Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Locke & Key – da 1×03 a 1×10

Recensione Serie Tv: Locke & Key – da 1×03 a 1×10

Key

Progetto grafico a cura di Eve

Salve, Fenici!

Pronte a scoprire con me i segreti di Keyhouse? Ricominciamo da dove eravamo rimaste l’altra volta: Bode che invita i suoi fratelli in una scatola. E cosa sarà mai? La sua testa! La chiave-testa permette di entrare nella propria mente e non sarà l’unica in cui entreremo. Nel corso della serie anche Tyler, Kinsey, ed Ellie la useranno.

I fratelli Locke trovano molte chiavi e capiscono che sono importanti, non bisogna scherzarci e sono legate alla morte del loro padre. La chiave-teschio crea un fantasma invisibile. La chiave-fiammifero dà fuoco. La chiave-carillon fa fare ciò che vuoi a un’altra persona. La chiave-fiore fa eliminare ricordi. C’è anche la chiave aggiusta tutto.

Una Kinsey troppo ansiosa inizia una storia con Scot. Capisce che la sua paura la sta frenando e decide di entrare nella sua testa e di ucciderla. D’ora in avanti si trasforma e diventa una ragazza spensierata e allegra. Che combatte contro i bulli. Che aiuta la Savini Squad. Che propone un triangolo a Scot e Gabe. Che scopre che nelle grotte marine c’è la porta nera che si apre con la chiave omega, una porta dalla quale escono pallottole di fuoco che in realtà sono demoni che si impossessano delle persone.

Neanche il rifugiarsi nella musica riesce a tenere la rabbia di Tyler sotto controllo, che viene fuori a tal punto da essere sospeso dalla squadra di Hockey. Stringe amicizia con Logan, ragazzo senza gambe che più volte lo aiuterà. Per far colpo sulla ragazza che gli piace, Jackie, su consiglio del professore Ridgeway, la aiuta nelle sua attività di volontariato e cosi inizia la loro storia che tra alti e bassi sopravvivrà anche a mostri e demoni. Lei lo aiuterà a capire che non può fare da padre a Kinsey e Bode, ma che è un ottimo fratello, forte e gentile.

Bode è un tornado di energia, sempre a cercare un modo per liberarsi di Dogde (per esempio chiude tutte le serrature delle porte con la gomma da masticare o porta un martello a scuola).

A Nina manca molto il marito e si chiede se ha fatto la scelta giusta a far trasferire tutti. Vuole contattare i vecchi amici di Rendell con l’aiuto di Ellie, ma Erin è in un ospedale psichiatrico e Mark è morto (si è dato fuoco con la chiave-fiammifero). Si fa aiutare anche da Ridgeway, che diventerà una sorta di psicologo. Purtroppo verrà ucciso da Dogde per aver scoperto… no, non ve lo dico. Guardatelo! Era un’alcolista e ricade nella sua dipendenza. Ma il detective Daniel le darà una mano a venirne fuori e lei si renderà conto che deve pensare ai suoi figli.

Scopriamo cosa vuole Dodge: la chiave-testa per sapere dove Rendell ha nascosto la chiave-omega che apre la porta nera. Farà di tutto per averla. Brucia le persone, le uccide, le inganna (compresi Tyler e Kinsey). Il mezzo con il quale arriverà al suo obiettivo sarà Sam e lo farà evadere di prigione. Sam è davvero pazzo, era maltrattato dal padre e Rendell aveva chiesto a Tyler di aiutarlo e il ragazzo gli diventa amico perché con lui si diverte. Sam si introduce a Keyhouse e prende in ostaggio i Locke per farsi consegnare la chiave-testa da dare a Dodge, ma anche lei lo ha ingannato. Non ha niente di speciale, voleva solo fargli trovare la chiave e alla fine il povero Sam diventa un fantasma invisibile a tutti!

I particolari vengono svelati poco a poco e tutti si incastrano tra loro. La chiave-omega era nella testa di Rendell, ora nelle sue ceneri. Ellie e Rufus stanno ospitando un giovane e inquietante Lucas! E indovinate chi è? Ma è Dogde che con la chiave-identità assume l’aspetto che gli serve. Ellie lo sta aiutando perché lui/lei minaccia Rufus, ma sarà proprio il timido ragazzo a convincere la madre a combattere e a raccontare tutto ai Locke. Li fa entrare nella sua testa e gli mostra cosa è successo veramente: Lucas era stato posseduto da un demone quando Rendell e i suoi amici erano riusciti ad aprire la porta nera. Ma com’è cominciata questa storia? È partito tutto da Ellie che con la sua chiave-eco (che può riportare in vita un’eco delle persone morte) riporta indietro il suo vecchio amore Lucas.

Il demone-Lucas-Dogde non può essere ucciso, ma solo imprigionato. I ragazzi sono diventati i protettori delle chiavi e si rendono conto che non possono farcela da soli e raccontano tutto ai loro amici, Scot, Gabe, Jackie e la bulla Aiden che si scopre non essere molto tale quando la paura di Kinsey l’attacca. Spunta anche la Corona delle ombre che, se indossata e attivata dalla sua chiave, dà a chi la porta il potere di creare e controllare delle potenti ombre. E ovviamente chi riesce a impossessarsene? Dogde! Dopo aver attaccato Rufus e Ellie, che alla fine dello scontro scompare. Il demone con le sue ombre attaccano Keyhouse e i ragazzi le combattono con la luce. Riescono a trafiggere anche Dodge e decidono di chiuderla dietro la porta nera con l’aiuto dei loro amici. Ci riescono anche se qualche proiettile demone salta fuori. Quindi sarà finita? Bè, io direi di no perché un proiettile prende uno di loro e lo possiede, un altro ci ha ingannato per tutto il tempo e un terzo si tira indietro da qualcosa. Non vi dirò chi sono, a voi scoprirlo. E vi ricordo anche che Ellie non si trova.

Che dire alla fine? I ragazzi Locke finalmente stanno bene a Keyhouse, si sentono a casa. Comprendono che è parte del loro padre e che le chiavi sono la loro eredità e devono proteggerle. Il passato è sempre con noi, puoi provare a scappare ma rimane sempre lì.

Di horror c’è poco. Lo definirei più un thriller fantasy. Consiglio di vederlo. Le cose vengono svelate un pezzettino per volta e tu le vuoi sapere e vai avanti e ti ritrovi alla fine senza neanche accorgertene!

P.S. Voglio entrare anche io nella mia testa e sapere com’è fatta!

Spero in una prossima stagione!

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Under the Skin

Recensione Serie Tv: Criminal Minds – 15×5 – “Ghost”

Mettetevi al riparo, Fenici, che stavolta abbiamo a ...