Da non perdere
Home / Paranormal Romance / Recensione “Sedotta da un Angelo” di Gena Showalter (serie Angels of the dark #1)

Recensione “Sedotta da un Angelo” di Gena Showalter (serie Angels of the dark #1)

Gli Angeli delle Tenebre: impavidi guerrieri che lottano contro il male, rischiando di perdere l’immortalità e di essere cacciati per sempre dal Regno dei Cieli.

Un angelo che non ha mai conosciuto una donna. Un’umana vittima dei demoni.

Zacharel, uno dei guerrieri alati più temuti del Regno dei Cieli, ha ricevuto l’ingrato compito di guidare un esercito di angeli ribelli contro le creature degli Inferi, pena la caduta in disgrazia agli occhi di Dio. Una missione che ha accettato di buon grado, perché l’unico desiderio che alberga nel suo cuore inaridito è sconfiggere il Nemico. Finché non incontra Annabelle, ingiustamente rinchiusa in un manicomio criminale e perseguitata dai demoni. Le sofferenze e le ingiustizie subite da quella fragile ma indomita creatura fanno breccia nell’anima indurita dell’angelo che, per la prima volta dopo secoli, avverte un lieve tepore diffondersi nel petto. Riuscirà una semplice mortale a ridestare in lui ciò che nessuno è mai riuscito a fargli provare prima?

Il libro di cui vi parlo oggi si intitola Sedotta da un angelo, ed è il primo volume della serie Angels of the dark, spin-off della famosissima Signori degli Inferi di Gena Showalter.

Abbiamo già incontrato gli Inviati, gli angeli guerrieri protagonisti di questa serie. La prima volta è stato nella novella #4.5 dei LOTU, intitolata Demon’s Eyes, che narrava la storia del potente Lysander. Già da quel breve romanzo avevo capito che gli Inviati avrebbero avuto un ruolo importantissimo nella serie principale, e finora non sono stata delusa.

Ma che cos’è un Inviato? Non è stato creato dall’Altissimo, ma è frutto dell’amore carnale fra due angeli o due creature diverse. Proprio come i suoi genitori, è soggetto alle emozioni più svariate e profonde, e cerca, con tutte le sue forze, di scegliere la Via del Bene. Lo fa , il più delle volte, combattendo nelle schiere dei potenti guerrieri guidati dai Sette.

Zacharel è l’angelo protagonista di questa storia. Bellissimo, ma proprio tanto tanto! Alto, moro, imponente, serio e calcolatore, ha un fascino misterioso e spavaldo, a cui mi era impossibile resistere. Zach è però anche un ribelle: nella sua lotta contro i Demoni ha perso di vista uno degli obiettivi principali, perché ha scordato di difendere il genere umano, causando la morte di più di una persona. L’Altissimo, evidentemente molto scontento di lui, lo punisce mettendolo a capo dell’Esercito della Disgrazia, una brigata di Inviati che, come lui, necessitano di riscatto, e lo possono ottenere solo imparando a fare la cosa giusta. Ma per Zacharel l’unica cosa importante, a cui non riesce a sottrarsi, è la vendetta per la morte dell’amatissimo fratello Hadrenial.

La notte in cui la sua vita cambierà per sempre lo vede impegnato in una missione presso il Manicomio di Moffat County, in Colorado. Deve capire perché un’orda di Demoni cerchi di entrare nella struttura già da tempo. E lì, nella sua stanza, incontra Annabelle, la protagonista femminile del romanzo. Incarcerata nel manicomio criminale da quattro anni, questa giovane donna è accusata dell’omicidio di tutta la sua famiglia, avvenuto da parte di un’orda di Demoni sotto i suoi occhi. Ovviamente è stata creduta pazza, e internata a vita. Zachareal la trova e decide, stranamente, di salvarla e portarla nei Cieli, presso la sua abitazione, in una nuvola.

