Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Arrow – 7×16 – “Star City 2040”

Recensione Serie Tv: Arrow – 7×16 – “Star City 2040”

Star City 2040

Progetto grafico a cura di Teresa

Bentornati amanti di Arrow. Episodio trasmesso dalla CW il 18/3/2019.

Questo episodio tanto decantato come “L’episodio”, quello che avrebbe chiarito molti punti oscuri dei flashforward, in realtà ha fatto solo metà di quello che ci aspettavamo.

Per me è un NI. Non lo so, sono di nuovo nel bel mezzo di un uragano di emozioni contrastanti e, per metà, sono negative.

È tutto un lungo flashforward, le uniche parti degne di nota sono la nascita di Mia, dove vediamo gli Olicity assieme, il sorriso di Amell che illumina tutto e cosa non da poco, nel futuro, Felicity è viva!

Tutto il resto, non so come definirlo.

Ho avuto come l’impressione che questo episodio sia stato inserito come un possibile pilot per uno spin-off, ma perché? Tutti quelli nati da Arrow non bastavano?? Stante quanto visto i protagonisti, sarebbero Mia, William e Connor.

Oltretutto non è nemmeno il miglior episodio della stagione.

La parte più bella è stata quel minuto e cinque secondi all’inizio, dove ci sono gli Olicity.

Dopo il “sole”, la speranza dovuta alla nascita di Mia, si sprofonda in un futuro freddo, quasi impersonale. William e Mia sono a The Glades alla ricerca di Felicity. Connor è un agente, penso che abbia un interesse amoroso con Mia (Oliver e Dig consuoceri?  Non mi dispiacerebbe per niente!).

Renè è il sindaco di The Glades e non è chiaro da che parte stia, Roy ha problemi a gestire la rabbia, Dinah è sempre la stessa e Zoe ha pessimi rapporti con il padre.

Tanto per cambiare c’è una bomba da trovare e disinnescare, tutti lavorano assieme per trovarla (ma davvero? Devono fare pubblicità a una ditta che produce armi?).  Il nostro ex Wild Dog è un doppiogiochista, infatti, mette una taglia su Arsenal (Roy), Black Canary (Dinah) e Calculator (Felicity).

Questo è stato l’episodio a grandi linee, adesso scendo nei dettagli.

La prima cosa che salta all’occhio è: dove cavolo sta Oliver?? È da tempo che ho capito che gli autori hanno un perverso senso dell’umorismo, vogliono farci rosolare per ben fino alla fine, ci danno il contentino all’inizio e poi … ci gettano nella più cupa disperazione. Non disponibile? Ma che razza di spiegazione è questa??

Felicity esprime il suo rammarico dicendo che l’assenza di Oliver è colpa sua, del programma che lei ha creato: ARCHER, che le si sia ritorto contro? Questa è solo una mia teoria.

Archer… mi ricorda tanto di Jarvis, l’intelligenza artificiale creata da Tony Stark dell’Universo Marvel.

Felicity è rinchiusa in una cella di vetro, un po’ come nella 4×09, ad opera di Dahrk.

Finalmente assistiamo alla reunion tra Felicity e William, dopo tutto questo tempo, i loro abbracci sono stati bellissimi (ok, qui io ho pianto). È incontrovertibile che lei ami ancora Oliver, niente di tutto questo è cambiato. Si dice che la speranza è l’ultima a morire, ecco io ne ho, in abbondanza, sono più che convinta che il nostro Arciere non sia morto.

Altra cosa che non ho capito, dov’era Arrow?? E no, non intendo il pezzo di manzo canadese di 1.85 fornito di ogni ben di Dio, quello che ti risolleva umore e giornata con un solo sorriso. Il fatto è che non sono sicura di quello ho visto, Arrow o lo spin-off?

Ci sono stati chiari e voluti richiami agli episodi passati, sette anni condensati in una manciata di minuti, il tutto a favore dei “nuovi”. Posso quindi dire che mi sono emozionata, ma … solo per qualcosa che avevo già visto, già vissuto a suo tempo.

Altra cosa che mi ha fatto storcere il naso è stata la regia di Bamford, le scene d’azione alla coreana sono il suo stile, movimenti talmente veloci da renderli quasi incomprensibili e diciamocelo, fanno quasi venire il mal di mare.

