Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Chicago Fire -08×07- “Welcome to Crazytown”

Recensione serie TV: Chicago Fire -08×07- “Welcome to Crazytown”

Chicago Fire

A volte succede che la parte peggiore di noi siano gli altri…

Cruz è eccitatissimo. Sta per iniziare la fiera campionaria dei vigili del fuoco e ci sarà uno stand tutto dedicato allo Slamigan, la sua invenzione, che ha brevettato e per cui, addirittura, Joe ed altri colleghi hanno costituito una piccola società.

La prima chiamata di aiuto riguarda un caso veramente brutto: un uomo, evidentemente sotto l’effetto di droghe, ha puntato una pistola alla tempia della sua ex e minaccia di dare fuoco a tutto lo stabile. Fortunatamente la donna è riuscita a far allontanare i bambini; i piccoli però sono disperati per le sorti della loro mamma e si calmano solo grazie all’intervento di Sylvie. La scena non sfugge al nostro Matt Casey, che da qualche tempo ha messo gli occhi sulla donna, considerandola in modo diverso da una semplice collega. Chissà se ci saranno sviluppi… io sto facendo il tifo per loro!

La situazione è drammatica: C’è la polizia, affiancata dai tiratori scelti, che sta cercando di patteggiare con il sequestratore. Gli animi di tutti sono tesi e, a causa di tutto questo nervosismo, il nostro Herrmann finisce per discutere piuttosto animatamente con un poliziotto, Hart. Herrmann vorrebbe spostare l’autopompa ma Hart è contrario e i due finiscono col mandarsi reciprocamente a quel paese.

Le contrattazioni con il sequestratore vanno per le lunghe, così i nostri pompieri decidono di salire sul tetto per poi calarsi dentro il palazzo, cercando un modo di mettere in salvo la donna. Per favorire l’azione, la polizia spara nell’appartamento del gas lacrimogeno. Grazie al diversivo, Matt e Kelly, approfittando di un momento di distrazione dell’uomo, riescono a liberare l’ostaggio. Il sequestratore, tuttavia, resosi conto dell’accaduto, cerca di sparare ai due pompieri ma viene fermato grazie a un getto d’acqua ben indirizzato da Herrmann.
Finalmente l’uomo viene bloccato e tratto in arresto.

Alla stazione arriva Ryan, l’assistente sociale che aveva aiutato Sylvie nel caso di Isaac, il ragazzo quasi ammazzato di botte in un riformatorio. Scopriamo che Sylvie è andata più volte a trovare il giovane e Ryan è qui per comunicarle che Isaac sta per essere scarcerato in anticipo per buona condotta. Brett è molto felice e l’assistente sociale ne approfitta per chiederle di pranzare con lui. La donna è un po’ combattuta: da una parte al momento non cerca nessuna storia sentimentale, d’altra parte, invece, pensa che, trattandosi di un semplice pranzo a mezzogiorno, non possa esserci il rischio di coinvolgimenti emotivi. Dopo qualche tentennamento, decide quindi di accettare l’invito.
Anche questa volta, gli occhi attenti di Matt assistono a tutta la scena… eh niente, è chiaro che il nostro capitano è molto interessato alla donna!

Come ricorderete, Kelly Severide spesso ci ha mostrato il suo innato talento di investigatore. Già nel caso del rogo in cui era morta un’anziana, il nostro pompiere aveva messo sull’avviso l’OFI (l’ufficio che indaga sugli incendi dolosi) che c’era qualcosa di strano. E quindi non ci stupiamo quando la nuova responsabile dell’OFI va direttamente da lui con una nuova proposta di lavoro.

L’uomo è, ovviamente, lusingato ma rifiuta decisamente l’offerta. La stazione 51 è la sua famiglia e non ha nessuna intenzione di abbandonarla per diventare un investigatore di incendi a tempo pieno. La direttrice dell’OFI, però, è risoluta e, prima di andare via, fa intendere che non è finita così!

L’alterco tra Herrmann e Hart, purtroppo, ha delle conseguenze. Il poliziotto, infatti, ha presentato formale richiesta di procedere contro il vigile del fuoco, accusandolo di avergli messo le mani addosso. Herrmann non si capacita del fatto che Hart abbia male interpretato il suo gesto per tentare di risolvere la situazione. Ricordiamoci che proprio grazie a lui la polizia ha potuto fare irruzione nell’appartamento e arrestare il sequestratore! Ma il poliziotto è irremovibile, a quanto pare l’uomo già in passato ha denunciato e richiamato altri colleghi e non si fermerà davanti a nulla!

Quindi, dopo aver lasciato diversi messaggi sulla segreteria telefonica dell’uomo, il pompiere si reca di persona a scusarsi, portando un piccolo dono, ma anche stavolta non ha successo. Il vigile del fuoco è molto preoccupato: se la cosa non dovesse risolversi sarebbe a rischio non solo il comando della sua squadra ma, addirittura, il posto di lavoro!

