Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Motherland: Fort Salem – 1×02 – “My Witches”

Recensione serie TV: Motherland: Fort Salem – 1×02 – “My Witches”

Motherland

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

Care Fenici,

questa serie mi piace sempre di più! Se dovessi applicare le case della saga di Harry Potter per descrivere le protagoniste di questa serie, direi che Abigail è sicuramente una Serpeverde, Raella una Grifondoro e Tally una Tassorosso, e siccome io sono una Tassa al 100% immaginate chi sta diventando la mia preferita! Esatto, Tally. Quindi per logica Raella e Abigail sono antagoniste, o meglio, si pestano i piedi a vicenda, difatti la prima continua ad accumulare assenze per divertirsi con Scylla, mentre la seconda viene penalizzata a causa della compagna.

Continua l’addestramento, ma il nostro trio risulta sempre vincente a ogni sessione.

Questa volta la prova è  basata sul vento, azionato, come sempre, dai vocalizzi canori. Insomma se non sai cantare non diventerai mai un ufficiale e, molto probabilmente sarai carne da macello.

In questo nuovo episodio lo Spree compie un altro attacco a Kiev, Ucraina, uccidendo parecchie streghe dotate, pertanto la pressione è altissima soprattutto sulle spalle di Sarah Alder, il generale in comando a Fort Salem, che subisce le minacce del Presidente degli Stati Uniti. Il presidente, o forse dovrei dire la Signora Presidente, è una donna di colore, cioè parliamoci chiaro, bisognava aspettare una  serie distopica per vedere una donna, per di più non bianca, al comando, acciderbolina!

Tally, la sua amica Glory, Abigail e Raella presiedono, come premio di bravura, alla rievocazione del processo di Salem dove, finalmente le ragazze possono interagire con altre persone che le guardano a tratti come eroine o come portatrici di sventura. Raella presenta al gruppo Scylla e, Tally dimostra di non essere solo una pacificatrice. Veramente, come personaggio, Tally è il più interessante, non solo si ritrova con una madre che le predice sventure imminenti se resta nel Forte, ma addirittura si ritrova con due compagne di stanza rissose e vendicative e, malgrado tutto questo, riesce sempre a essere positiva; se la si fa incavolare diventa un’arma vivente, senza mai perdere il controllo però.

Concentrandoci un momento su Scylla, che sappiamo essere al servizio dello Spree, vi dice niente il suo nome? Beh, se facciamo riferimento alla mitologia greca Scilla era una ninfa, diventata poi un mostro a causa della gelosia di Circe. La cosa è indicativa se consideriamo che cambia volto ogni volta che si dà fuoco alla faccia. Comunque sia, la ragazza con le sue arti riesce a intrappolare sempre di più il cuore di Raella, e sembra che questa sia la sua missione e che presto lo Spree verrà a prenderle. A questo punto non posso che chiedermi perché la ragazza è così importante? La situazione si fa sempre più interessante, non vedo l’ora che esca il prossimo episodio!!

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

From The Ashes

Recensione Serie Tv: The 100 – 7×02 – “The Garden”

Salve fenici, eccoci al secondo episodio di The ...