Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie tv: Agents of Shield 4 serie

Recensione serie tv: Agents of Shield 4 serie

Devo dire che l’inizio è stato deludente. Sicuramente è dipeso dal fatto di averlo visto dopo la terza serie, e quindi dopo un’emozione altissima. Il risultato non poteva essere che un calo di tensione, che fa sembrare le cose belle più brutte di quelle che sono in realtà.

Se le prime 3 serie sono collegate tra loro, questa quarta stagione apre un ciclo nuovo e si divide in tre parti, molto nette, sebbene unite da un unico filo conduttore, come sempre.

L’inizio, come dicevo, è molto lento e soprattutto inaspettato. Coulson non è più il direttore, ma un semplice agente e la squadra sembra divisa e lontana. Addirittura Daisy, perché adesso è questo il suo nome, ha lasciato il gruppo per diventare un eroina solitaria di nome Quake.

Insomma irriconoscibile! Ma piano piano il nostro gruppo si riunisce pronto a diventare di nuovo una squadra, sebbene alcune divisioni rimangano, perché c’è un nuovo nemico da fronteggiare.

Il telefilm nella seconda parte cambia ancora, sembra avvicinarsi molto a “Io robot” di Asimov e la tensione sale di puntata in puntata, fino a portarci ad uno scontro epocale fra Fritz e Simmons e la convinzione che tutto sia perduto. Ma ovviamente non è così!

Da qui inizia la terza parte, la più coinvolgente, bella e inaspettata. Finiamo in un mondo futuristico, parallelo, dove tutti dovrebbero essere felici ma così non è. Ecco allora che se Mac trova la pace e la felicità, Fritz diventa quello che avrebbe potuto essere con affianco il padre, se non fosse morto… Un essere spietato e cinico, capace di uccidere e privo di qualsiasi umanità, al comando dell’Hydra, che ora governa la Terra con il pugno di ferro.

Ecco, vorrei soffermarmi su questa parte di telefilm perché è qui che si notano veramente tanto i due grandi, anzi, grandissimi attori che sono un palmo sopra a tutti gli altri. Parlo di: Clark Gregg, alias Coulson, e Iain De Caestecker, alias Fitz. Il primo lo vediamo diventare da direttore dello Shield sicuro di se, a professore impacciatissimo, con un cambio di espressioni e movenze impressionanti. Il secondo, come già accennato, lo abbiamo conosciuto come scienziato giovane ed entusiasta, malato e paranoico, un’innamorato insicuro e adesso come spietato direttore dell’Hydra. Quando l’ho visto ho pensato addirittura che avessero cambiato attore, tanto aveva movenze e sguardo completamente diversi. Veramente un mito!! E lasciatemelo dire ancora una volta… Non sarà bellissimo o il classico strappacuore tutto muscoli, ma ha un fascino terribile, anche se… La coppia Fitz/Simmons non si tocca!! E stavolta toccherà a lei, assieme a Daisy, lottare per salvare lui e tutti gli altri. Ma Fitz sarà salvabile, o quello che ha compiuto, quello che è diventato nel “framework”, ormai rimarrà per sempre una parte di lui?

In un susseguirsi di colpi di scena e situazioni adrenaliniche, anche questa serie purtroppo arriva al termine, con nuovi personaggi che si aggiungono e/o ci lasciano, come al solito. Che cavolo non si può concludere una serie così!! Dovevano intitolarla: “mai un attimo di pace!” Quante emozioni, ancora una volta, è una droga, non può lasciare indifferenti.

Ora si vola verso la 5ta stagione… con la speranza di veder finalmente sbocciare l’amore di Fitz/Simmons, Coulson / May e Mac / Yo-yo.

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Sex Education

Recensione Serie Tv: Sex Education – 2×01 – 2×02 –

Teresa: Ciao Fenici, questi primi due episodi della ...