Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: “Catherine the Great” – 1×01 –

Recensione Serie Tv: “Catherine the Great” – 1×01 –

Caterina

Miniserie in 4 puntate

Produzione: anglo-americana, 2019

Regia: Philip Martin

Sceneggiatura: Nigel Williams

In onda: HBO, in Italia su Sky Atantic dal 1/11/ 2019

Interpreti principali:

Helen Mirren: Caterina la Grande, Jason Clarke: Grigorij Potemkin

Rory Kinnear: Nikita Ivanovich Panin, Gina McKee: Contessa Praskovya

Kevin McNally: Alexei Orlov, Joseph Quinn: Tsarevich Pavel

Premessa storica

Questa è la storia di una donna potentissima: Caterina II Alekseevna di Russia, detta “la Grande”, nata il 21 aprile del 1729 e divenuta imperatrice nel 1762 e rimasta tale fino alla sua morte.

Quella famosa per essersi fatta montare dal cavallo, almeno a detta di alcuni. Doveva avere una grande mente contorta la signora. 

Si Dany, proprio lei!

Sin da giovane, pur non essendo particolarmente bella, si dimostra molto vivace, rifiutando l’educazione di stampo luterano che le viene impartita. Scelta come sposa di Pietro, futuro imperatore di Russia, vi viene condotta insieme con la madre e fatta convertire alla religione ortodossa.

Mi chiedo se fu la religione ortodossa a portarla a uccidere il marito … o forse il cavallo!

Quanto sei blasfema! Dovresti dire una preghiera di espiazione!

Sin da subito Caterina, molto più intelligente del marito acquista sempre più potere a corte; inoltre Pietro si dimostra inadeguato, incline a comportamenti aggressivi, spesso ubriaco, tende anche a  maltrattarla.

I due hanno un figlio, Paolo, che però la nonna Elisabetta porta via dalla corte allontanandolo dalla madre. (Simpatica la nonna! Il figlio beve, rutta in pubblico, mangia con i gomiti sul tavolo ma la brutta influenza viene dalla mamma!)

Si, Dany, capita nelle migliori famiglie, si sa che le suocere hanno sempre ragione, ma fammi finire sta benedetta premessa!

Nel gennaio del 1762, Pietro sale al potere con il nome di Pietro III, Imperatore di Russia; l’uomo prende pessime decisioni che causano molto malcontento sia in politica estera che interna, così, nello stesso anno del suo insediamento, viene organizzata una congiura che lo destituisce ufficialmente: due membri della guardia imperiale, Aleksej e Grigorij Orlov, arrestano Pietro e mettono Caterina sul trono. Secondo le fonti, Grigorij è l’amante della zarina che, com’è noto, non si oppone affatto alla congiura. Caterina viene condotta nella città di S. Pietroburgo, appoggiata dalla nobiltà, si lascia proclamare imperatrice al posto del destituito Pietro III, il quale preferisce abdicare. Poco dopo, nel carcere di Ropsha, lo zar viene ucciso in circostanze poco chiare, sulle quali grava il sospetto della responsabilità di sua moglie, probabile mandante dell’assassinio.

Il 20 giugno del 1762 Caterina Alekseevna sale al potere con il nome di Caterina II. (La cara Caterina I era la bella lavanderina che lava i fazzoletti per i poveretti della città, morirà nel 1727)

Perdonatela, per fortuna la premessa è finita!

Recensione con spoiler

Phedre: La prima puntata di questa attesissima serie TV inizia subito dopo che Caterina viene proclamata Imperatrice. La nuova sovrana viene condotta al carcere di Schlüsselburg, dove si trova Ivan VI, possibile pretendente legittimo al trono, il quale viene considerato pazzo.

Dany: Pazzo, insomma, è stato incarcerato all’età di sei mesi, sfido chiunque a rimanere sano … non è che magari ha conosciuto anche lui tale cavallo??!

Phedre: Ci spostiamo poi a S. Pietroburgo, dove la sovrana fa il suo discorso di insediamento. Sin dalle prime battute si nota come Caterina abbia una politica illuminata, soprattutto verso le fasce deboli della popolazione e in particolare i servi della gleba, provocando però il disappunto della nobiltà e del suo consigliere: Nikita Ivanovich.

