Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Doom Patrol – 1×02 – “Donkey Patrol”

Recensione Serie Tv: Doom Patrol – 1×02 – “Donkey Patrol”

Donkey Patrol

Progetto grafico a cura di Marina Alesse

Bentornate care Fenici, siete curiose di sapere qualcosa di più sui nostri amici sub umani? Si? Allora coraggio, iniziamo la visione.

La città sembra sferzata da un ciclone, mentre sullo sfondo, Cliff, Jane, Rita e Larry affrontano la situazione con malcelato terrore. La popolazione è in subbuglio e un’oscura voce di fondo comincia la narrazione. Niles viene preso in ostaggio da uno sconosciuto nemico, gettando lui e tutto il pullman nel portale dimensionale, nel quale sembra che anche gli abitanti della città siano stati risucchiati. Jane lo segue nel tentativo di salvarlo. Il gruppo è sconvolto e il loro rapporto già precario, s’incrina, degenerando in un dissidio aperto. Rita e Cliff si scontrano e Larry prende le distanze.  In questo episodio facciamo la conoscenza di Cyborg, che con una dissolvenza ci catapulta nella città di Detroit, con i suoi problemi e la sua storia. Suo padre, eminente scienziato esperto in tecnologia, lo segue da vicino…molto da vicino. Lasciandogli poco spazio e guidandolo in tutti i suoi interventi di paladino. Riviviamo un incontro tra lui, suo padre Silas e Niles, nel quale quest’ultimo cerca di portare il ragazzo a capire se stesso e le sue reali inclinazioni di vita. I pensieri di Cyborg si riscuotono, quando ascoltando delle trasmissioni radio delle forze dell’ordine, sente dell’incidente intercorso alla città dove vive Niles. Decide così d’intervenire, andando contro l’opinione di suo padre, il quale lo vorrebbe impegnato nella sua preparazione tattico/scientifica, che potrebbe portarlo a essere notato dai grandi supereroi ed entrare nella prestigiosa Justice League. Intanto Cliff cerca di capire la relazione tra l’asino lasciato dal cattivone e la sparizione dei suoi amici. Nel frattempo, arriva Vic Stone, detto Cyborg, per indagare sull’accaduto. I due si confrontano animatamente sulla situazione, ma in quel momento l’animale vomita il corpo di Jane, che sconvolta, bascula tra una personalità e l’altra, completamente fuori controllo. Si avete capito bene, la curiosa creatura sembra proprio essere un portale dimensionale.

Riusciranno a capire i nostri amici quale parallelo lega l’animale al loro nemico? Riuscirà Cyborg a salvare Niles e a scoprire la relazione tra lui e l’autore del disastro?

Finalmente entriamo nel vivo della storia, con il nostro giovane eroe che si unisce alla partita. Riusciamo a scavare di più nel passato dei protagonisti, capendo alcuni dei misteri legati all’underground di Jane, facendo la conoscenza di alcune sue personalità molto pericolose, come Kate. Singolare la scena di quando loro, con l’intero paese, vengono ricatapultati all’esterno dell’asino, che poveretto, fa proprio una brutta fine. In questo episodio, capiamo qualcosa di più sulle psicosi del narratore malvagio, che viene a galla, emergendo dal fondo degli eventi e rivelando finalmente il suo nome: Mr. Nobody.

Surreale, grottesco, commovente, intrigante, Doom Patrol non è il solito serial dedicato a dei supereroi. Psicologico e inquietante, entra nella barriera del subconscio, mettendo a nudo le nevrosi e le debolezze di questi sub umani, che con tutte le loro forze lottano per mantenere una minima parvenza di normalità.

Buona visione fenicette.

 

 

 

 

DarkSide

DarkSide

Lascia un Commento

x

Check Also

Quattro bassotti per un danese

Rewind: un tuffo nel passato!: Quattro Bassotti per un Danese e Pistaaa… arriva il gatto delle nevi!

Bentornate fenici! Oggi vi parlerò di un film ...