Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Prodigal son – 1×16 – “ The Job”

Recensione Serie Tv: Prodigal son – 1×16 – “ The Job”

Prodigal

Progetto grafico a cura di Eve

Recensione con spoiler

Et Voilà!

Buona notizia: come avevo previsto e anticipato le nuove puntate sono arrivate.

Brutta notizia: Non si sa ancora se siano riusciti a girarle tutte prima dell’arrivo di questa calamità.

Doc “sexy psico” Martin e “Sweet” Malcom fans stay tuned!

E ora via… tuffiamoci in questo nuovo, bellissimo episodio.

Partiamo alla grande con Doc Martin che ricatta Malcom e Jessica. Testimonierà in difesa della moglie solo se Martin lo andrà a trovate due volte ogni dieci giorni. Pare che il “buon” dottore sia tornato dal regno dei morti in versione più dispotica e parassitaria di prima. Sì, tutti i narcisisti sono parassiti.

Vi ricordate la bellissima Eve con cui Malcom aveva avuto una brevissima relazione terminata quando lui, durante uno dei suoi incubi, ha cercato di affettarla con una katana? Bene, Jessica riesce a far in modo che i due si incontrino di nuovo.

Un consiglio, tenetela d’occhio fino al finale di puntata.

Il nuovo caso di cui si occupa la squadra è un furto in una casa d’aste specializzata in alta gioielleria dove sono stati rubati venti milioni di dollari in orologi di lusso.

Un furto rumoroso per terrorizzare i commessi; veloce, così che nessuno ha avuto il tempo di reagire; violento, così nessuno ha cercato di fermarli.

L’intervento della Crimini Maggiori è stato richiesto perché una donna è stata uccisa a bruciapelo.

Angela Santi aveva 28 anni ed era la responsabile delle consegne.

L’agente assicurativo incaricato dalla compagnia di recuperare il bottino pur di non pagare il premio, è Vijay Chandasara, un vecchio compagno delle scuole superiori di Malcom ed è, o meglio è stato, quello che potremmo definire un amico per lui.

Vijay sembra entusiasta di averlo rincontrato mentre Malcom sta un po’ sulle sue. Fiducia è una parola che fa fatica persino a pronunciare. Quando erano al liceo entrambi i loro padri erano in prigione, ma quando quello di Vijay è stato scarcerato, lui si è fatto dei nuovi amici e Malcom l’ha vissuto come un tradimento.

La banda fa un nuovo colpo e tutta la squadra accorre sulla scena del crimine ma, purtroppo, arrivano troppo tardi e trovano un’altra donna molto simile a quella della galleria d’arte. Incedibile ma vero, malgrado il buco in fronte, la ragazza è ancora viva e viene subito trasportata in ospedale e sottoposta a una craniotomia.

Malcom, sfruttando le conoscenze di Martin, riesce a interrogarla mentre la stanno operando. Infatti in tutti gli interventi al cervello non viene mai fatta l’anestesia totale perché sono assenti i ricettori nervosi, quindi il paziente non sente dolore e da sveglio può aiutare i dottori a non compiere errori.

La ragazza purtroppo non ricorda i volti, ma rammenta di aver sentito qualcuno chiamare Coop e di un tatuaggio che l’aggressore aveva sull’avambraccio: una fenice, il simbolo di una banda cinese di Seattle.

Vijay organizza un incontro con i rapinatori e Malcom, intuendo dove si terrà, lo raggiunge e va all’appuntamento con lui.

La scusa che si inventa per essere lì viene subito scoperta, ma trova in Coop, il capo banda, un alleato. Anche lui vuole scoprire chi è l’assassino che si nasconde nella sua squadra.

Coop libera Vijay, ma trattiene Malcom. È molto intrigante vederlo stilare il profilo dei rapinatori fino a scoprire chi sia il killer.

Il caso si risolve, ma la parte migliore arriva nel finale.

Siete pronte? Perché vi stupirà e vi lascerà con un baule pieno di domande.

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione Serie Tv: Coroner – 2×05 – “One Drum”

Salve, Fenici! In questo episodio il caso sul ...