Home / Recensione libri / Recensione: Qualunque sia il tuo nome di Laura Baldo

Recensione: Qualunque sia il tuo nome di Laura Baldo

La Storia li ha messi uno contro l’altra. L’amore potrà unirli?

Polonia, 1941/1948
Anna, scortata da una guardia, sta percorrendo un corridoio del quartier generale della Gestapo a Varsavia e sente una voce, che le provoca un tumulto di emozioni dolorose e laceranti. La voce appartiene a un ufficiale in divisa da SS, dall’aria arrogante e dagli occhi di ghiaccio che sembrano non riconoscerla.
Lei però di lui non può dimenticarsi. Lo ha soccorso tre anni prima quando, ferito, è comparso nel fienile della fattoria di famiglia a Poznan. Tra loro era scoccata una scintilla, ma dopo che lui è partito Anna ha scoperto che le aveva mentito sulla propria identità, forse addirittura sul nome.
E un dubbio ancora più grande la perseguita da allora: è davvero lui l’autore della soffiata che ha cambiato il corso della sua vita, spingendola a unirsi alla Resistenza per cercare vendetta?

Qualunque sia il tuo nome
Un bel romanzo, ambientato nella Polonia occupata della Seconda Guerra Mondiale, che copre un arco di tempo che va dall’inizio alla fine della guerra.
I protagonisti sono Anna, giovane insegnante costretta a rifugiarsi nella casa di campagna della zia, lontano da Varsavia, e Werner soldato delle SS che, ferito, si rifugia nel fienile della zia della ragazza.
La storia d’amore tra i due inizia con una bugia, perché l’uomo, soccorso dalla giovane, non dice chi è in verità e maschera la sua identità fingendosi un addetto alla costruzione di strade. Una volta guarito, lascia il suo nascondiglio con la promessa che un giorno, forse, si rincontreranno. Tuttavia, nonostante la brevità dell’incontro e la situazione della guerra intorno, nessuno dei due dimenticherà l’altro e presto saranno di nuovo faccia a faccia…
Anna infatti non ce la fa a star lontano dai guai e ben presto rimane coinvolta nella resistenza polacca, vivendo alla macchia insieme a tanti altri partigiani che cercano di minare l’invasione dei nazisti.
Questo le costerà caro: catturata e portata nel quartier generale delle SS, si troverà di fronte un uomo che pensava di non rivedere mai più, con la divisa nazista addosso.
Senza rivelare nient’altro della vicenda, che si snoderà tra paesaggi di disperazione e momentanei attimi di pace relativa, posso dire che Qualunque sia il tuo nome è un romanzo interessante, asciutto e con un buon ritmo narrativo, un’analisi storica ineccepibile e una storia d’amore improbabile ma non impossibile, con due protagonisti, Anna e Werner, dai caratteri forti, desiderosi di riscattare la loro vita e costruire un futuro insieme.
La storia attraverserà tutti gli anni di guerra e toccherà le grandi tragedie che ben conosciamo: la persecuzione degli ebrei e delle minoranze, gli omicidi di massa, l’accanimento contro gli oppositori politici e contro gli intellettuali, nel tentativo del Regime di cancellare la memoria e la cultura di popoli interi.

ladykira

ladykira
Admin founder RFS

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Fama e fortuna – Serie: All cocks #2” di T.M. Smith

Victor Dimir si è trasferito in America assieme ...