Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Manifest 1×04 “Bagaglio non reclamato”

Recensione Serie Tv: Manifest 1×04 “Bagaglio non reclamato”

Bagaglio non reclamato

Progetto grafico a cura di AstreaLux

 

A seguito di quanto accaduto dopo l’atterraggio, i nostri hanno molto con cui confrontarsi, certamente non è facile accettare la situazione e tutti i cambiamenti che ne sono derivati, prima o poi dovranno affrontare il fatto che le loro vite sono cambiate per sempre.

La puntata inizia con un flashback di Bethany, la hostess del volo 828, che mentre si aggira per i corridoi dell’aeromobile prendendosi cura dei vari passeggeri, dopo una veloce chiacchierata con il pilota, prende con circospezione qualcosa da una cappelliera e la nasconde nella borsa. Un nuovo mistero da risolvere.

Saanvi, arrivata in ospedale, ha la sua prima “visione” enigmatica. Di fronte a lei una donna dalla pelle grigia, come quella di una statua, la osserva e dice “Salvalo.”

Salvare chi? Ma soprattutto, da cosa?

Nel frattempo Ben e Mick continuano ad affrontare i problemi della vita quotidiana.

Ben è alle prese con Olive che continua a respingerlo, la moglie intanto cerca di renderlo partecipe delle decisioni di famiglia; Grace infatti gli parla di un nuovo problema: l’assicurazione sulla vita di Ben. Sfruttando la sua laurea in matematica trova un modo per recuperare i soldi dell’indennità di morte che dovrebbero restituire salvando così la casa, l’impresa di catering di lei e la famiglia.

No, la matematica non è affatto sexy!

Michaela invece, è costretta a passare del tempo con Jared a cui è affiancata in un’importante operazione antidroga.

Una volta in macchina, scopre che il suo ex fidanzato ha orchestrato tutto per restare solo con lei, è preoccupato dei suoi comportamenti “insoliti”.

Proprio nel bel mezzo della discussione Michaela ha la stessa “visione” di Saanvi.

Decisa a intervenire, forza Jared a intromettersi nell’operazione, ma scopre che all’interno dell’edificio che stavano sorvegliando non c’è nessuno da “salvare”.

Nel frattempo Saanvi continua le sue ricerche sulle anomalie riscontrate sia in lei che in Cal. Per questo porta la sua tac al primario di neurochirurgia e lì, scopre che la lastra mostra i primi stadi di schizofrenia e questo spiegherebbe le visioni e le voci che sentono.

Questa nuova scoperta ridimensiona quell’alone di fantastico che ci eravamo creati dall’inizio della serie e lo rimette in chiave scientifica.

È davvero tutto lì? Un ictus che ha innescato uno stato di schizofrenia? Stanno solo immaginando tutto? Le ragazzine rapite, l’assassina di Kelly, il ladro di gioielli, sono solo coincidenze?

Mentre pensa ai risvolti di questa nuova scoperta, Saanvi viene guidata dalla sua visione fino alla stanza di un paziente che incolpa una certa Bethany (che Saanvi collega alla Hostess) di aver fatto qualcosa.

Una volta a casa di Bethany, scopre che il paziente che ha incontrato è il fidanzato di suo cugino Leo, fatto entrare di nascosto in America per fuggire dalle persecuzioni omofobe in Giamaica.

Nello stesso momento, ma in un luogo diverso, anche il Direttore Vance viene a sapere che sul volo 828 c’era un clandestino, tutto grazie alle impronte rinvenute sull’aeromobile prima dell’esplosione. Inizia così una corsa contro il tempo tra Saanvi e Vance per trovare il ragazzo.

Per il povero Ben le cose non vanno molto bene. Infatti, mentre va a prendere la figlia accusata di furto, incontra il famoso “uomo di Grace”: Danny. Dopo uno scambio piuttosto freddo, ritornano a casa e lì assistiamo a un bel momento padre-figlia. Finalmente una gioia. Rovinato più tardi da Grace, che furiosa con Ben per averle tenuto nascosto l’accaduto, lo accusa e si lascia sfuggire che si sente ancora con Danny. Il poverino non può fare altro che accusare il colpo. La presenza di quest’uomo inizia a essere ingombrante e non è sicuro di essere in grado di sopportarlo.

Saanvi e Bethany si uniscono a Michaela che nel frattempo le ha raggiunte, insieme rintracciano il ragazzo che si trova seduto sul bordo di una fontana che rappresenta un angelo di pietra.

Nelle ultime due puntate i produttori si sono concentrati molto sulle dinamiche familiari e sui sentimenti dei protagonisti, mettendo da parte quella componente fantascientifica che aveva attirato inizialmente.

Forse per riprenderla più avanti? Io lo spero proprio.

E voi, cosa ne pensate?

 

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

’03 Bonnie & Clyde

Recensione Serie Tv: Euphoria 1×05 “’03 Bonnie & Clyde”

Salve Fenici!!! In questo episodio ci addentriamo nella ...