Home » Recensione libri » Made in Italy » Recensione: “I nostri incontri proibiti” di Mariella Mogni

Recensione: “I nostri incontri proibiti” di Mariella Mogni

 

Trama rosa

 

Un uomo e una donna possono essere solo amanti?

Un’amicizia nata casualmente in rete si trasforma in un amore vissuto nel segreto di una chat. Da un po’ di tempo Sara ed Edoardo si scambiano sesso e trasgressione esaltati dal gusto del proibito e protetti da una telecamera che li mostra ma non unisce. Spogliarsi e accarezzarsi come se fosse l’altro a farlo è solo un gioco senza conseguenze, che non potrà mai trasformarsi in altro. Una dolce pausa da una vita di coppia che non funziona più, per nessuno dei due. Finché gli incontri diventano reali e Sara ed Edoardo capiscono di provare qualcosa di più profondo. Il sesso, vissuto e non semplicemente immaginato, è un collante formidabile, grazie al quale si scoprono complici e affini, mentre l’amore cresce di pari passo con l’intimità.
Ma come conciliare le fantasie proibite con i problemi e le difficoltà di un mondo fin troppo reale?

Recensione rosa

Le storie raccontate da Mariella Mogni non sono mai banali, spensierate, pulite, politically correct… in una parola non sono mai facili perché portano in dote al lettore uno spaccato di vita non edulcorata, in cui i personaggi devono districarsi tra problemi pratici e dolori interiori, in una quotidianità asfissiante .

Edoardo e Sara sono due estranei che consumano incontri proibiti attraverso lo schermo di un computer. Amanti virtuali obbligati, dalla necessità e dal destino, a percorrere strade che non possono intersecarsi.”

Sara è una giovane donna, sposata con Marco, un uomo che non la capisce e che la vuole plasmare a suo piacimento, limitando il suo orizzonte alle sole mura domestiche .

Ed è proprio la mancanza di una vita propria a spingerla a costruirsene una fittizia; si rifugia nelle amicizie illusorie dei social per sentirsi meno sola e su Facebook conosce Edoardo che, con la sua presenza virtuale, rende più sopportabile la sua esistenza .

Edoardo, l’uomo che Sara considera il suo amore segreto, è a sua volta sposato con Francesca, un avvocato in carriera , esattamente l’ opposto del marito il quale, da quando il licenziamento gli è caduto addosso come un fulmine a ciel sereno, fa il cenerentolo, occupandosi a tempo pieno dei lavori domestici e di suo figlio Tommaso. Allo scontento per questa sua situazione che lo deprime e lo castra come uomo si unisce il risentimento verso sua moglie, la cui accondiscendenza e tenerezza verso il marito nascondono un subdolo e calcolato opportunismo.

Sara , malinconica e profondamente intelligente, è per Edoardo l’unico antidoto per tornare ad essere quello di prima: spontaneo, autentico, libero. Lo stesso vale per Sara , la quale sviluppa una dipendenza nei confronti del suo amico virtuale, che è l’unico in grado di ridarle vitalità, di farla tornare la ragazza brillante di un tempo, prima che il rimpianto ed il rancore verso Marco la rendesse apatica spenta, rassegnata a vivere accanto ad all’estraneo che è diventato suo marito.

Le vite di Edoardo e Sara sono ancorate altrove, eppure continuano a cercarsi, ad accarezzarsi fingendo che sia l’altro a farlo, esaltati dal gusto trasgressivo dei loro incontri proibiti.”

Ma cosa succederà quando la loro storia da virtuale diventerà reale ?

Lo scoprirete solo leggendo, perché non vi racconterò oltre della trama, per non togliervi il gusto di immergervi in una storia d’amore ben costruita, scritta con uno stile fluido ed asciutto che rende credibile in ogni sua parte l’evoluzione del romanzo.

Vi consiglio di leggere questo libro perché oltre all’erotismo, le scene di sesso sono descritte in modo esplicito ma mai volgare, troverete ad attendervi una bellissima storia d’amore contrastata da tutto e da tutti ( anche dagli stessi protagonisti) e che dovrà trovare la forza, la decisione, ed il coraggio per emergere dalla clandestinità e conquistarsi (forse) il suo posto nel mondo reale.

L’unica cosa da cui mi sento di dissentire , ma credetemi con il sorriso sulle labbra, è l’epilogo del romanzo perché purtroppo la realtà è di rado così clemente , ma non è per questo che leggiamo, per evadere da una realtà che a volte ci va stretta?

Fiamme-Sensualità-Super-Hot NUOVA

 

Recensione a cura di:

LadyArya

Editing a cura di:

MagaMagò

 

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “La figlia del diavolo – (The Ravenels Series #5)” di Lisa Kleypas

Titolo: La Figlia del diavolo (Devil’s Daughter) Serie: The ...