Home / Senza categoria / Recensione serie TV: Chicago Fire – 08×06 – “What Went Wrong”

Recensione serie TV: Chicago Fire – 08×06 – “What Went Wrong”

Chicago Fire

Cosa sta succedendo nella stazione 51?

Innanzitutto Cruz si è fidanzato! E dato che voleva tenere la cosa per sé, lo ha raccontato solo alla sua grande amica Sylvie Brett. Ma indovinate chi non è riuscita a tenere la bocca chiusa?

Le tre donne della stazione, ispirandosi a un articolo, chiedono a Boden di poter adibire una stanza, al momento inutilizzata, come “Women’s lounge”, una sorta di salottino, riservato solo alle donne, dove potersi rilassare. Boden non sembra molto convinto ma alla fine cede e dà la disponibilità. Detto fatto, dopo poco, ecco le tre occupare la camera con cuscini, pout-pourri, coperte e quant’altro dedicato solo alle donne.

La prima chiamata riguarda una casa in fiamme. Gallo viene mandato da Matt a controllare la porta posteriore, con il preciso ordine di non entrare nell’abitazione. La giovane recluta è pronta ad obbedire ma all’improvviso arriva un ragazzino che gli chiede di salvare sua nonna, rimasta prigioniera nella casa. Il pompiere rimane spiazzato da questa richiesta di aiuto e commette l’imprudenza di tentare di entrare, da solo, nella casa in fiamme! L’intensità del fuoco, però, gli impedisce di andare oltre.
Il salvataggio della nonna riesce grazie a Kelly e Cruz, che trovano l’anziana signora intrappolata al primo piano, ancora cosciente e riescono a farla uscire. Dopo poco arrivano anche i genitori del ragazzo, preoccupatissimi per la sorte sia del figlio che della nonna.

Matt vede tornare dal retro della casa Gallo piuttosto sconvolto, col viso pieno di fumo e non ci mette molto a capire come sono andate le cose.

Rientrati in stazione, Casey richiama nuovamente Gallo e, dopo che il ragazzo ammette di aver cercato di entrare nella casa da solo, lo rimprovera aspramente. Matt gli ricorda che, per averlo in squadra, si è esposto molto con Boden e, pertanto, si aspetta da lui un’obbedienza totale agli ordini impartiti. Il povero Gallo sa benissimo di avere sbagliato e quindi si dichiara disponibile ad accettare qualsiasi punizione il tenente voglia imporgli!

Purtroppo, la povera nonna non ce l’ha fatta. Kelly propone una raccolta di fondi online per aiutare la famiglia e, quando si reca da loro per dargli la notizia, si ferma un attimo a parlare con il ragazzo, nipote della donna che, sconvolto e addolorato, gli racconta che solo il giorno prima aveva giocato a scacchi con la nonna e ora lei non c’è più.

Queste rivelazioni fanno insospettire Kelly. È possibile che un’anziana, tanto lucida da giocare a scacchi con il nipote, possa dimenticare sul fuoco una padella che, a detta dei genitori del ragazzo, ha causato l’incendio? Severide non ci sta, noi lo sappiamo, il suo sesto senso gli dice che c’è qualcosa che non torna e decide di mettere sull’avviso anche la squadra incaricata di investigare sugli incendi dolosi.

Sylvie ed Emily vengono chiamate per soccorrere una ragazza scivolata nella doccia, che dovrebbe sposarsi il giorno successivo. La giovane ha sfondato il cristallo della doccia ed è caduta a terra, procurandosi diversi tagli sul corpo. Quando le due paramediche arrivano, la ragazza è in preda a un attacco di panico. Sylvie la tranquillizza, la medica e la rassicura. A chiunque può capitare di impanicarsi prima del matrimonio e addirittura, qualche volta, si arriva a decide di tornare sui propri passi, com’è successo a lei!

I sospetti di Kelly restano tali, poiché l’uomo non può dimostrare nulla; la semplice sensazione che ci sia qualcosa di storto non è sufficiente e l’ente che si occupa delle investigazioni rifiuta di andare oltre.

Si sparge la voce che alla stazione 51 c’è una sala dedicata alle donne e, nel giro di poco, Emily, Stella e Sylvie vedono arrivare frotte di colleghe che provengono da altre stazioni per approfittare del luogo. La cosa riempie di orgoglio le tre ragazze!

