Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Arrow 7×04 – “Level Two”

Recensione Serie Tv: Arrow 7×04 – “Level Two”

Level two

Progetto grafico a cura di TessV

Bentornati amanti di Arrow!

Puntata andata in onda il 5/11/2018 sulla CW.

Mamma mia!

Beth (Schwartz) lo aveva detto che i primi episodi sarebbero stati tosti. Immagino per tutta la prima parte della stagione seguiranno questo mood, almeno fino all’episodio 9.

Continuiamo a esaminare i temi legati alla legalità e all’illegalità. I vari personaggi si evolvono, alcuni verso la redenzione, altri invece perdono la retta via, sprofondando nell’oscurità, dove il concetto di “a mali estremi, estremi rimedi” è la normalità.

Come ormai da varie puntate la trama principale si si dirama in tre storyline.

Oliver è arrivato al famoso livello due, “l’Inferno”, letteralmente! I prigionieri vengono usati come cavie da laboratorio, tenuti in vita a pane e acqua; non viene permesso loro di dormire usando luci intermittenti, vengono drogati fino a renderli inermi, in uno stato catatonico, quasi comatoso per poi essere riportati bruscamente alla realtà. Questo dottore, con ovvie reminiscenze naziste è convinto di riuscire a riprogrammare i prigionieri facendoli tornare “normali”.

Contemporaneamente, Felicity sta facendo più o meno la stessa cosa con la Silenziatrice, non è certo a quel livello, per ora si limita ad affamarla, ma è fortemente tentata di iniziare a torturarla.

Oliver e le istituzioni, binomio decisamente infelice.

Felicity e la sua parte oscura, una novità! Fino ad ora aveva sempre rappresentato un faro di speranza, ma adesso è decisamente fuori controllo; Renè tenta di farla ragionare, invano direi, è più che mai determinata a prendere Diaz ad ogni costo.

In prigione Oliver viene drogato dal “Dottore” più volte, passa dall’inedia all’essere vigile; durante l’interrogatorio gli vengono poste domande sul suo nome, sul padre, sul motivo per cui è diventato vigilante, più e più volte il tutto intervallato dall’uso delle droghe, un lavaggio del cervello insomma. Alla fine lo fanno entrare in un macchinario che agisce sulle onde celebrali, con le droghe somministrate ancora in circolo nel suo corpo la sua mente torna al momento più brutto del primo episodio: si trova sul gommone, nel momento in cui il padre si è suicidato per salvargli la vita, solo che in questa allucinazione è lui il padre, dopo un discorso colmo di emozione che traspare anche dalla sua stessa voce, dice a William di “Vivere” e non di “Sopravvivere” come invece aveva fatto suo padre, dopodiché si spara.

Ora, la vostra Mal è una persona ragionevole, sono sicura che questa scena abbia un senso, sicuramente significherà qualcosa … lo capiremo con il proseguo della stagione.

Successivamente, il dottore si reca nella cella di Oliver con l’ennesima domanda che si sta ripetendo in loop infinito “chi sei?”, immagino che sia per capire se sia o meno riuscito a spezzarlo, la risposta di Ollie sembra rassicurarlo: “Sono il detenuto 4587”.

Secondo il mio modesto parere sta succedendo la stessa cosa che accadde con Ras, quando quest’ultimo tentò di soggiogarlo usando diversi metodi, tra cui strane erbe, per farlo diventare il suo successore. Come in quel caso il nostro eroe potrebbe solo fingere che il lavaggio del cervello abbia avuto successo e che il dottore sia riuscito a riprogrammarlo.

A questo punto, dopo tutto quello che ha passato, mi sembra strano che si sia fatto piegare in questo modo, ma è solo una mia teoria, vedremo.

Felicity sta continuando il suo percorso, vuole Diaz, per raggiungere il suo fine arriva perfino a fare l’impensabile, chiede aiuto a Black Siren, ovvero Laurel 2, ha bisogno che la Silenziatrice parli.

E niente gli autori vogliono proprio che il personaggio di Laurel 2 si redima, acconsente ad aiutarla, non come vorrebbe lei, anzi sembra quasi che sia la voce della sua coscienza.

Durante una bella chiacchierata su cosa sia giusto e cosa no, la Silenziatrice riesce a scappare, a questo punto abbiamo un insolita alleanza Laurel e Felicity sono unite da un obiettivo comune, prendere Diaz (Dio ce ne scampi!)