Kelly viene chiamato da Boden che gli comunica che è stato chiesto il suo trasferimento dalla stazione 51 all’OFI. Tutto ciò fa parecchio arrabbiare Severide, il quale conferma al suo superiore di non essere minimamente interessato a lasciare la stazione 51, negando di essere stato lui a presentare domanda di trasferimento. Ma quindi come mai questa richiesta è sulla scrivania di Boden?

Kelly, piuttosto alterato, si reca all’OFI e lì scopre che il suo trasferimento è stato ordinato addirittura da Grissom in persona! Ancora una volta, il vecchio amico di famiglia si sta intromettendo nella carriera del pompiere, forzandogli la mano, ma questa volta Kelly è deciso a chiarire il discorso una volta per tutte!

La promozione dello Slamigan va a rilento. L’organizzatore ha relegato lo stand davanti ai bagni maschili e l’addetto alle vendite non se ne preoccupa minimamente, oltretutto manca ancora l’espositore ma nessun problema, prima o poi arriverà ;). In ultimo Joe si accorge che un altro stand della fiera, molto più ben esposto e colorato del suo, vende un prodotto che assomiglia in modo pressoché identico allo Slamigan. Ѐ evidente che a Cruz hanno rubato l’idea!

Il pranzo tra Ryan e Sylvie non va come la ragazza si aspettava. Nonostante sia in pieno giorno, è chiaro che l’uomo lo considera una sorta di primo appuntamento e, appena usciti dal locale, chiede a Sylvie di uscire di nuovo insieme. Nonostante l’evidente situazione di imbarazzo, la povera ragazza rifiuta l’invito di Ryan, precisandogli che ha appena chiuso una storia e che, pertanto, ancora non si sente pronta a iniziare un nuovo rapporto! (cioè gli uomini in Chicago Fire hanno voglia di impegnarsi! Che mondo strano 😉 )

Severide arriva nell’ufficio di Grissom arrabbiatissimo e pronto a dare battaglia, ma quest’ultimo gli espone un motivo molto convincente. L’OFI è terribilmente in arretrato con le indagini, il loro “backlog” lunghissimo. Grissom non chiede a Kelly di abbandonare la sua carriera di pompiere, ma solo di aiutare momentaneamente l’ufficio a superare l’emergenza, grazie al suo fiuto e alla sua esperienza. Dopo che la situazione si sarà normalizzata, Kelly potrà scegliere di tornare alla stazione 51, anche se Grissom gli consiglia di rimanere in un ambito che è più consono alle sue capacità. Di fronte a una tale richiesta, Kelly non può proprio rifiutare! Il nostro vigile del fuoco chiede però un favore in cambio…

Matt e Stella vengono chiamati per salvare un uomo che è rimasto intrappolato sotto un’automobilina da golf e ha un ferro infilato nel petto. Il suo compagno di squadra è praticamente sull’orlo di un attacco di panico e Matt ha il suo bel daffare per cercare di calmarlo, mentre Stella ci dimostra, ancora una volta, la sua capacità e professionalità. È sicuramente un personaggio che si sta facendo valere per il suo grande talento!

Alla fiera le cose per Cruz vanno malissimo. L’espositore non è arrivato e nessuno si avvicina al loro stand, mentre in quello della concorrenza c’è tantissimo pubblico!
Tutto sembra volgere a favore dei rivali, Cruz però non ci sta e, quando la dimostrazione del prodotto farlocco fallisce miseramente, Jo prende lo Slamigan e mostra al folto pubblico quello che la loro invenzione è in grado di fare.

Herrmann è incredulo. Hart, il poliziotto, ha fatto cadere tutte le accuse e non c’è più alcun pericolo che lui possa perdere il comando della squadra o, peggio ancora, il lavoro. Ma cosa può essere successo? Io direi che adesso abbiamo un’idea di qual è il favore che Severide ha chiesto al suo amico Grissom!

Insomma, è chiaro che si stanno delineando nuovi filoni. Ed è un bene perché la serie, dopo 8 stagioni, tende ad essere un po’ ripetitiva. Innanzitutto, Kelly non sarà più in forze alla stazione 51: chi prenderà il suo posto? E gli sceneggiatori ci faranno seguire le sue indagini nell’OFI o non lo vedremo più? E Matt e Sylvie, cosa succederà tra questi due? Non solo, mi è arrivato all’orecchio uno spoiler che sembra mettere tutto in discussione…

Alla prossima!

Fulvia Elia

Avatar
x

Check Also

Recensione Serie Tv: The loudest voice 1×01 – 1×02

Hey Fenici! Volete che vi parli di un ...