke è a pezzi per la morte della madre e Raven si trova di nuovo a dover risolvere problemi più grandi di lei.

Partiamo da Russell, apparentemente lui, ma sappiamo bene che ormai il Prime non esiste più e al suo posto abbiamo Sheidheda, un calcolatore, che con una mossa semplice e subdola riesce a salvarsi dalla morte. Come? Semplice, usando l’unico che veramente ha il cuore puro: Jordan.

Il ragazzo va a parlare con lui per riuscire a evitare che i suoi seguaci scatenino una rivoluzione e con due paroline ad hoc il gioco è fatto, Jordan usando il suo status di figlio di Monty, convince Clarke a far parlare Russell al suo popolo per fargli accettare il suo destino, ammetto che il suo discorso sembra quasi convincente, fino a quando dalla folla emerge una pistola e Russell viene ferito. Quello che apparentemente sembra essere stato solo un tentativo di uccidere un tiranno era stato invece preparato a tavolino, vediamo infatti una dei seguaci dei Prime che avvicinandosi all’uomo appena operato gli sussurra che il piano era riuscito e colui che ha sparato è stato ucciso dalla folla inferocita. I nostri, inconsapevolmente manovrati, sono costretti all’unica mossa possibile, risparmiarlo per non farlo diventare un martire.

Intanto sorge l’ennesimo problema, il reattore nucleare di Sanctum sta fondendo, ed eccoci al “moriremo tutti”: Raven prende in mano la situazione, reclutando alcuni dei prigionieri dell’Eligius e sfruttando il sangue nero di Murphy ed Emory, riesce a risolvere in extremis, peccato però che sia più che consapevole che tranne i suoi amici nessun altro potrà salvarsi, ha deliberatamente ucciso tre persone. Questo la pone al pari di Clarke, finora si era sempre elevata a giudice delle scelte discutibili della nostra biondina, ma adesso?

Come le fa notare Murphy: “Benvenuta nel regno dei compromessi.”

Anche Gaia è cambiata, dopo la distruzione della fiamma non sa più chi è, per tutta la sua vita è stata una Flame Kepa, ora non ha più una direzione da seguire, opta quindi per la verità, nonostante Indra la avverta di non farlo, e aveva ragione, scoperto di non avere più un comandante i Wonkru si dividono. Siamo alle soglie di una nuova guerra.

L’episodio si conclude con una riflessione di Clarke: “Pensavo che combattere fosse ciò che facciamo. Ora sono preoccupata che combattere sia ciò che siamo.”

Più o meno questo è quanto è successo in questo episodio, l’umanità come status messa a nudo e di nuovo ne esce perdente o… vincente, dipende dai punti di vista. Ci leggiamo la prossima settimana con il quarto episodio che promette scintille.

 

DarkSide

DarkSide

Lascia un Commento

x

Check Also

Shiv Part One

Recensione Serie Tv: Stargirl – 1×07 – “Shiv Part One”

Dopo la batosta inflitta da Sport man e ...