Home / Historical Romance / Recensione “Quasi una Lady” di Alyssa Johnson

Recensione “Quasi una Lady” di Alyssa Johnson

L’anziano marchese di Engsly aveva giurato di prendersi cura dell’orfana Winnefred Blythe, ma la sua avida moglie l’aveva invece spedita in Scozia, con la sola compagnia della diciassettenne Lilly e un vitalizio di poche sterline. Il destino ha però in serbo per Winnefred più dolci sorprese. Dodici anni dopo, infatti, Lucien, figlio del defunto marchese, scopre dell’esistenza della fanciulla e invia in Scozia il fratello Gideon, reduce dalla guerra e assai risoluto nella convinzione di non volersi sposare. Gideon, tuttavia, non può restare del tutto indifferente al fascino volitivo e spontaneo della ragazza, e nel tentativo di fare di lei una lady…

Il signor Blythe fu così coraggioso da gettarsi tra le fiamme per portare fuori i cavalli, e sciocco abbastanza da ustionarsi mortalmente. Dopo essere crollato sul prato, l’uomo supplicò la persona più vicina a lui…-Di occuparsi di sua figlia – indovinò il marchese. – Bè, non esattamente. Gli domandò di accogliere Freddie. Credo siano state queste le parole esatte. Vostro padre e il signor Blyte erano poco più che conoscenti, capite? Sua signoria pensò che Freddie fosse un ragazzo. Forse si sentì magnanimo verso l’uomo che gli aveva salvato i cavalli, e così accettò, davanti a testimoni di occuparsi del figlio…In questo modo, capite, ci fu un certo imbarazzo quando fu Winnifred a presentarsi sulla soglia. Vostro padre si arrabbiò moltissimo, sostenne che Blyte lo aveva ingannato di proposito. Si calmò solo quando la vostra matrigna gli promise che avrebbe sistemato lei la ragazza altrove.

Il nuovo marchese di Engsly Lucien sta partendo sulle tracce della giovane vedova del padre che, pur avendo avuto una sostanziosa eredità, si è scoperto ha rubato una somma molto ingente dal patrimonio famigliare, e nel corso degli anni ha anche intascato parte delle cospicue donazioni fatte ad enti benefiche. Non ancora soddisfatta, si è anche impossessata di gran parte della rendita che il marchese aveva assegnato a quella che era diventata per sbaglio la sua pupilla Winnifred. Venuto a conoscenza di avere ereditato anche la tutela di una giovane donna, di cui la famiglia si è disinteressata per anni dopo averla mandata nella gelida Scozia, Lucien manda suo fratello Gideon a rintracciare la ragazza e controllare che non le manchi nulla. Ma quello che Gideon si trova di fronte è assolutamente imprevedibile: due giovani donne che indossano pantaloni, vivono nel piccolo cottege che si trova sulla proprietà non avendo i mezzi per mantenere la grande casa, e che sono riuscite a sopravvivere solo grazie al loro spirito di iniziativa e al duro lavoro. Insieme a Winnifred, infatti, è stata mandata, nelle vesti di governante, anche Lily, una donna che il marchese e la moglie avevano tutte le intenzioni di far sparire. Gideon, pur avendo ignorato la loro esistenza fino a poco prima, si sente colpevole e per questo, oltre a renderle più facile la vita assumendo persone per aiutarla, le chiede di esprimere un desiderio. Winnifred non vuole niente per sé, ma sapendo quanta nostalgia abbia Lily della vita londinese, chiede per l’amica una stagione e Gideon decide così di portarle a casa della sua originale zia che le introdurrà nel mondo del ton.

Una protagonista estremamente originale, abituata a lavorare e desiderosa solo di avere la propria indipendenza e rendere fertile la terra che ha imparato ad amare. Sarebbe felicissima di rimanere in Scozia ora che ha i mezzi per gestire la fattoria in cui vive e renderla produttiva e redditizia, ma si sente in debito con l’amica che le è sempre stata vicina nelle difficoltà e per questo le vuole regalare una stagione. Peccato però, che Lily non intenda affatto partire da sola, anzi è intenzionata a renderla una vera lady e per non deluderla e farle rinunciare al suo sogno, Winnifer accetta di partire per Londra. Gideon è rimasto molto colpito dalla forza di queste due ragazze che sono riuscite a vivere con pochissimo, trova la combattiva Winnifer bellissima e intrigante, diversa da ogni altra. Desidera ricompensarla per gli anni di stenti patiti ma, pur prodigo di regali ed attenzioni, in nessun caso intende provare sentimenti per lei.Dopo essere tornato dalla guerra ha deciso che non si legherà mai a nessuno e che nessuno dovrà mai più dipendere da lui. Infatti, mentre di giorno appare affabile ed allegro sempre pronto alla battuta, le sue notti sono piene di incubi  in cui rivede i giovani che sono morti sotto il suo comando e di cui si sente responsabile. Fra loro nasce un’amicizia che il giovane intende mantenere tale, ma un attimo di gelosia cambierà ogni cosa.

Una trama briosa, con momenti davvero divertenti e dialoghi vivaci e brillanti rendono questo storico una lettura davvero molto carina. Non ci sono molte scene passionali, ma i sentimenti dei due protagonisti si percepiscono in ogni momento e, per rendere ancora più appassionante la lettura, vi è anche un’altra storia d’amore, quella di due innamorati che sono stati separati con l’inganno e che, per anni, hanno creduto di essere stati traditi dall’amato. Una scrittura bella e simpatica per una storia che strappa più di un sorriso e regala ore molto piacevoli.

Recensione a cura di

Editing a cura di

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: “Verso l’inverno” di Lily Archer serie Prigioniera dei Fae #2

  Titolo: Verso l’inverno Serie :Prigioniera dei Fae ...