La giustizia è una linea sottile, non tutto è bianco o nero, esiste una vasta gamma di colori, alle volte si è costretti a uccidere, altre ad essere corretti, altre ancora bisogna aggirare le regole.

Dig intanto cerca di far ragionare Dinah passandogli informazioni dell’Argus.

Curtis, non pervenuto.

Renè aiuta il nuovo Green Arrow a fuggire, questo lo mette contro Dinah la quale lo arresta.

Zoey viene salvata da Green Arrow e Dinah che le regala una spilla che raffigura un “canarino”.

Veniamo ai Flash Forward.

Roy e Will sono arrivati a Star City che è sprofondata nel caos più totale, ora è The Glades che ha presto il sopravvento su tutto, sembra una città post apocalittica, stile Ken il guerriero. La freccia contente il chip inserito da Felicity li conduce direttamente alla Smoak Tech.

Will ha seguito le orme di Felicity è diventato un hacker, digitando velocemente su una tastiera collegata a uno schermo a parete apre un pannello da cui estrae un sacchetto; vengono fermati da un poliziotto ma Dinah li salva (la Dinah del futuro).

Nel sacchetto c’è un rompicapo, una specie di cubo di Rubik che Will risolve, aprendosi mostra una mappa olografica della città la quale è divisa da un muro.

Nel mentre arriva la nuova Canary, Zoey Ramirez, la figlia di Renè. Discutono sul da farsi, Will vuole capire perché tutti gli indizi lo hanno portato li, vuole parlare con Felicity.

Dinah in tono mesto replica: “Felicity is dead”, Felicity è morta.

Considerazioni.

Altro episodio ricco di eventi.

In primis: FELICITY NON E’ MORTA!!

Cosi, tanto per ribadirlo.

Non avrebbe senso far scoppiare una simile bomba solo al quarto episodio, secondo me è una presa per i fondelli nei confronti degli haters che non vedono l’ora che la co-protagonista muoia, infondo non hanno mai digerito che il loro eroe preferito stia con un personaggio secondario (nei fumetti).

Fortunatamente gli autori non hanno seguito la storia dei fumetti di Green Arrow, si sono solamente ispirati, altrimenti questa serie sarebbe finita alla prima stagione.

Seguo Arrow da una vita, mai un telefilm era riuscito ad appassionarmi così tanto. La notizia della “presunta” morte di Felicity avrà reso felici tutti coloro che non credono nella ship Olicity, ma si sbagliano. Sono ottimista, quindi accettatemi così.

Esiste una regola nei telefilm, alle morti off screen non ci crediamo mai!! Voglio anche ricordarvi che in Arrow niente è mai come sembra.

Fino alla fine mi aspetto di tutto, ma se hanno deciso di seguire questa linea narrativa e davvero Felicity morirà in un futuro non troppo lontano, esigo una spiegazione chiara ed esauriente.  Spero comunque, per loro (produttori e scrittori) e per noi, che sia solo che non facciano cazzate inimicandosi il fandom mandando tutto all’aria.

Per ora non voglio pronunciarmi.

Oliver. Poor my Green Arrow.

Gli stanno facendo di tutto. Devono dargli un HAPPY ENDING! Come minimo una bella vacanza ad Aruba con la sua It girl.

Ora, se è vera la mia ipotesi “Montecristo”, uno dei due userà lo stratagemma del Conte per salvarsi. Sarà Oliver o la Felicity del futuro??

Gli altri personaggi restano sempre sullo sfondo, finalmente i protagonisti indiscussi sono tornati ad essere Oliver e Felicity.

La trama è molto articolata quest’anno, ma comunque segue un filo logico; per ora io non vedo un vero cattivo. Certo tutti devono fare i conti con la propria coscienza, accettare che non esiste una via da seguire per essere un eroe, ma molteplici zone d’ombra.

Chi è il nuovo Green Arrow??

 

Spoiler

È una donna, ed è la sorellastra di Oliver. Emiko Queen. Quale ruolo avrà? Sarà buona o cattiva??

Altro episodio da vedere assolutamente. Mi piace questa stagione?? Ovvio che sì.

Alla prossima volta.

Un saluto dalla vostra Mal.

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

legacies 2

Recensione serie TV: Legacies -2×04- “Since When Do You Speak Japanese?”

Bentornate, mie Fenici! Le azioni compiute da Josie ...