Haidee gli prese il volto tra le mani e disse: «Io posso leggere la mente di Amun, quindi so tutto quello che sa lui e ciò che ha scoperto nella mente della tua donna è che ha bisogno di essere la priorità più importante della tua vita. Suo fratello le ha voltato le spalle e il suo ragazzo l’ha abbandonata. Le è mancato così tanto l’amore incondizionato che finirai per distruggere il suo spirito se continuerai a starle accanto senza impegnarti completamente con lei».
«Io mi sono impegnato con lei. Per il momento. Inoltre, ha uno spirito molto forte e nessuno ha il potere di…» All’improvviso capì che lui aveva quel potere. Annabelle gli aveva dato la sua fiducia nei momenti in cui era più vulnerabile, una cosa che non avrebbe mai fatto se, in fondo al cuore, non si fosse sentita profondamente legata. Si stava innamorando di lui, proprio come lui si stava innamorando di lei. Tuttavia, non aveva mai pensato di tenerla con sé per sempre. La sua intenzione era sempre stata quella di prendere tutto ciò che poteva da lei e poi abbandonarla. In quel momento, però, non riusciva proprio a immaginare di lasciarla, nemmeno quando fosse stata anziana. Anelava ad averla accanto in ogni secondo della sua breve esistenza di mortale.

Inizia così una storia appassionante e stranissima, un paranormal veramente bello, che alterna grandi momenti d’azione a romanticismo assoluto. Bellissime le battaglie (ma la Showalter, su questo tema, non sbaglia un colpo) e assolutamente perfetta l’evoluzione di Zachareal: da creatura irreprensibile, e guidata dalla rabbia, diventa consapevole che l’amore è ancora presente nel suo cuore, e rappresenta l’emozione più importante di tutte. Capisce di non poter fare a meno della sua anima gemella; è stato emozionante vedere lui, che aveva sempre disprezzato gli umani, creature deboli e vigliacche, toccare una donna per la prima volta.

Annabelle è un personaggio bellissimo. Da quattro anni soffre le pene più atroci, senza poter capire nulla di ciò che le stia capitando. Solo l’intervento dell’angelo squarcia il velo del mistero da cui era circondata. Si affida a lui, ma non è una donna debole, una creatura solo da salvare: è diventata combattiva, risoluta e forte, e tiene testa a quel brontolone di Zachareal in una maniera favolosa. Una coppia che mi ha comunicato molte emozioni, soprattutto quando capiscono di potersi affidare l’uno all’altra.

In questo libro conosciamo anche gli altri Inviati che fanno parte del gruppo: Lysander, già visto, Koldo, protagonista del prossimo volume, Bjorn, Thane e Xerxes. I loro dialoghi sono esilaranti, come quelli fatti con i Signori degli Inferi, che compaiono come cameo.

Ricordo che per leggere al meglio questo romanzo sarebbe bene conoscere la storia dei LOTU, e questo libro si posiziona, nella cronologia della serie, dopo quello di Paris, cioè Demon’s Desire.

Consiglio a tutti questo volume, sono sicura non vi deluderà!

Recensione a cura di

Editing a cura di Lilian

Gli Angeli delle Tenebre: impavidi guerrieri che lottano contro il male, rischiando di perdere l'immortalità e di essere cacciati per sempre dal Regno dei Cieli. Un angelo che non ha mai conosciuto una donna. Un'umana vittima dei demoni. Zacharel, uno dei guerrieri alati più temuti del Regno dei Cieli, ha ricevuto l'ingrato compito di guidare un esercito di angeli ribelli contro le creature degli Inferi, pena la caduta in disgrazia agli occhi di Dio. Una missione che ha accettato di buon grado, perché l'unico desiderio che alberga nel suo cuore inaridito è sconfiggere il Nemico. Finché non incontra Annabelle, ingiustamente…

Score

Voto di Kiki 4

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Kiki

x

Check Also

Recensione Inedito: “Into the Fire” di Jeaniene Frost (serie Night Prince #4)

Cafe Fenici, oggi La Min ci parla di “Into the Fire” di Jeaniene ...

error: Contenuti di proprietà di RFS