Home / Emozioni in tartan / Recensione: “La promessa di Jeanne” di Marta Savarino

Recensione: “La promessa di Jeanne” di Marta Savarino

Trama

Cosa si è disposti a fare pur di mantenere una promessa fatta a un’amica?
Fino a che punto un uomo e una donna possono riuscire a tener fede a un giuramento quando le loro vite e quelle dei loro cari sono messe in pericolo?

«Prometti, Jeanne… Prometti che non rivelerai mai il nostro segreto a nessuno».
«Lo prometto, Isabelle. Fidati di me».
La giovane donna dai lunghi capelli corvini annuì udendo la risposta dell’amica e la abbracciò stretta ancora qualche istante.
Jeanne trattenne a stento le lacrime, non voleva farsi vedere tanto vulnerabile in un momento come quello.
Un ultimo abbraccio, sorrisi e lacrime che alla fine nessuna delle due giovani riuscì a trattenere nonostante la volontà di apparire forti…
«Addio, Isabelle… Buona fortuna, abbi cura di te» mormorò la donna bionda stringendo le mani dell’altra…

Sono passati tre anni dalla notte in cui Isabelle Morens e Jacques, Conte di Portchartain e figlio illegittimo di Luigi XIV, hanno abbandonato Versailles e la Francia con l’aiuto di Jeanne Arnaud e del Maresciallo Nicolas de Catinat. Da quel momento, il sovrano non ha mai smesso di cercare il figlio con il preciso intento di riportarlo a Corte per punirlo per aver mandato all’aria i piani politici che lo vedevano coinvolto.
Per le sue ricerche, il Re si avvale dell’aiuto del nobile Philippe, Marchese de la Roche, bello quanto privo di scrupoli e perverso. L’uomo ha l’ordine di riportare a Corte Nicolas con l’intento di fargli confessare quanto sa della fuga del figlio del Re e lo farà sfruttando la sua unica debolezza: l’amore per la moglie e per la famiglia. Dopo il rapimento di Jeanne insieme al figlio di pochi mesi, Nicolas si lancia in una disperata ricerca che dalla Scozia lo porta proprio a Versailles davanti al Re, pronto ad affrontare le conseguenze delle sue azioni e del tradimento nei confronti della corona francese.
Amore, passione, intrighi e avventura tra la Scozia e la Francia del XVII secolo…

Recensione

I miei complimenti alla Sig.ra Savarino che anche con il secondo libro è riuscita ad ammaliarmi e conquistarmi pagina dopo pagina: la storia di Jeanne e Nicolas è strepitosa.
Pur essendo la continuazione della storia iniziata nel primo libro, “La vendetta di Isabelle”, questo libro può essere letto anche da solo; nelle prime pagine l’autrice fa un piccolo riassunto dei fatti principali accaduti nell’altro.
Jeanne si è sposata con Nicolas, si sono trasferiti in Scozia, lui ha rassegnato le dimissioni da Capitano, alleva cavalli e aspettano il loro primo figlio. Tutto sembra andare bene, però la felicità, come sempre, non dura mai a lungo. Infatti, Re Luigi XIV sta ancora cercando di rintracciare Jacques, cercando di capire chi lo ha aiutato a fuggire e soprattutto dove sia. In tre anni i suoi investigatori non sono riusciti a scoprire niente così lui richiama in patria Philippe De Fresnay, Marchese De La Roche e spia alla corte inglese per conto di Luigi, un gran bell’uomo ma molto sadico e crudele (posso assicurarvi che vorrete fargli male!). Quest’ultimo, in poco tempo, scopre cosa è successo e dove vivono Nicolas e Jeanne; sa che per trovare Jacques e Isabelle deve far parlare Nicolas e così rapisce sua moglie ed il figlio piccolo.
Leggendo il libro, ci si immerge così tanto nella storia da avere la sensazione di essere lì con loro e  vivere le loro sensazioni ed emozioni. Già nel primo libro l’autrice ci fa intuire il suo amore per il periodo di Luigi XIV, attraverso il suo modo di raccontare i fatti e  di descrivere i fasti del palazzo di Versailles, con tutti i suoi intrighi.
I personaggi sono ben descritti, con caratteri così chiaramente delineati da non poterli non amare (od odiare: un nome a caso, Philippe). All’inizio del primo libro, Nicolas mi era un po’ antipatico, ma poi da metà libro ha iniziato ad essermi simpatico fino a conquistarmi totalmente: la sua fedeltà al Re prima, l’amore per la sua famiglia poi ed il rischiare tutto per un’amicizia appena iniziata lo hanno fatto entrare nella lista dei buoni.
Quindi, amiche lettrici, se in un pomeriggio uggioso, ma anche no, non sapete cosa leggere, immergetevi alla corte di Luigi XIV e scoprite cosa succede… Buona lettura!

Fiamme Sensualità Lieve

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

Babila

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Fama e fortuna – Serie: All cocks #2” di T.M. Smith

Victor Dimir si è trasferito in America assieme ...