Mia non mi convince ancora, non lo so. Per ora non mi ha conquistato, certo preferirei lei ad Emiko, mai dovessi scegliere.

Di Oliver ce n’è uno solo.

Ho amato il cameo di Nyssa che addestra la piccola Mia fino all’età adulta.

Forse non sono pronta per uno spin-off, perché non sono pronta ad abbandonare Arrow e non riesco ancora a farmi piacere questa versione di Ota 2.0.

A parte le chiare citazioni degli episodi precedenti ho visto anche, 1984 di Orwell, Blade Runner, Metropolis di Fritz Lang, mantelli alla Twilight. Sento come se mancasse qualcosa a questa puntata.

Considerazioni

Io amo Arrow, nessun telefilm mi ha mai preso come questo, ma l’episodio appena visto posso solo definirlo tiepido. Per carità, abbiamo avuto momenti intensi come il ritrovamento di Felicity, i sentimenti tra madre e figli, tra i due fratelli, però vorrei tanto vedere Mia e Oliver, allora sì che piangerei come una fontana!

William mi piace, su Connor ancora aspetto a dare giudizi e Mia…

Mia, Oddio, erano anni che aspettavamo un baby Olicity, visto in fan fiction etc e per ora non riesco a giudicarla. Non posso. A volte mi ricordava troppo Oliver, quasi ricalcando il suo modo di fare e questo non va bene, se deve esserci uno spin-off, devono distaccarsi dalla serie madre. Certo, hanno scelto un’attrice che racchiude le caratteristiche di entrambi, non lo metto in dubbio, lei è stata brava, ha studiato Stephen ed Emily e i loro personaggi, ma ancora non mi convince, aspetterò la fine della serie per dare un giudizio definitivo.

Felicity.

STUPENDA!!

Anche truccata per farla apparire più vecchia … ma che bella che è?? Alcune volte mi è sembrata Moira.

Oliver.

Oh my Oliver. Il grande assente, si sentiva davvero tanto la sua mancanza, senza di lui è come se tutto diventasse più tetro, come se un interruttore avesse spento la luce, anche Ems non era solare come sempre.

Ecco un Mal pensiero.

Oliver non è morto!! Gli autori continuano a lasciare indizi che portano a questa conclusione, ma io non voglio crederci, è impensabile che “l’eroe”, l’anima e il cuore che ha dato vita all’Arrowverse (diciamocelo, senza di lui tutti gli altri show non sarebbero mai nati) sia morto.

Sette anni e non sono entusiasta di un episodio, può capitare, non è che può piacere sempre tutto.

Vogliono fare uno spin-off?? Che ci diano speranze che la coppia cardine, gli Olicity, siano vivi e in salute, come fan, se non mi date qualcosa, dubito che lo guarderò e come me tanti altri, quindi avrà vita breve!

Ok forse lo vedrò, giusto per curiosità, ma al momento ho solo bisogno di sapere che Oliver è … e sarà vivo con la sua Felicity.

Sono sette anni che seguo, mi struggo, sclero, emozioni a non finire: Olicity, Ota, redenzione. Ho visto nascere e crescere l’eroe, ho visto la sua sofferenza, le prove che ha dovuto sopportare fino ad arrivare a trovare l’amore della sua vita.

Hanno allungato la storia introducendo personaggi spesso discutibili e altri che sono stati fantastici. Oliver Queen non era e non è perfetto ma cavolo, siamo umani e pertanto fallibili sotto tutti i punti di vista.

E poi c’è lei, la sua parte migliore: Fel.

Ancora spero, ho fiducia che tutto non sia andato perduto, Oliver non può, non deve morire!!

Ho molto apprezzato anche le interazioni madre/figlia, soprattutto quando le fa notare che assomiglia così tanto a suo padre (lacrimuccia pure qui!).

Alla fine desidero solo che Oliver nei flashforward possa abbracciare la sua famiglia, che possa avere quell’happy ending che dopo tutti questi anni si è conquistato di diritto!

Ci vediamo al prossimo episodio.

Un saluto dalla vostra Mal.

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

dinner

Recensione Serie Tv: This is us 4×07 “The date and the dinner”

Ben ritrovate fenici al nostro appuntamento settimanale con ...