Home / Erotic Romance / Recensione: “Passa la notte con me” di Megan Maxwell

Recensione: “Passa la notte con me” di Megan Maxwell

Care Fenici, oggi Sax ci parla dell’ultimo libro di Megan Maxwell, “Passa la notte con me”, buona lettura!

Cover realizzata da Frarale

Dennis è un attraente docente brasiliano che durante il giorno insegna in una scuola tedesca e di notte si scatena con le sue lezioni di furrò, un ballo tipico del suo Paese. Finito l’anno scolastico, un rinomato istituto britannico gli fa un’offerta di lavoro e lui accetta senza esitazione. Quello che lo aspetta a Londra è estremamente allettante per lui: un ambiente diverso, nuove conoscenze e vecchi amici che non vedono l’ora di introdurlo alla vita notturna della città. Le sue avventure vanno a gonfie vele, ma a Londra c’è anche Lola, una spagnola con un carattere di fuoco che, a differenza delle altre donne, non ha alcuna intenzione di farsi usare… Anzi, è lei che conduce il gioco. Dennis non si è mai innamorato prima e fatica a capire perché ogni volta che la vede ha i brividi. Ma trascorrere una notte con lei è tutto ciò che desidera, anche a costo di perdere il suo cuore.

Questo libro è di per sé autoconclusivo, ma presenta molti riferimenti alle precedenti trilogie dell’autrice, infatti rincontriamo alcuni personaggi della Maxwell. Dennis stesso aveva già fatto la sua apparizione in quelle vicende, quindi possiamo definire questo volume una sorta di crossover.

La sinossi di questo libro può trarre in inganno chi non conosce gli altri lavori dell’autrice, infatti il protagonista è sì un docente di giorno e insegnante di ballo la sera, ma di notte si scatena nei locali di scambisti. Quando ho iniziato questo libro non conoscevo i lavori precedenti della Maxwell e per quanto io mi consideri di larghe vedute, e difficilmente impressionabile, arrivata a un certo punto sono rimasta a bocca aperta dallo shock per le scene crudamente descritte.

Nelle prime pagine Dennis si presenta come il classico ragazzo spensierato a cui piace girare il mondo, fare mille esperienze e godersi la vita. È originario del Brasile, ma viveva e lavorava in Germania, come professore di Matematica e insegnante part-time di ballo, ora è in procinto di trasferirsi a Londra per insegnare presso una rinomata scuola privata.

Il suo vivere il sesso in modo libero e privo di preconcetti e pregiudizi è chiaro sino dai primi capitoli e dal suo primo incontro con Lola. Fin qui nulla di nuovo, siamo ormai abituate a queste figure maschili con abitudini sessuali disinibite e fuori dagli schemi: il BDSM non è più una novità nei romanzi odierni. Anche il fatto che Dennis frequenti locali per scambisti “interagendo” con altre coppie non è così scioccante, è quello che viene dopo che mi ha lasciata basita, ma non volendo spoilerare non posso anticiparvi niente.

Il personaggio di Lola, invece, è più in linea con quelli che siamo abituati a incontrare, nonostante all’apparenza la sua situazione sia un po’ diversa dal solito, è la classica ragazza forte e indipendente che lotta per vivere la vita liberamente, senza sottomettersi alle regole degli altri. Anche se frequenta gli stessi locali di Dennis, in fondo ha una concezione del sesso molto differente in principio.

Al di là delle scene ad alto contenuto erotico, la trama è avvincente, ricca di colpi di scena , con personaggi molto affascinanti e complessi. Nulla è bianco o nero in questo libro, ma ogni figura che si incontra ha i suoi pregi e i suoi difetti, come nella vita reale. Le problematiche che vengono affrontate, nell’evolversi della vicenda, sono abbastanza spinose e purtroppo anche abbastanza reali: la cecità di fronte a un palese tradimento, l’abbandono da parte di un genitore, l’amore materno dove non ci si aspetta, l’omosessualità vissuta come vergogna e colpa, il bigottismo della gente (come il padre di Lola, che predica bene e razzola male) e l’egoismo delle persone.

Quindi, tralasciando la vita sessuale dei protagonisti che mi ha personalmente messo molto a disagio, ma è una mera questione di gusti, la storia è molto bella e non così scontata come può sembrare all’inizio. Dennis e Lola sono due personaggi molto complessi e danno vita a un racconto coinvolgente, che fa emozionare il lettore e lo fa partecipe delle disavventure della loro famiglia allargata. Impossibile non arrabbiarsi, commuoversi e ridere con loro, alcune volte verrebbe da prenderli a schiaffi, altre si vorrebbe abbracciarli e consolarli.

Per concludere, ve lo consiglio come una piacevolissima lettura, ma tenete conto delle avvertenze: se avete qualche problema con le scene di sesso nudo e crudo con più di due persone leggete con cautela.

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: “Verso l’inverno” di Lily Archer serie Prigioniera dei Fae #2

  Titolo: Verso l’inverno Serie :Prigioniera dei Fae ...