Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Chicago PD 6X22 Reckoning FINALE DI STAGIONE

Recensione serie TV: Chicago PD 6X22 Reckoning FINALE DI STAGIONE

Ho passato, praticamente tutta la stagione a inveire contro questa serie, mi sono lamentata della trama che stava diventando sempre meno coinvolgente, ho ripetuto all’infinito che il prossimo anno non l’avrei guardata, ma, esiste un ma, uno grande come una casa: il final season (mannaggia a loro!).

L’aggettivo bello non rende l’idea, è stato un episodio pazzesco! Finalmente Hank, il vecchio sergente burbero che non si pone troppi problemi a usare le maniere forti con i malviventi è tornato e l’ha fatto in grande stile!

Veniamo alla puntata, i protagonisti principali sono Adam, Jay (ma solo per una notizia avuta nel finale) Hank e di riflesso (ma capperi, il suo comportamento passato ha messo nei guai tutti!) Antonio.

Le elezioni del nuovo sindaco (nemico acerrimo di Hank e la sua squadra dell’Intelligence) ormai sono imminenti e, come avevamo scoperto nella penultima puntata, la prima cosa che farà il neo sindaco di Chicago sarà quella di distruggere la squadra di Hank usando come motivazione la reazione di Antonio nei confronti del rapitore della figlia e l’insabbiamento da parte del sergente e di Adam per proteggere il collega.

L’unico modo per fermare il futuro sindaco è sconfiggerlo con le prove del suo coinvolgimento nei traffici di droga e la sua collaborazione con le gang di Chicago.

Quando per la squadra della polizia sembra essersi tutto risolto, ecco che l’unico testimone viene brutalmente ucciso lasciando così Hank e i suoi uomini senza via di scampo.

Il sindaco viene eletto e come promesso, la sua prima mossa è di far arrestare Adam (oddio) per intralcio alla giustizia, il capo dell’intelligence ha poco tempo per pensare al da farsi, chiama Jay in un angolo e lo informa che farà tutto il possibile per salvare l’unità e che lui sarà il prossimo responsabile… (ma perché? Che cosa ha in mente? Speriamo nulla d’irreparabile.)

E la carogna responsabile di tutto ciò? Il caro Antonio? Niente, non muove un muscolo, si guarda in giro come un cucciolo smarrito (intanto inveivo contro il PC: svegliati cocco!! Fai qualcosa!), osserva l’arresto di Adam e lo sconvolgimento generale dei colleghi per il futuro smembramento della loro squadra.

E niente, come risolve il problema? Facile, una pastiglia (ma cavoli sei proprio di coccio!!) e inizia di nuovo con le droghe.

La squadra è praticamente dimezzata, Hank è andato a cercare di risolvere il problema a modo suo, Adam è in galera e Antonio … non è pervenuto; per assurdo gli agenti dell’intelligence ancora attivi vengono chiamati a indagare su un omicidio: quello del neo eletto sindaco.

Chi sarà stato? Bene abbiamo tre mesi di tempo per scoprirlo, mi auguro solo che sia stato quella nullità di Antonio, così non lo vedremo più, in questa stagione comunque, il suo personaggio aveva un ruolo molto marginale e poco interessante, non ci perderemmo molto.

Alla prossima stagione

recensione a cura di Barbara

editng a cura di Verusca

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Poldark "A Wordl of Shadow"

Recensione serie TV: Poldark -5X05- “Where your loyalty stands?”

Controllati, Ned. E con questa frase, Fenici, possiamo ...