Tra gli uomini della squadra, però, regna un certo malcontento. A parte il fatto che le tre colleghe si sono appropriate di tutte le scorte di dolciumi, Herrmann, mentre è da “Molly’s” insieme agli altri, si lamenta del fatto che la situazione è proprio ingiusta! Pensate a cosa sarebbe successo se fossero stati gli uomini a chiedere di avere una sala dedicata “ai maschi”! I sindacati, le associazioni femministe e la stampa avrebbero dato loro addosso accusandoli di sessismo e di discriminazione! Invece, le ragazze hanno chiesto e ottenuto un posto tutto per loro e nessuno può dire nulla a riguardo! Ha ragione Herrmann, è discriminazione anche questa!

Le intuizioni di Kelly devono essere apparse convincenti agli ufficiali del FIO (ufficio investigazione incendi) perché in serata, lui e Cruz, vengono chiamati sul luogo dell’incendio, dove la persona con cui hanno parlato sta svolgendo la sua indagine. In prima battuta tutto sembra essere come deve ma Kelly, ad un certo punto, si rende conto che l’incendio è la fotocopia di un precedente rogo doloso, avvenuto pochi giorni prima, in cui due persone sono morte a causa dell’inalazione del fumo.

Matt, dal canto suo, riceve da Boden un’informazione che stravolge la situazione di Gallo e della sua irruenza. Il comandante della stazione gli rivela, infatti, che Gallo ha perso tutta la sua famiglia in un incendio e questo, sicuramente, gioca un ruolo importante nel momento in cui la recluta deve entrare in azione; è un dato che Matt deve tenere in considerazione.

Kelly racconta a Boden quanto scoperto durante il sopralluogo ma ammette anche che sarà impossibile provare il dolo senza una confessione. Le circostanze sono troppo frammentarie e tutto può essere giustificato riconducendolo alla semplice sbadataggine.

La situazione della “Women’s lounge” è fuori controllo. Al ritorno da un soccorso le ragazze trovano il luogo invaso dalle donne, pieno di fumo e tutto sottosopra; insomma non è più un santuario di pace e tranquillità ma un caos perenne di persone a cui importa solo di farsi i cavolacci propri!!

Sylvie, Stella ed Emily hanno il loro bel daffare a cacciare via tutte le intruse e, finalmente, ammettono la verità: l’iniziativa è stata proprio fallimentare! Con la coda tra le gambe tornano così a chiedere asilo nella sala comune!

Ulteriori indagini rivelano che l’anziana signora disponeva di un bel gruzzoletto di oltre 300.000 dollari, circostanza che fa aumentare notevolmente i sospetti degli investigatori. Gallo, che ha ascoltato parte della discussione, sentendo che i due padroni di casa avrebbero addirittura messo in pericolo la vita del loro stesso figlio per denaro, perde la testa e Matt è costretto a riprenderlo nuovamente. Alla fine, Severide e Cruz decidono di andare a parlare con i genitori del ragazzino, rimasti senza casa, per estorcere loro una confessione. L’idea è quella di raccontare al padre del ragazzo, principale sospettato, che il figlio ha rischiato di perdere la vita nel tentativo di entrare nella casa in fiamme per salvare la nonna, sperando che questo lo porti ad ammettere le proprie colpe. Proprio mentre l’uomo sta per essere arrestato, la moglie, a sorpresa, confessa di aver architettato tutto il piano per ottenerne l’eredità dell’anziana madre. Che cosa orribile!

Gallo, alla fine, confortato dai suoi compagni di squadra, decide di raccontare a Matt la verità sull’incendio che gli ha fatto perdere tutta la famiglia.

Insomma, una puntata tutto sommato tranquilla, con alcuni momenti divertenti! Cruz ha chiesto a Kelly di essere il suo testimone di nozze; è evidente che, dopo la morte di Otis, i due si sono avvicinati sempre di più, speriamo che tutto continui così.

Alla prossima

Fulvia Elia

Avatar
x

Check Also

Clear

Recensione Serie Tv: Legacies – 2×07 – “It Will All Be Painfully Clear”

  Ben trovate mie Fenici! Abbiamo lasciato i ...