Il quale non voleva assolutamente avere a che fare con i ragazzi della finta Enel che passano di casa in casa a chiedere i numeri del contatore. In effetti non aveva tutti i torti! Ah … aspetta … intendevi dispotismo illuminato … ok … allora si tratta di illuminazione che viene da Dio per un governo assolutista … decisamente molto illuminato!!! Dai Phedre non guardarmi così male, su da brava fai un sorriso!

E’ una parola! Se mi interrompi ogni cinque secondi …

Questo è l’unico accenno alla vita politica che viene fatto in questo primo episodio, che invece è incentrato sulla vita di corte, gli intrighi e il divertimento.

Per divertimento intendi sesso, vero? Perché ne vedrete di tutte le salse. Ok ti lascio parlare!

Ecco brava!

Dicevamo? Mi fa perdere pure il filo sta monella!

Viene raccontato il rapporto di Caterina con gli Orlov, autori della congiura e in particolare con Grigorij con cui ha una relazione ormai al capolinea. La confidente della sovrana è la Contessa Praskovya, donna molto licenziosa, che durante l’episodio sarà protagonista di varie scene di sesso.

E che sesso! Ci danno dentro come conigli arrapati, soprattutto con un Orlov, lo stesso che si traveste addirittura da Dragqueen … mmm… alquanto perverso il tipo! Lo adoro!

Comunque, anche io so qualche curiosità storica che tu non sai. Sapevi che Orlov è il nome dato al diamante grande come mezzo uovo incastonato sulla corona dell’imperatrice? Forse è da qui che nasce il detto: i diamanti sono i migliori amici delle donne! 

Ossignur altro che una preghiera, un Rosario devi dire!

Per fortuna ho quasi finito.

Il punto cardine di questo episodio è l’incontro di Caterina con Grigorij Aleksandrovič Potëmkin, (lo stesso da cui prende il nome la corazzata, il film con quella maledetta carrozzina che si rovescia sulle scale, quello che viene definito “una cagata pazzesca” da Fantozzi! Non picchiarmi Collega) valoroso militare di cui lei si invaghisce all’istante e con cui inizia un sottile gioco di seduzione, che passa però dalla contessa Praskovya che lo testa da tutti i punti di vista (ovviamente pensando al cavallo!), parlandogli, anche durante gli amplessi di quanto lui interessi alla sovrana.

Durante l’episodio inoltre, Caterina, informata di un possibile colpo di stato, per portare Ivan sul trono, comanda che venga ucciso se solo tentasse di organizzare un qualsiasi colpo di Stato a danno del potere costituito e infatti il povero Ivan, viene assassinato durante il tentativo di farlo fuggire dalla sua prigione da alcuni militari.

Viene dunque mostrato il carattere freddo e spietato della sovrana magistralmente interpretata da Helen Mirrer. E qui capiamo il vero illuminismo! Difatti la sovrana avrebbe avuto circa 33 anni, mentre Helen Mirren ne dimostra qualcuno di più, ma l’attrice ha ricordato a tutti noi che la crema idratante non serve a nulla! Quindi dato che la signora è testimonial della linea di creme “Age Perfect” della l’Oreal consiglierei di stare alla larga dai loro prodotti. No mia cara amica, non ti ho appena messo furtivamente un barattolo di crema l’Oreal nella borsa, è inutile che insisti!

E dai mettimela la crema nella borsa, fai la brava!

Ehm , scusate … L’episodio termina con un ballo in cui si ha lo scambio di ruoli con le signore vestite da uomo e viceversa, qui viene mostrata l’attrazione tra Caterina e Potëmkin. Dove diavolo è finito il cavallo?

Allora Dany ci è piaciuto questo episodio? A me NI… avrei preferito vedere Caterina prima del colpo di Stato.

Sai Phedre ti dirò che mi è piaciuto, l’ho trovato decisamente promettente e soprattutto ho amato l’interpretazione di Theo James nel ruolo dell’intrepido … no, aspetta … stai sempre parlando di Caterina? Scusa mi ero distratta! Non guardarmi male!!! Come inizio serie non mi è dispiaciuto, solo a tratti un po’ noioso, ma adoro la Mirren, quindi aspetto il secondo episodio per sbilanciarmi di più.

Ok, allora continuiamone la visione e alla prossima puntata!

 

 

 

DarkSide

DarkSide
x

Check Also

world on fire

Recensione Serie tv: World on Fire 1×06 – 1×07

    Eccoci arrivati alle due puntate finali ...