Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Gangs of London – 1×02

Recensione Serie Tv: Gangs of London – 1×02

Progetto grafico a cura di Eve

Care Fenici, la violenza in questa serie, tocca apici epocali.

L’episodio inizia con delle immagini sui traffici della fazione mafiosa islamica che cerca di sfruttare i canali di arrivo per lo spaccio di stupefacenti di un’altra fazione rivale. Sean ha chiuso i commerci a Londra, per scoprire il mandante dell’assassinio di suo padre. Ma c’è chi non è d’accordo e sfrutta i suoi assi nella manica per continuare i loschi traffici. La situazione si complica e s’inasprisce notevolmente, creando incidenti di una certa portata, ai quali la famiglia Dumani, alleata di Sean, cerca di porre rimedio. Ma il giovane capo mafia neo eletto non sembra sentire ragioni, decidendo di non togliere l’embargo sulla città, aumentando così il clima di tensione già alle stelle. Intanto Elliot continua le sue indagini. Ormai vicino al capomafia, cerca di tenere duro, passando per poco i test d’idoneità che gli consentono di mantenere la copertura. La tensione raggiunge il culmine quando scoprono il cadavere dell’autista di Finn, tratto in salvo da Elliot. Omicidio o suicidio? La situazione non è ben chiara, intanto si fa avanti il capo della fazione slava. Suo figlio Darren, fuorviato dall’oscura figura, ha eseguito il mandato di eliminazione. Consegna a Sean il cellulare di suo figlio con tutte le informazioni del caso, chiedendo perdono a Sean e a tutta la famiglia, rimettendosi al loro giudizio e chiedendo pietà per suo figlio, vittima di un inganno. Sean consente al gruppo di lasciare il locale, pianificando la sua vendetta. Intanto suo fratello Billy cerca di rimanere pulito. In uno dei festini a cui prende parte però, scopre che qualcuno sta spacciando nonostante la proibizione della famiglia.

Una serie al di sopra delle righe, in cui non c’è mai fine alle scene di violenza e nella quale un unico valore sembra rimanere intatto: quello dell’onore della famiglia.

Dalla fotografia mirabile e dagli scenari d’effetto, rimane comunque un prodotto di pregio. Gli attori, dalle interpretazioni altamente professionali e cariche di pathos, dipingono situazioni così realistiche da scioccare lo spettatore. Sicuramente eccessiva su tutta la linea, ritrae comunque una tematica d’indiscusso orrore. Come potremmo aspettarci d’altronde, che l’omicidio, lo spaccio, gli abusi e le organizzazioni criminali in generali, possano essere altro che questo? Forse chi guarda, in realtà non vuole veramente vedere cosa possa esserci dietro alle parole. Gangs of London fa proprio questo. Ci apre gli occhi, al di là della storia, ben oltre il programma e la possibile implicazione di storie inventate o meno. Ma la violenza è questa così come ciò che succede nel mondo, perché accanto all’arte, alla bellezza e alla generosità umana, rimane comunque quel pozzo d’oscurità che fa parte dell’altra metà del nostro tao, con cui tutti i giorni ognuno di noi si trova a fare i conti.

Alla prossima puntata allora. Rimanete leggere fenicette, le scene si annunciano sempre più forti!

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Stormy Weather

Recensione serie TV: Council of Dads- 1×09-“Stormy Weather”

Ciao a tutti, amanti delle serie TV! L’episodio ...