Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Motherland: Fort Salem -1×01- “Say the words”

Recensione serie TV: Motherland: Fort Salem -1×01- “Say the words”

Motherland

Care Fenici,

che sorpresa questa nuova serie tv!

Bellissima è dire poco! È anche un po’ inquietante e ne sconsiglierei la visione ai bambini, ma veramente merita di essere guardata. Nonostante normalmente 50 minuti a episodio siano un po’ fastidiosi, in questo caso filano lisci come l’olio, credetemi.

Per prima cosa buttate via i libri di storia americana a partire dal processo di Salem del 1692, in questa trama le vicende storiche hanno preso un altro corso, cioè invece dello sterminio, le streghe, comandate da Sarah Alder, hanno scelto di patteggiare con il Governo offrendo i loro servigi magici. Tutto il mondo sa dell’esistenza delle streghe, ma queste da 300 anni, di madre in figlia combattono per gli Stati Uniti d’America contro il nemico.

È una serie che ha il meglio del genere fantasy e del distopico, con un pizzico di The Handmaid’s Tale. Insomma una serie decisamente promettente che vi invito a guardare, il tutto condito con effetti speciali ben fatti. Di tutto rispetto anche la scelta del villain, in questo caso identificato con lo Spree, un’associazione simile all’Isis ma senza un capo preciso, quindi chiunque potrebbe essere un nemico, anche il vostro vicino di casa.

L’episodio si apre in un centro commerciale dove un membro dello Spree obbliga 1600 persone a suicidarsi, comprese donne e bambini. Il motivo non si sa, immagino lo scopriremo nel corso della serie.

È il giorno dell’arruolamento e tre giovani streghe, di estrazione sociale diversa, rispondono alla chiamata giurando di difendere il Paese. Partono per Boston, precisamente Fort Salem, e si ritrovano nella stessa unità, quindi dovranno percorrere insieme lo stesso addestramento per essere selezionate o come unità (quindi carne da macello) o nella sezione della Guerra, dimostrando una certa prontezza magica e uno spirito comune.

Queste tre ragazze non potrebbero essere più diverse tra loro. Abigail, intrepida, arrogante e superba, è figlia di un generale e come tale deve mantenerne alto l’onore. Tally, un po’ ingenua e sicuramente troppo idealista, ma capace di tenere unito il gruppo con la sua gentilezza e onestà. Raelle, la più ribelle e anche, a mio parere, la più interessante, è una giovane con grandissime doti ed enormi potenzialità, ma è arrabbiata a causa della prematura morte della madre, uccisa in guerra sotto il comando della madre di Abigail. Un bel trio!

Tra addestramenti sfiancanti, canzoni magiche e combattimenti, Fort Salem non ha nulla del Campo Estivo, ma è una vera base militare di sole donne streghe, un covo insomma, comandato dal generale Sarah Alder, che evidentemente è immortale, ma immagino lo scopriremo presto. Oltre alle compagne di squadra, Raella incontra una strega dall’aspetto trasognato, e decisamente inquietante, con cui intreccia una relazione amorosa: purtroppo Scylla non è chi dice di essere ma, consiglia all’amante di seguire gli ordini, allenarsi, imparare il più possibile e poi sgusciare via.

Essendo una serie tutta al femminile, non vedrete maschietti arrapati, ma solo donne cazzute e incazzate. Personalmente ho un debole per Raella, e vi giuro che per quanto sia etero, la scena di sesso con la compagna ha eccitato pure me! La ragazza che forse mi ha conquistato di più è Tally, forse perché mi ricorda Piper di Streghe, mi attira la sua capacità di portare pace e mediazione. Come potete vedere sono totalmente conquistata, e non vedo l’ora esca il prossimo episodio!

Con la speranza di avervi un pochino incuriosito, vi auguro una buona visione!

Fulvia Elia

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Finale

Recensione serie TV: The Magicians -5×13- “Fillory and Further” (Finale di Stagione e di Serie)

Care Fenici, buon Natale! No, non sono completamente ...