Da non perdere
Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie Tv: “Frontiera” – Stagione 1

Recensione serie Tv: “Frontiera” – Stagione 1

Recensione serie Tv: “Frontiera” – Stagione 1

Recensione serie Tv: "Frontiera" - Stagione 1

La baia di Hudson si trova nell’estremo nord del Canada, una zona fredda con una natura selvaggia e incontaminata, ricca di animali da pelliccia.

Questa inospitale regione è il luogo dove prende il via “Frontiera”, serie storica ambientata prima della rivoluzione americana e della costituzione del Canada.

La storia ruota intorno al carismatico Declan Harp, fuorilegge di origini irlandesi che, dopo la tragica morte della moglie, decide di ostacolare in ogni modo la HBC, la Compagnia della Baia di Hudson. Ad aiutarlo nell’impresa c’è Sokolon, una nativa, nonché sorella della defunta consorte di Harp.

A contrastare Declan, troviamo Lord Benton, ricco nobile inglese governatore di Fort James e maggiorente della Compagnia. Nell’orbita di Harp finisce anche Michael Smyth, un ladruncolo irlandese che, per una serie di vicissitudini, si ritroverà spiantato nel nuovo mondo.

La trama è molto lineare, non ci sono grossi colpi di scena: gli episodi alternano intrighi, combattimenti, scazzottate, tutto già visto in una qualunque serie western, per restare in tema con la frontiera più sfruttata dai serial.

Quello che la redime però, sono i paesaggi mozzafiato che vanno dai ghiacci del polo alle foreste canadesi, dagli insediamenti coloniali ai villaggi dei nativi. I paesaggi urbani sono una nota di merito della produzione, sono resi molto bene e danno una buona idea delle condizioni di vita dell’epoca.

Stesso discorso per i costumi in cui pelli e pellicce la fanno da padroni, ma anche gli abiti cittadini sono resi con grande cura.

Punto dolente è la recitazione, in particolare il protagonista, Declan Harp, interpretato da Jason Momoa la cui recitazione è come il suo fisico, granitica.

Harp è un personaggio carismatico, intorno al quale ruotano direttamente o indirettamente tutte le narrazioni della serie, ma spesso Momoa non riesce a infondere sentimento alla recitazione.

Il resto del cast è molto simile: si va dal piatto all’esagerato e, in questo caso, spicca Lord Benton che passa da abile politico manipolatore a invasata nemesi di Harp.

Frontiera è comunque una serie piacevole e anche con le sue pecche non annoia per i sei episodi della prima stagione; si spera che nella seconda si risollevi.

Per i più curiosi la HBC (Hudson Bay Company, la Compagnia della Baia di Hudson) è la più antica compagnia commerciale canadese: fondata nel 1670 è ancora in affari oggi, anche se dalle pelli è arrivata a vendere articoli per la casa. Un ottimo risultato visto che tutti i concorrenti sono spariti nel corso del tempo.

 

Lostris

x

Check Also

Who Can You Trust

Recensione Serie Tv: Chicago Med – 04×11 – “Who Can You Trust”

Who can you trust? Di chi ti puoi fidare? La puntata di ...