Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione : Sense8 – Stagione 1

Recensione : Sense8 – Stagione 1

Trama:

Otto sconosciuti in diverse parti del mondo sviluppano improvvisamente una reciproca connessione telepatica. Appartenenti a differenti culture, religioni e orientamento sessuale, scoprono quindi di essere dei sensate (da cui il gioco di parole con il titolo), persone con un avanzato livello di empatia, che hanno sviluppato una profonda connessione psichica con un ristretto gruppo di loro simili. Mentre cercano di scoprire, disorientati, il significato delle loro percezioni extrasensoriali e iniziano a interagire a distanza tra di loro, un uomo, Jonas, si offre di aiutarli. Allo stesso tempo un’altra enigmatica figura, Whispers, dà loro la caccia, sfruttando la loro stessa abilità, allo scopo di catturarli o ucciderli.

Proposta nel palinsesto autunnale 2015 della Netflix, inizio col dire che le sorelle Wachowski in collaborazione con Straczynski hanno fatto una genialata con questa serie, idea innovativa e curata, mi ha da subito incuriosito.

Senza dubbio le premesse sono state capaci di catturare l’attenzione, otto sconosciuti di diverse religioni, orientamento sessuale e morale, dislocati in differenti parti del mondo, che sviluppano improvvisamente una connessione telepatica. Sicuramente pane per i miei denti!

I personaggi sono fra i più disparati:

Sun Bak, una donna d’affari di Seul ed esperta di arti marziali,

Capheus, un autista di matatu (minibus) a Nairobi,

Nomi Marks, una blogger transessuale, nonché hacker, di San Francisco,

Kala Dandekar, una chimica farmaceutica di Mumbai,

Riley Blue, una DJ islandese residente a Londra,

Wolfgang Bogdanow, uno scassinatore di Berlino,

Lito Rodriguez, un celebre attore omosessuale (non dichiarato) residente a Città del Messico,

Will Gorski, un poliziotto di Chicago.

Ho trovato la scelta dei personaggi molto contemporanea, delineata in ogni suo aspetto, anche la cultura personale di ognuno di loro viene curata molto e studiata attentamente. Sono stati proposti spaccati di vita realistici, senza timore di mostrare i punti di forza e debolezza delle varie culture.

Grazie alla loro connessione psichica i senzienti riescono a ritrovarsi insieme e ad interagire in ogni luogo, ma non solo, sono in grado di vivere attraverso gli altri corpi assorbendo i punti di forza dei compagni. Per intenderci, basta un battito di ciglia perché Will si ritrovi a Londra da Riley, oppure Capheus, che di indole non è un gran lottatore, debba combattere contro una schiera di delinquenti e di punto in bianco… bum!, Sun Bak è nel suo corpo e combatte al posto suo, stracciando gli avversari. Fighissimo!

Ma Sense8 non è soltanto questo, i personaggi hanno ognuno il proprio dramma da gestire.

Non si può certo dire che ci si annoi, da un momento all’altro puoi ridere, iperventilare dall’ansia o piangere a dirotto davanti ai loro drammi… tutto in neanche 50 minuti di puntata. Questo può apparire confuso o poco chiaro all’inizio, ci ritroveremo davanti ad un susseguirsi di eventi spot che, a volte, faremo fatica a seguire o a spiegare in modo logico, ma con l’avanzare della trama tutto acquista un senso.

Nonostante la serie abbia ricevuto più di qualche critica proprio per questa scelta di regia, io credo si riesca a seguire perfettamente l’andamento della storia e a sentirsi parte del gruppo, con quella fregola di dover sapere cosa accadrà dopo, cosa succederà nell’episodio successivo. E’ sicuramente una serie che ti incolla al divano, episodio dopo episodio.

Ma andiamo con ordine: tutto ha inizio con la morte di Angelica (membro di un vecchio gruppo di senzienti di cui fa parte un certo Jonas), che braccata da Whispers, un senziente rivoltatosi contro i suoi simili e alla guida di un’organizzazione che mira ad eliminarli, si uccide. Prima di farlo però li connette, attivando così i loro poteri e creando questo nuovo gruppo del quale solo proseguendo nella storia scopriremo lo scopo, ovvero combattere contro Whispers e la sua organizzazione.

Da lì in poi, i nostri otto sconosciuti iniziano la loro avventura, nell’evolversi degli episodi cominciano a conoscersi e a crescere, nonché ad innamorarsi e ad avvicinarsi sempre più a scoprire cosa si nasconde dietro la loro esistenza. Tutto questo guidati, o quasi, da Jonas che, contattando Will, cercherà di aiutarli, a modo suo, a comprendere cosa sta accadendo e a metterli in salvo da Whispers.

Ognuno di loro, grazie alla forza trasmessa dagli altri compagni, riesce a dare un senso alla propria vita e a superare le difficoltà. Si trovano legati telepaticamente ma anche emotivamente, è come se questa connessione li unisse nell’anima.

 

sense8 1-2

Gli amori non mancheranno: la mia coppia preferita è sicuramente quella di Lito ed Hernando, divertenti e affiatati, in gran segreto ovviamente, che con i loro up and down di certo non possono che conquistare. Lito, poi, io lo adoro!

sense8 1-3

Ma ci sono anche Wolfgang (O.T.: ma quanto bello è???) e Kala, che da milioni di chilometri di distanza si attraggono come calamite.

Il susseguirsi delle vicissitudini porteranno noi e i nostri senzienti dritti dritti all’organizzazione di Whispers, dove troveremo una Riley piuttosto provata dai suoi drammi personali che rivive una sorta di dejà-vu. Sarà infatti in procinto di decidere di togliersi la vita, come fece Angelica nel pilot, ma l’amore di Will e la forza degli altri 6 compagni la salveranno, anzi, si salveranno tutti a vicenda e li ritroveremo tutti insieme su una nave verso l’ignoto…. Un ignoto dal nome Season #2, in cui forse, ma dico forse, ne sapremo qualcosa di più.

sense8 1-4

Ora non ci resta che attendere la neve per poter scoprire cosa ne sarà dei nostri Sense8.

Recensione a cura di :

Sary@

Editing a cura di:

MandyMoon

StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento

x

Check Also

Stormy Weather

Recensione serie TV: Council of Dads- 1×09-“Stormy Weather”

Ciao a tutti, amanti delle serie TV! L’episodio ...