Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Prodigal Son – Stagione 1 ep. 8 e 9 –

Recensione Serie Tv: Prodigal Son – Stagione 1 ep. 8 e 9 –

Prodigal

Progetto grafico a cura di Eve

Recensione con spoiler

In questo nuovo appuntamento di Prodigal Son, Malcolm ottiene finalmente la conferma sull’esistenza della ragazza nel baule. La telefonata ricevuta nello scantinato di casa Whitly riapre così una ferita mai guarita e porta nuovi pericoli nelle loro vite: infatti, l’interlocutore dall’altra parte è sì un vecchio amico del Chirurgo, ma anche il killer che Malcolm ha incontrato dallo sfasciacarrozze.

Al dipartimento, il lavoro di riconoscimento dei corpi sta portando via molto tempo, soprattutto per quelli parziali, ma Edrisa comunica che due delle vittime più recenti avevano lo stomaco completamente vuoto. Si tratta di un fatto inusuale, a meno che non siano state tenute in contenimento senza cibo e acqua. Malcolm e Gil tornano tra i rottami delle vetture e, ripercorrendo la notte dell’incontro con il killer, trovano un nascondiglio con al suo interno un ragazzo.

Ryan Davis viene portato in ospedale, dove Ainsley veglia sul suo fidanzato, e la presenza della polizia sveglia il suo spirito da giornalista.

Evitando messaggi e chiamate di sua sorella, Malcolm, accompagnato da Dani, va a interrogare il parroco che conosce Ryan. Padre Leo si dimostra ostile e per questo viene bollato da Dani come possibile sospettato; questa convinzione viene smentita poco dopo quando, tornati al dipartimento, Malcolm riceve un pacco con la mano amputata del parroco. Il killer li ha visti parlare e ha pensato bene di dare una lezione al pover’uomo e dimostrare alla polizia ciò di cui è capace. Non contento, azzarda una chiamata a casa Whitly che prontamente viene deviata alla centrale. Scombussolato dalla chiacchierata con Paul, Malcolm esce in cerca di aria e nota un uomo incappucciato che lo guarda dall’altra parte della strada. Una persona sana di mente si girerebbe a chiamare rinforzi, ma non il nostro beniamino che, offuscato dai ricordi del passato, lo segue, cadendo così nella sua trappola.

Bright è disposto a tutto pur di arrivare alla verità, anche sottostare al gioco di Paul, il quale, prima di lasciarlo ammaccato nel tornello, accetta di incontrarlo più tardi.

Dopo una strigliata da parte di Gil si preparano al confronto, ma giunti sul posto trovano solo Padre Leo, usato come diversivo per allontanarli dal vero obiettivo: Ryan. Gil manda subito rinforzi in ospedale, dove Ainsley, incurante dell’avvertimento del fratello, si dirige verso la stanza di Ryan in cui è nascosto il killer, ma l’arrivo tempestivo della polizia mette in fuga Paul.

Le sorprese non finiscono qui, perché entra in gioco l’FBI che prende in mano il caso del killer dello sfasciacarrozze, estromettendo Gil e la sua squadra.

In attesa di sapere come muoversi, vengono chiamati per un altro caso e, da una prima ricostruzione, sembra essere un delitto passionale, una serata amorosa finita male. Durante la perizia, arrivano i proprietari dell’appartamento e quello che inizialmente pensavano essere David Saverstein si rivela uno sconosciuto (o almeno è quello che credono prima che la signora Saverstein inizi a mostrare segni di nervosismo). Capendo il suo stato d’animo, Malcolm le offre la possibilità di allontanarsi in modo da poterla interrogare in privato. Scopre così l’identità della vittima e che i due fanno parte di una comunità segreta gestita da Jasper Saint George, in cui i partecipanti esplorano le proprie fantasie sessuali mettendo a disposizione le proprie case; da qui il timore di parlare davanti al marito ignaro delle preferenze di Beth. I signori Saverstein fornisco degli alibi che vengono confermati più tardi e alla polizia non resta che rintracciare Jasper. Malcolm potrebbe conoscere qualcuno che in grado di aiutarli.

Nico, il dominatore. Come dimenticare il ragazzo al quale Mal ha amputato la mano nel primo episodio? Il poveretto è talmente terrorizzato che pur di mandarlo via accetta di organizzargli un incontro con Jasper, o meglio, Simone. Sì, perché Jasper non vuole rinunciare al suo anonimato.

La donna, senza perdere tempo, gli dice di andare a casa sua per un incontro focoso, ovviamente interrotto da Gil. Messa alle strette, Simone rivela che David era a conoscenza degli incontri della moglie, ma non è lui l’assassino. Solo dopo aver trovato l’indirizzo di Jasper, riusciranno a catturare il vero colpevole.

In “Pied-a-terre” conosciamo meglio un personaggio secondario: Eve, la nuova socia in affari di Jessica. La ragazza esce con Malcolm, ma la serata precipita quando propone di fasi analizzare dal nostro profiler, che, nonostante la presenza di JT, non riesce a fermarsi prima di andare oltre. La cara Eve cerca qualcuno. Che possa essere legata alla ragazza nel baule? In questo caso, sarà interessante vedere le sue prossime mosse.

 

DarkSide

DarkSide

Lascia un Commento

x

Check Also

DEATH AND THE SERPENT

Recensione Serie Tv: Vikings -6X07- “The Ice Maiden”

Progetto grafico a cura di Teresa Dopo lo ...